fbpx

Di pari passo con il cervello

22 Marzo, 2017
123rf

Il cervello dei runner è più sviluppato. Non ve lo aspettavate? Eppure è così. Anche uno sport ripetitivo e che all’apparenza richiede un controllo motorio molto semplice è in grado di stimolare parecchio le funzioni cognitive, al contrario della sedentarietà. Lo ha dimostrato anche una ricerca recente tra cervello e corsa esiste un rapporto molto più stretto di quanto finora avessimo sospettato.

Aiuta a renderci conto che il running non consiste semplicemente nel mettere un piede dopo l’altro. Se, infatti, molti di noi sono disposti a concedere che il cervello venga sollecitato da sport dove il controllo motorio è molto complesso (ginnastica artistica, tuffi, nuoto sincronizzato, eccetera) è abbastanza sconcertante scoprire come anche la corsa stimoli, e fortemente, il funzionamento cerebrale.

Di solito, la corsa non viene considerata un’attività ad alto contenuto cognitivo, come potrebbe essere invece il fatto di suonare uno strumento. Normalmente reputiamo che il running sia un’attività ripetitiva e piuttosto semplice, di gran lunga meno “cerebrale” rispetto all’eseguire musica, o a leggere un libro o una rivista.
Invece, scopriamo ora, non è così. A quanto sembra correre implica l’uso di abilità di orientamento e di “navigazione” estremamente complesse: occorre pianificare e monitorare costantemente il percorso, ispezionare l’ambiente, confrontare memorie di corse e competizioni passate con la situazione attuale. Tutte queste informazioni vengono coordinate con il network cerebrale che si occupa di predisporre e collegare l’attività motoria in atto.

In un solo caso la connettività dei runner è risultata più bassa rispetto al gruppo di controllo e, siamo sicuri, questo aspetto non vi stupirà…

Nota: Questo testo rappresenta una sintesi del servizio “Di pari passo con il cervello”, di Pietro Trabucchi, pubblicato su Correre n. 390, aprile 2017, alle pagine 70-71.

Correre Aprile 2017

Cosa c’è su Correre di aprile Panorama – Il coraggio di fare atletica senza spazi, né mezzi. A Gela (CT), dove gli Young Runner si allenano per la strada, in una periferia immutabile e pericolosa, ma con risultati da paura! (Saverio Fattori) Allenamento – Parola d’ordine: “Yes, you can”, perché nessuno di noi si deve […]

SEMPRE IN QUESTO NUMERO

Le prove ripetute ai raggi X

22 Marzo, 2017

Arriva il mese di aprile e si fanno sempre più intensi gli allenamenti sulle prove ripetute, un mezzo di lavoro indispensabile per arrivare in forma alle prime gare. Un mezzo di lavoro che, però, va usato con molta gradualità e senza esagerare, tanto che gli addetti ai lavori ritengono che, anche in un periodo di […]

Cominciare a ogni età

22 Marzo, 2017

Si può cominciare in tanti modi, in molte occasioni. Quello primaverile resta però il momento in cui l’ambiente offre le condizioni migliori. Cambia l’ora, da solare a legale, i confini del giorno si espandono a invadere la sera, risalgono le temperature. Tante ore di luce e, non neghiamolo, un generale miglioramento del nostro umore caratterizzano […]

Vade retro acido lattico

22 Marzo, 2017

Proprio così. Quella maledetta “soglia anaerobica” è il nostro limite di velocità, oltre il quale, nei nostri muscoli, aumenta la produzione di quell’altrettanto maledetto composto tossico chiamato “acido lattico”. Limite che però, lavorando con pazienza e metodo, può essere migliorato. Come in un’azzeccata similitudine di Orlando Pizzolato, la soglia anaerobica può essere paragonata ad una […]

Yes, you can. Migliorare è possibile

22 Marzo, 2017

Nelle tante corse amatoriali domenicali a qualche podista tocca inevitabilmente tagliare il traguardo per ultimo. Questi corridori non riescono a correre più velocemente a causa di qualche controindicazione fisica, o sono invece lenti perché si allenano di meno? Se lo è domandato un gruppo di ricercatori dell’università di Zurigo, che a riguardo ha condotto uno […]

Pulizie di primavera

21 Marzo, 2017

Quando sentiamo la necessità di una fase di pulizia alimentare? Ad esempio dopo un periodo irregolare (come gli sgarri natalizi o una settimana bianca a base di formaggi e affettati), nei momenti di maggiore sensibilità stagionale (specie nel periodo dei pollini) o di malessere intestinale (disbiosi, stitichezza, virus). Per impostare questa fase riequilibrante, spesso vengono […]