fbpx

La mente che corre con noi

28 Aprile, 2019
Foto: 123rf

Ho preso l’abitudine di accogliere i lettori della newsletter proponendo loro ogni volta una traccia-madre, un filo conduttore che percorre le pagine del numero di Correre che andiamo a presentare ponendosi come un’archi-trave, una struttura portante del numero stesso. A volte questo comune denominatore è evidente, come quando un argomento raggiunge le dimensioni del dossier tecnico o del reportage, altre volte va un po’ spiato tra le righe, come in una partita di Pokémon Go.

Su Correre di maggio è più facile del solito tracciare l’identità del convitato di pietra che domina molti contenuti: il nostro cervello e il suo ruolo determinante nel farci o non farci andare a correre, nel farci transitare indenni dalla frontiera di stanchezza di un trentesimo chilometro della maratona, nel renderci disponibile l’ostinazione che serve a farci ripartire ancora una volta dopo uno stop per infortunio, mancanza di tempo o altri motivi al confine tra alibi e realtà. 

Il cuore di questo ragionamento abita nell’intervento di Pietro Trabucchi (“Teste da allenamento”, pagine 76-77), in cui lo psicologo dello sport indaga gli aspetti mentali che condizionano le sedute di lavoro dei runner. Scopriamo che ci alleniamo con lo stesso stile con cui viviamo: con ansia da prestazione se nella vita pure siamo ansiosi, meticolosi fino all’esasperazione se questo è il tratto caratteristico della nostra personalità, incapaci di concepire il riposo come un investimento di tempo utile al risultato, se tale anche nel quotidiano è il nostro marchio di fabbrica.

A chiamare in causa il cervello sono però anche gli interventi di Daniele Vecchioni e Giuseppe Tamburino dedicati rispettivamente alla gestione mentale della gara e ai benefici del correre in gruppo per chi comincia, pagine in cui l’esperienza dei due atipici ed efficaci preparatori si pone al servizio degli altri. E il cervello gioca poi un ruolo fondamentale anche in un altro passaggio di frontiera, spesso più duro da attraversare del trentesimo mille di una maratona, il transitare della vita femminile oltre il confine della fertilità verso la menopausa, fase che è al centro del lavoro di Maria Comotti e Julia Jones in questo Correre di maggio. 

Buona lettura.

Correre Maggio 2019

Sul numero di maggio parliamo di…  Panorama – Da Roma a Milano, nell’ennesimo weekend in cui le maratone delle due città più grandi d’Italia si sono sovrapposte, lo scorso 7 aprile. In parallelo, ecco com’è andata. Allenamento – Come appoggiano i piedi i top runner? I risultati di un recente studio della Iaaf rischiano di […]

SEMPRE IN QUESTO NUMERO

Scarpe: provate per voi le Asics Gel Nimbus 21 e le Brooks Adrenaline GTS 19 

28 Aprile, 2019

“Ammiraglie a confronto” verrebbe da titolare. Su Correre di maggio compaiono due dei nostri famosi test scarpe, dedicati questa volta ai modelli di punta della collezione running primavera-estate di due brand che sono nel cuore dei runner più appassionati: Asics e Brooks.  Tanto la Asics Gel Nimbus 21 quanto la Brooks Adrenaline GTS 19 sono […]

Correre felici anche in menopausa

28 Aprile, 2019

Insonnia, gonfiori, vampate di calore, aumento di peso, sbalzi d’umore improvvisi. Sono solo alcuni dei sintomi, uniti a un senso di disorientamento generale, che accompagnano questa fase della vita di una donna, estremamente delicata e dalle tante implicazioni, sia fisiche sia psicologiche.  Come sempre accade, praticare regolarmente attività fisica, abbinandola a un’alimentazione salutare, permetterà anche […]

L’importanza dei pasti post gara 

28 Aprile, 2019

Punto primo: una volta terminata la gara non è indispensabile abbuffarsi al ristoro. La fame che ci assalirà nelle ore successive andrà soddisfatta con un minimo di autocontrollo e così dovrà essere anche nei giorni successivi, se non vogliamo salire di peso. L’intenso svuotamento energetico e il consumo proteico legato all’usura muscolare e tendinea richiedono […]

Per un appoggio ideale

28 Aprile, 2019

Una domanda che spesso i podisti rivolgono al nostro direttore Orlando Pizzolato è relativa all’appoggio del piede: deve avvenire di pianta o tallone? Proviamo a rispondere coi risultati di uno studio della IAAF (International Association of Athletics Federations) realizzato in occasione dei Campionati mondiali di atletica leggera. I talloni dei top runner I ricercatori hanno […]

Una concorrenza sleale

28 Aprile, 2019

  Certificato medico per gli stranieri e runcard sul banco degli imputati per il nanismo delle corse italiane. Due veri danni per i nostri organizzatori, perché contribuiscono a dirottare sulle corse di altri Paesi le iscrizioni che potrebbero arrivare dall’estero. È l’opinione del presidente della commissione Iaaf per le corse su strada, Carlo Capalbo, che […]

Doppia maratona, sì o no?

28 Aprile, 2019

Alcuni professionisti lo fanno: corrono una maratona ed entro il mese successivo replicano con una seconda. Ma l’amatore che corre su strada? Come capire se si è pronti alla doppietta o se, al contrario, è necessario ripartire con una programmazione mirata dopo alcuni mesi di scarico?  Una riflessione su tutte Va innanzitutto messo in chiaro […]