fbpx

Doppia maratona, sì o no?

28 Aprile, 2019
Foto: Pierluigi Benini

Alcuni professionisti lo fanno: corrono una maratona ed entro il mese successivo replicano con una seconda. Ma l’amatore che corre su strada? Come capire se si è pronti alla doppietta o se, al contrario, è necessario ripartire con una programmazione mirata dopo alcuni mesi di scarico? 

Una riflessione su tutte

Va innanzitutto messo in chiaro che i meccanismi fisiologici e i criteri di programmazione validi per il professionista non sono sovrapponibili a quelli degli amatori. L’amatore che corre su strada, nella maggior parte dei casi, vede la maratona come un’impresa e si approccia alla preparazione sovrapponendo gli impegni personali ad allenamenti faticosi, costretto magari a orari non ottimali.

Valutare la prima gara

La forma fisica derivante dalla prima maratona può essere conservata per un periodo ipotetico di 5 settimane, ma prima di decidersi per una seconda gara bisogna capire in quali condizioni si è terminata la precedente. 

Quando si chiude la seconda parte della prova con un gap superiore ai 5’ rispetto alla proiezione della prima, lo stato di affaticamento è solitamente abbastanza critico e sarebbe meglio ripensare a una programmazione futura più lontana nel tempo. 

Pianificare la nuova prova

Sul piano pratico è difficile dare indicazioni generali: ogni podista si avvicina alla maratona con una programmazione personalizzata, già seguita per la prima competizione. 

La 42 km è una prova sia fisica sia mentale, ma basteranno alcuni giorni di dieta normale per riportare la situazione fisiologica allo stato iniziale. Tuttavia, se si vuole correre una seconda maratona, i giorni necessari al recupero non devono essere troppi: se ci si sente affaticati anche correndo un lento facile, è decisamente meglio rinunciare.

Cercate di anteporre il buon senso all’euforia post maratona e, in ogni caso, prendete la decisione dopo esservi consultati col vostro allenatore.

Nota: Questo testo rappresenta una sintesi del servizio Doppia maratona, sì o no?”, di Lorenzo Falco, pubblicato su Correre n. 415, maggio 2019 (in edicola da inizio mese), alle pagine 26-30.

Correre Maggio 2019

Sul numero di maggio parliamo di…  Panorama – Da Roma a Milano, nell’ennesimo weekend in cui le maratone delle due città più grandi d’Italia si sono sovrapposte, lo scorso 7 aprile. In parallelo, ecco com’è andata. Allenamento – Come appoggiano i piedi i top runner? I risultati di un recente studio della Iaaf rischiano di […]

SEMPRE IN QUESTO NUMERO

Scarpe: provate per voi le Asics Gel Nimbus 21 e le Brooks Adrenaline GTS 19 

28 Aprile, 2019

“Ammiraglie a confronto” verrebbe da titolare. Su Correre di maggio compaiono due dei nostri famosi test scarpe, dedicati questa volta ai modelli di punta della collezione running primavera-estate di due brand che sono nel cuore dei runner più appassionati: Asics e Brooks.  Tanto la Asics Gel Nimbus 21 quanto la Brooks Adrenaline GTS 19 sono […]

Correre felici anche in menopausa

28 Aprile, 2019

Insonnia, gonfiori, vampate di calore, aumento di peso, sbalzi d’umore improvvisi. Sono solo alcuni dei sintomi, uniti a un senso di disorientamento generale, che accompagnano questa fase della vita di una donna, estremamente delicata e dalle tante implicazioni, sia fisiche sia psicologiche.  Come sempre accade, praticare regolarmente attività fisica, abbinandola a un’alimentazione salutare, permetterà anche […]

L’importanza dei pasti post gara 

28 Aprile, 2019

Punto primo: una volta terminata la gara non è indispensabile abbuffarsi al ristoro. La fame che ci assalirà nelle ore successive andrà soddisfatta con un minimo di autocontrollo e così dovrà essere anche nei giorni successivi, se non vogliamo salire di peso. L’intenso svuotamento energetico e il consumo proteico legato all’usura muscolare e tendinea richiedono […]

Per un appoggio ideale

28 Aprile, 2019

Una domanda che spesso i podisti rivolgono al nostro direttore Orlando Pizzolato è relativa all’appoggio del piede: deve avvenire di pianta o tallone? Proviamo a rispondere coi risultati di uno studio della IAAF (International Association of Athletics Federations) realizzato in occasione dei Campionati mondiali di atletica leggera. I talloni dei top runner I ricercatori hanno […]

Una concorrenza sleale

28 Aprile, 2019

  Certificato medico per gli stranieri e runcard sul banco degli imputati per il nanismo delle corse italiane. Due veri danni per i nostri organizzatori, perché contribuiscono a dirottare sulle corse di altri Paesi le iscrizioni che potrebbero arrivare dall’estero. È l’opinione del presidente della commissione Iaaf per le corse su strada, Carlo Capalbo, che […]

La mente che corre con noi

28 Aprile, 2019

Ho preso l’abitudine di accogliere i lettori della newsletter proponendo loro ogni volta una traccia-madre, un filo conduttore che percorre le pagine del numero di Correre che andiamo a presentare ponendosi come un’archi-trave, una struttura portante del numero stesso. A volte questo comune denominatore è evidente, come quando un argomento raggiunge le dimensioni del dossier […]