fbpx

Le prove ripetute ai raggi X

22 Marzo, 2017
123rf

Arriva il mese di aprile e si fanno sempre più intensi gli allenamenti sulle prove ripetute, un mezzo di lavoro indispensabile per arrivare in forma alle prime gare. Un mezzo di lavoro che, però, va usato con molta gradualità e senza esagerare, tanto che gli addetti ai lavori ritengono che, anche in un periodo di costruzione, non si debba effettuarne più di due sedute alla settimana.

Anzi, sarebbe meglio limitarsi ad una sola seduta ogni sette giorni.

Pronti via un breve ripasso dei fondamentali insieme a coach Giorgio Rondelli: cosa sono le ripetute, cosa sviluppano, come effettuarle, quali gli errori più ricorrenti.

Per una buona gestione di un allenamento di questo tipo è quasi indispensabile la presenza di un coach esperto che indichi il numero delle prove da eseguire in base alla gara da preparare, i tempi da realizzare e la velocità eventuale del recupero. Che non deve essere troppo lungo, ma neppure troppo veloce per non arrivare a un appiattimento della velocità fra il tempo della prova ripetuta e quello successivo del recupero.
Nell’affrontare una seduta di prove ripetute è inoltre fondamentale distinguere fra le capacità prestative di un amatore e quelle di un atleta di medio-alto livello.

Concretamente? Rondelli passa dalla teoria alla pratica presentando sei opzioni per tutte le distanze del mezzofondo veloce e prolungato, dagli 800m alla maratona.

Nota: Questo testo rappresenta una sintesi del servizio “Le prove ripetute ai raggi X”, di Giorgio Rondelli, pubblicato su Correre n. 390, aprile 2017, alle pagine 52-54.

Correre Aprile 2017

Cosa c’è su Correre di aprile Panorama – Il coraggio di fare atletica senza spazi, né mezzi. A Gela (CT), dove gli Young Runner si allenano per la strada, in una periferia immutabile e pericolosa, ma con risultati da paura! (Saverio Fattori) Allenamento – Parola d’ordine: “Yes, you can”, perché nessuno di noi si deve […]

SEMPRE IN QUESTO NUMERO

Di pari passo con il cervello

22 Marzo, 2017

Il cervello dei runner è più sviluppato. Non ve lo aspettavate? Eppure è così. Anche uno sport ripetitivo e che all’apparenza richiede un controllo motorio molto semplice è in grado di stimolare parecchio le funzioni cognitive, al contrario della sedentarietà. Lo ha dimostrato anche una ricerca recente tra cervello e corsa esiste un rapporto molto […]

Cominciare a ogni età

22 Marzo, 2017

Si può cominciare in tanti modi, in molte occasioni. Quello primaverile resta però il momento in cui l’ambiente offre le condizioni migliori. Cambia l’ora, da solare a legale, i confini del giorno si espandono a invadere la sera, risalgono le temperature. Tante ore di luce e, non neghiamolo, un generale miglioramento del nostro umore caratterizzano […]

Vade retro acido lattico

22 Marzo, 2017

Proprio così. Quella maledetta “soglia anaerobica” è il nostro limite di velocità, oltre il quale, nei nostri muscoli, aumenta la produzione di quell’altrettanto maledetto composto tossico chiamato “acido lattico”. Limite che però, lavorando con pazienza e metodo, può essere migliorato. Come in un’azzeccata similitudine di Orlando Pizzolato, la soglia anaerobica può essere paragonata ad una […]

Yes, you can. Migliorare è possibile

22 Marzo, 2017

Nelle tante corse amatoriali domenicali a qualche podista tocca inevitabilmente tagliare il traguardo per ultimo. Questi corridori non riescono a correre più velocemente a causa di qualche controindicazione fisica, o sono invece lenti perché si allenano di meno? Se lo è domandato un gruppo di ricercatori dell’università di Zurigo, che a riguardo ha condotto uno […]

Pulizie di primavera

21 Marzo, 2017

Quando sentiamo la necessità di una fase di pulizia alimentare? Ad esempio dopo un periodo irregolare (come gli sgarri natalizi o una settimana bianca a base di formaggi e affettati), nei momenti di maggiore sensibilità stagionale (specie nel periodo dei pollini) o di malessere intestinale (disbiosi, stitichezza, virus). Per impostare questa fase riequilibrante, spesso vengono […]