fbpx

Donne-runner e sicurezza: come correre senza paura

23 Febbraio, 2019
Foto: Deborah Carravieri

Mai correre al buio da sole. Mai uscire senza il cellulare, da utilizzare in caso di emergenza. La musica va tenuta a basso volume, per rimanere vigili su quello che ci accade intorno. Va informata sempre un’altra persona in merito al percorso che si intende seguire prima di uscire per un allenamento. Bisogna sviluppare una sorta di sesto senso volto a percepire i pericoli intorno a noi. Gli atteggiamenti inusuali di uomini che passeggiano da soli al parco, il movimento di una macchina che passa lentamente. Istintivamente, meglio dare uno sguardo veloce per vedere chi stia al volante e, se necessario, memorizzare la targa nel malaugurato caso in cui fosse necessario denunciare. Probabilmente non esistono donne appassionate di corsa che abbiano mai trascurato la sicurezza personale prima di chiudersi alle spalle la porta di casa per percorrere anche solo pochi chilometri. Ognuna possiede alcune linee guida abbastanza precise, maturate e apprese attraverso le proprie esperienze. 

Sotto controllo

Statistiche ufficiali sull’incidenza delle aggressioni alle runner non ce ne sono, ma se il gruppo di quasi 70 podiste che sono entrate nel gruppo #unastanzatuttapernoi di Correre può rappresentare un microcosmo esemplificativo, non si può dire che ci sia da stare tranquilli. La maggior parte delle componenti di questo gruppo corre da sola, per scelta o per necessità, negli orari che tutti gli altri impegni (lavoro, famiglia) consentono, quindi magari molto presto o molto tardi. Montagna, asfalto, città o piccoli centri, poco cambia. Attenzione sempre massima, perché gli incontri spiacevoli sono all’ordine del giorno. L’aggressione è anche uno sguardo strano che fa aumentare i battiti, è un complimento sguaiato non richiesto, è una pacca dove non si dovrebbe. 

Difesa Donna

Parola a Deborah Carravieri, istruttrice certificata di Difesa Donna (www.difesadonna.it), che ci ha parlato del suo lavoro, fornendo consigli preziosi e concreti su come agire in eventuali situazioni di pericolo.

«Lavoriamo innanzitutto sulla creazione della volontà di non essere una vittima, quindi sul fatto che ogni donna è importante, non merita alcun tipo di aggressione e ha sempre diritto di dire no. Gli aggressori sono dei codardi, ma anche degli ottimi profiler e cercano vittime. Quindi già il modo di muoversi e di guardare trasmette dei messaggi molto importanti. La paura è nostra amica se sappiamo come reagire, senza bloccarsi sul posto, perché il cervello non ha dati da processare per reagire» spiega la Carravieri.

Per una runner questo in cosa può tradursi concretamente?

«È sempre importante mantenere consapevolezza di dove si è, facendo percepire di essere padrone della situazione. Banalmente, correre con la musica e astrarsi è sicuramente bellissimo, ma anche molto pericoloso. Piuttosto utilizziamo solo un auricolare, per mantenere un minimo contatto con l’ambiente esterno. Consiglio poi di portare sempre il cellulare con sé: esiste un’app (Where are U) che permette di contattare, inviando contemporaneamente la nostra posizione, le Centrali Uniche di Risposta del NUE 112, il numero unico per le emergenze disponibile in maniera gratuita in tutta Europa. È possibile anche effettuare una chiamata muta se si è minacciati da una persona».

Nota: Questo testo rappresenta una sintesi del servizio Runner senza paura”, di Julia Jones e Maria Comotti, pubblicato su Correre n. 413, marzo 2019 (in edicola a inizio mese), alle pagine 108-113.

Correre Marzo 2019

Questo mese parliamo di… Personaggi – Talmente veloce da riuscire a correre anche al Festival di Sanremo, tra un allenamento e l’altro. Parliamo di Filippo Tortu, il giovane primatista italiano dei 100 m, intervistato insieme a Patty Pravo dal nostro inviato Sergio Meda. Reportage – Una gara di 120 km che attraversa il deserto di Ica, […]

SEMPRE IN QUESTO NUMERO

Intervista: “Ricomincio da tre”, la nuova vita da allenatore di Stefano Baldini

23 Febbraio, 2019

Dalle parole ai fatti: dopo i progetti “futuri” raccontati su Correre di novembre, la carriera da allenatore di Stefano Baldini è iniziata con Valeria Straneo, Lorenzo Dini e Samuele Dini. Siamo così ritornati a incontrare il campione olimpico di maratona 2004, che ha risposto alle domande di Francesca Grana: Quale, delle tre “candidature”, l’ha sorpresa […]

Running economy, il costo energetico della corsa

23 Febbraio, 2019

Il costo energetico dell’attività fisica è un parametro importante, con forti connotazioni biomeccaniche legate sia al gesto atletico sia alla struttura corporea del singolo runner. Vediamo in che modo è possibile agire su di esso per migliorare la propria efficienza in ottica prestativa  Quando corriamo, consumiamo energia. Negli sport di endurance, come la corsa, la […]

Allenamento ultratrail: correre alla “Fine del mondo”

23 Febbraio, 2019

Due donne con la corsa nel sangue hanno scelto di mettersi alla prova su una distanza e una condizione tecnica che non hanno mai affrontato prima. Lo faranno il 6 aprile, nella parte argentina della Terra del fuoco, nella prima edizione della Utmb Ushuaia.  Di seguito i primi passi mossi insieme durante il primo incontro […]

Dimagrire anche correndo ad alta intensità

23 Febbraio, 2019

Per consumare più grassi molti personal trainer consigliano allenamenti blandi a ritmi pulsatori molto ridotti, un suggerimento che deriva dal dato ˗ del tutto corretto ˗ secondo cui il consumo di grassi, rispetto a quello di zuccheri, aumenta via via che la velocità diminuisce. Ma non è l’unica via per dimagrire in modo efficace. Forti […]

Dentro una leggenda Inca: reportage dalla Half marathon des Sables  

23 Febbraio, 2019

Correre di marzo si apre con un nuovo reportage di Leonardo Soresi. Con lui voliamo in Perù per correre la Half Marathon des Sables, gara di 120 km in tre tappe che attraversa il deserto di Ica. Un luogo dalla bellezza primordiale situato nel sud del Paese sudamericano, a ridosso dell’oceano Pacifico, nel quale la […]

Correre per farsi accettare

23 Febbraio, 2019

A volte si preferirebbe non essere sulla notizia: ci sarebbe piaciuto non dover mai parlare su Correre del suicidio di Maura Viceconte, una delle più forti mezzofondiste prolungate e maratonete della storia della corsa italiana. Avremmo preferito aver già chiuso il numero di Correre di marzo, in quel tardo pomeriggio di domenica 10 febbraio. Un […]