fbpx

Come passare al trail running in base alla specialità di provenienza 

Foto: 123rf
Periodo di progettazione: eccoci quindi al periodico riepilogo degli aspetti principali da considerare e dei lavori da eseguire quando si programma di passare alle competizioni off-road, in base alla disciplina di provenienza.

Gli appassionati che in grande numero sono approdati in questi anni alla corsa in natura provengono sostanzialmente da due bacini: la corsa su strada e lo sci-alpinismo. Possiamo parlare di “porte girevoli”, a seconda delle “stagioni morte” dei rispettivi mondi di provenienza, precisa in apertura di articolo il nostro esperto di trail running Fulvio Massa.

Ultratrailer: qualità psico-fisiche fuori dal comune

“Quando una gara diventa molto lunga, anche i problemi che si possono incontrare si dilatano. Alcuni sono prevedibili, altri imponderabili: tutti insieme trasmettono al corpo e alla testa dell’atleta una richiesta di prestazione molto “costosa”, sia per il fisico sia per la mente. Ecco perché un ultra-trailer d’élite deve possedere delle qualità psicofisiche fuori dal comune”, spiega Massa.

Il nostro esperto passa poi ad analizzare 8 aspetti tecnici da curare, fra cui il potenziamento, l’alimentazione e il tipo di approccio tecnico alle gare, per i cui dettagli vi rimandiamo all’articolo completo su Correre di dicembre.

Il cross training fra trail running e scialpinismo

Il concetto di allenamento incrociato è ormai noto da tempo e rappresenta per molti sportivi una sistematicità di lavoro. Il trail running è a sua volta una disciplina composita, con una vasta gamma di variabili che costringono a molteplici sollecitazioni fisiche, a differenza del podismo su strada o su pista. Massa passa così ad analizzare nel dettaglio il cross training fra trail running e scialpinismo, che punta a far sì che l’alternanza tra le due attività determini un transfert di sollecitazioni neuromotorie in grado di ottimizzare le prestazioni.

La stimolazione del metabolismo aerobico è similare nelle due discipline, in quanto la tipologia e l’intensità dei due lavori sono sovrapponibili. L’analisi di Massa si concentra poi sulla biomeccanica e sul costo muscolare dello sforzo, sulle stimolazioni fisiologiche e sugli aspetti ambientali, con una carrellata dei campioni capaci di emergere in entrambe le specialità.

Nota: Questo testo rappresenta una sintesi del servizio “Migrazioni verso il mondo trail”, di Fulvio Massa, pubblicato su Correre n. 434, dicembre 2020 (in edicola a inizio mese), alle pagine 47-49.

Correre dicembre 2020

Questo mese parliamo di: Speciale salute – Sport e depressione: un legame nascosto ma molto diffuso, anche tra gli atleti professionisti. Scopriamo il nesso fra questo disturbo, le sue alterazioni biochimiche e un certo tipo di mentalità. (Pietro Trabucchi, Attilia Giuliani e Luca Speciani, Marco Raffaelli) Panorama – Isolati in un arcipelago in mezzo all’oceano […]

SEMPRE IN QUESTO NUMERO

Allenamento – Sugli adattamenti e come consolidarli

Tutte le fasi e gli step da seguire per approfittare al massimo del lavoro svolto e far durare nel tempo i propri miglioramenti. Anche in assenza di gare. Ecco le indicazioni in merito di Orlando Pizzolato. I motivi che impediscono a un podista di esprimere in gara il massimo potenziale emerso in allenamento sono diversi […]

Il ritorno di energia, tra mito e realtà

Il “ritorno di energia” è un concetto sempre in primo piano nei dibattiti sulle innovazioni tecnologiche legate alle scarpe da corsa. Approfondiamolo esaminando caratteristiche e peculiarità di alcuni “super modelli”. Per capire cosa significhi e quale importanza possa avere il ritorno di energia per i runner è utile riprendere qualche elemento di base. Il nostro […]

Donne e corsa: quel fondamentale bisogno di comunità

Ultima tappa del viaggio tutto al femminile tra le parole della corsa, 12 puntate che hanno attraversato i numeri di Correre nel 2020. Si parla di comunità, bisogno di stare assieme, necessità ancor più valorizzata dalle difficoltà di relazione dovute alla pandemia. La parola con cui chiudiamo l’avventura 2020 delle pagine dedicate a donne e […]

Quel deserto dentro di noi, tutto da conoscere e attraversare

02 Dicembre, 2020

Al primo sguardo, potrà sembrare che Correre di dicembre si apra in modo negativo. Mi riferisco al fatto che come servizio d’apertura proponiamo quando possibile un reportage o un altro tipo di contenuto capace comunque di emozionare, far rievocare o stimolare la conoscenza, mentre questa volta l’impatto è duro: sei pagine dedicate alla depressione. Perché […]