fbpx

Correre più forte e più a lungo grazie al risparmio delle energie

Foto: 123 rf

La gara non è andata così bene come gli allenamenti lasciavano prevedere? Per evitare che il problema si ripeta, su Correre di gennaio Orlando Pizzolato suggerisce alcuni allenamenti specifici, focalizzati sul miglioramento della resistenza di base, grazie ai quali possiamo aumentare la nostra efficienza in gara. 

Quante volte sarà capitato, a noi o ai nostri amici, di rimanere delusi perché la gara non è andata così bene come gli allenamenti lasciavano prevedere? 

“Spesso, in questi casi, il mancato rendimento agonistico viene imputato all’incapacità della mente di controllare il corpo, attribuendo così questa carenza ad aspetti psicologici. È preferibile attaccarsi a questo aspetto, alquanto insondabile, piuttosto che cercare la più probabile delle cause, riscontrabile invece nella mancanza di adeguata risposta fisica”.

Gli stimoli allenanti

Con questa premessa, su Correre di gennaio Orlando Pizzolato indica i lavori più utili per migliorare la resistenza di base spiegando prima perché essa sia responsabile dei “conti che non tornano”.

“Per essere sul traguardo con un tempo che rispecchi il proprio potenziale atletico, la preparazione deve aver prodotto adeguati adattamenti fisiologici. Non è sufficiente aver svolto gli allenamenti della tabella se manca l’adeguata risposta del corpo. Io definisco allenamento quello stimolo che “disturba l’organismo”, tanto da determinarne una evidente reazione. Non rappresenta certo uno stimolo allenante una corsa di 10 km per un podista che ne percorre mediamente 15. Uno stimolo ha un’azione allenante se supera lo stato di equilibrio del corpo. Per allenarsi è quindi necessario causare una deformazione del sistema fisiologico dell’atleta. Questo è ciò che avviene quando un podista si sottopone a sedute di particolare carico: è il caso, ad esempio, di un allenamento di 10 volte 1.000 m in 4’, con 2’ di pausa. Questo amatore ambisce giustamente a correre una gara di 10 km in 40’, ma se ciò non avviene è perché il corpo – nonostante gli stimoli indotti dalle 10 prove di 1 km – non ha reagito con gli adeguati adattamenti. «Io ho fatto quel che era in tabella» afferma il corridore in questione, per legittimare la bontà del suo impegno e dello sforzo sostenuto.”

Nota: Questo testo rappresenta una sintesi del servizio “Risparmiamo le energie”, di Orlando Pizzolato, pubblicato su Correre n. 447, gennaio 2022 (in edicola da inizio mese), alle pagine 32-34.

 

Correre Gennaio 2022

Il 2022 comincia di corsa con Correre di gennaio: questo mese parliamo di… Tutto su Giovanna Epis – L’intervista, il servizio fotografico esclusivo, gli allenamenti cruciali di ognuna delle quattro maratone in quattro anni chiuse ogni volta con il primato personale, il ritratto umano e tecnico tracciato dal suo coach, che a proposito della dedizione […]

SEMPRE IN QUESTO NUMERO

Correre di Gennaio: Per la realtà aumentata basta inquadrare il QR Code 

04 Gennaio, 2022

Da questo numero di Correre di gennaio scaricare i video e gli altri contenuti aggiuntivi è ancora più facile: basta inquadrare il QR Code che compare a fianco del servizio. Ecco l’elenco dei contributi multimediali a disposizione dei lettori. Da questo numero di Correre, scaricare i contributi aggiuntivi (video, photogallery, audio etc) diventa ancora più […]

Quando lo stress stanca più della corsa 

Con il concetto di “carico allostatico” Pietro Trabucchi fornisce una chiave modernissima di interpretazione per capire come gli stress di tipo emotivo o cognitivo possano alterare le nostre prestazioni. “Qualsiasi runner che si alleni di sera si accorge che una giornata complicata – lavorativa o familiare – abbassa il proprio rendimento in corsa. Se in […]

Quasi come Giovanna Epis 

04 Gennaio, 2022

Il suo ostinato e quasi continuo progredire accende l’affetto e l’ammirazione di un numero sempre maggiore di appassionati, che in quell’ostinazione si riconoscono. “Siamo tutti, un po’, Giovanna Epis. Non così bravi, magari, non così determinati, ma spesso ci troviamo, come la protagonista della nostra prima copertina dell’anno, in un punto della vita in cui […]