fbpx

Quando lo stress stanca più della corsa 

Foto: 123rf
Con il concetto di “carico allostatico” Pietro Trabucchi fornisce una chiave modernissima di interpretazione per capire come gli stress di tipo emotivo o cognitivo possano alterare le nostre prestazioni.

“Qualsiasi runner che si alleni di sera si accorge che una giornata complicata – lavorativa o familiare – abbassa il proprio rendimento in corsa. Se in ufficio qualcosa è andato storto, oppure le riunioni e gli incontri vi hanno stritolato come fa un pitone con la preda, l’allenamento risulterà più faticoso. Se a casa avete discusso con il coniuge o battagliato con i figli per ottenere il minimo sindacale del profitto scolastico, state tranquilli che le vostre ripetute serali ne risentiranno. In peggio.” 

Con questi esempi, fotografie autentiche delle vite quotidiane di molti di noi, Pietro Trabucchi introduce un concetto scientifico relativamente recente, noto come “carico allostatico”.

“I tre ordini di fattori (emotivi, cognitivi e fisici) presenti nella nostra vita – spiega Trabucchi – interagiscono e si influenzano a vicenda. E condizionano l’aspetto atletico. Il carico emozionale a cui siamo sottoposti ogni giorno (arrabbiature, frustrazioni come gioia o felicità) così come il carico cognitivo (i dati a cui dobbiamo prestare attenzione e che dobbiamo ricordare e rielaborare) “pesano” sul funzionamento del corpo.

Il carico allostatico

“Come è possibile che un lavoro cognitivo (ad esempio aver dovuto far tornare i conti di un bilancio) oppure uno emotivo (come l’aver discusso con i colleghi) possano produrre un effetto peggiorativo sul lavoro dei muscoli e sulla loro contrazione? Tutto diventa più comprensibile – rivela Trabucchi – se utilizziamo un concetto scientifico piuttosto recente, quello di “carico allostatico”, divulgato dal neuroscienziato Bruce McEwen nel suo libro The End of Stress As We Know It (2012): “in parole povere, il carico allostatico è la somma di tutti gli elementi stressanti a cui siamo quotidianamente sottoposti. Anzi, per essere precisi è il costo totale dei vari adattamenti (fisiologici, cognitivi ed emozionali) a cui l’organismo è ricorso nel lungo periodo. Uno stress emotivo, un carico cognitivo, uno sforzo fisico (ma anche l’esposizione a sostanze inquinanti, prodotti tossici, perturbazioni dell’assetto fisiologico ecc.) spostano l’omeostasi dell’organismo che deve compiere un lavoro per riequilibrare la situazione. Questo lavoro viene compiuto attraverso gli assi ormonali dello stress; ed è qualcosa che – aggiunge il nostro esperto – ha un prezzo in termini di salute e di performance”. 

Lo stress si può misurare

L’intervento di Trabucchi prosegue spiegando che è possibile misurare la quantità di questo carico di stress, illustrando nel dettaglio i sette indicatori proposti dalla Fondazione MacArthur. 

Nota: Questo testo rappresenta una sintesi del servizio “L’implacabile legge della suocera”, di Pietro Trabucchi, pubblicato su Correre n. 447, gennaio 2022 (in edicola da inizio mese), alle pagine 56-57.

 

Correre Gennaio 2022

Il 2022 comincia di corsa con Correre di gennaio: questo mese parliamo di… Tutto su Giovanna Epis – L’intervista, il servizio fotografico esclusivo, gli allenamenti cruciali di ognuna delle quattro maratone in quattro anni chiuse ogni volta con il primato personale, il ritratto umano e tecnico tracciato dal suo coach, che a proposito della dedizione […]

SEMPRE IN QUESTO NUMERO

Correre di Gennaio: Per la realtà aumentata basta inquadrare il QR Code 

04 Gennaio, 2022

Da questo numero di Correre di gennaio scaricare i video e gli altri contenuti aggiuntivi è ancora più facile: basta inquadrare il QR Code che compare a fianco del servizio. Ecco l’elenco dei contributi multimediali a disposizione dei lettori. Da questo numero di Correre, scaricare i contributi aggiuntivi (video, photogallery, audio etc) diventa ancora più […]

Correre più forte e più a lungo grazie al risparmio delle energie

La gara non è andata così bene come gli allenamenti lasciavano prevedere? Per evitare che il problema si ripeta, su Correre di gennaio Orlando Pizzolato suggerisce alcuni allenamenti specifici, focalizzati sul miglioramento della resistenza di base, grazie ai quali possiamo aumentare la nostra efficienza in gara.  Quante volte sarà capitato, a noi o ai nostri […]

Quasi come Giovanna Epis 

04 Gennaio, 2022

Il suo ostinato e quasi continuo progredire accende l’affetto e l’ammirazione di un numero sempre maggiore di appassionati, che in quell’ostinazione si riconoscono. “Siamo tutti, un po’, Giovanna Epis. Non così bravi, magari, non così determinati, ma spesso ci troviamo, come la protagonista della nostra prima copertina dell’anno, in un punto della vita in cui […]