Applausi a Luciano Acquarone, Master dell’anno

Applausi a Luciano Acquarone, Master dell’anno

03 Gennaio, 2016

Il Premio “Master dell’anno”, assegnato dalla rivista Correre e dal sito Atleticanet, raggiunge la decima edizione, traguardo parallelo all’evoluzione dell’atletica master italiana. Quest’anno ad attribuire il premio è stata una giuria cresciuta a 75 membri (qualificati e rappresentativi di questo mondo) e che per la prima volta comprende anche il Presidente e il Segretario della Fidal. Con un meccanismo ormai consolidato è stata proposta una rosa selezionata di dieci atleti uomini e altrettante donne tra cui esprimere il voto. La premiazione con la consegna del trofeo avverrà, come di consueto, durante i Campionati italiani Indoor ad Ancona, a fine febbraio.

Tra gli uomini si è imposto, per la terza volta, il fondista Luciano Acquarone. L’imperiese già s’era aggiudicato il riconoscimento nel 2006 (la prima edizione) e nel 2010 ma quest’ultima affermazione è stata netta: 106 voti contro gli 81 di Gianni Becatti, il saltatore in lungo vincitore della passata edizione. A completare il podio ecco il pluricampione mondiale del salto in alto, Marco Segatel, con 70 punti, seguito con 66 punti dal velocista Alfonso De Feo.

Per Luciano Acquarone determinante è risultato il ritorno all’agonismo a un’età assolutamente proibitiva per un corridore di lunghe distanze: dopo alcuni anni di convalescenza (tromboflebite), è riuscito a raggiungere traguardi cronometrici che hanno conquistato l’ammirazione dei votanti. Ha esordito ai Campionati italiani Indoor vincendo i titoli SM85 di 800, 1.500 e 3.000 m con altrettanti record di categoria. La settimana successiva è stata la volta del titolo italiano di cross. Il 12 aprile ha poi inanellato i 25 giri dei 10.000 m su pista in 51’38”58, “quasi record mondiale”, perché gli 85 anni li avrebbe compiuti il 4 ottobre.

Il 18 maggio è venuta poi la volta dei 10 km su strada, terminati in 52’56”. Ancora in pista il 9 giugno, per un 3.000 m in 14’51”82. Poi ha dovuto rinunciare ai Campionati italiani di Cassino, perché, mentre si allenava, è stato aggredito da un cane ed è caduto rimediando una pesante tumefazione al gluteo. L’indomito imperiese è però tornato in pista il 30 luglio con un 800 m in 3’31”00, ennesimo record italiano SM85. Il 7 settembre ha gareggiato sui 5.000 m, in cui ha ottenuto 24’51”66, altro “quasi record mondiale”.

Il 20 settembre era a Bastia Umbra per i Societari Master, dove ha vinto i 5.000 m (punteggio più alto inter-categorie) con 24’56”30. Finalmente è arrivato il 4 ottobre, il giorno del suo 85esimo compleanno, e Luciano s’è fatto il regalo a Mondovì correndo il suo primo record mondiale M85 sui i 5.000 m, conclusi in 24’51”33. Due settimane dopo ha conquistato anche quello dei 10 km su strada con 52’53”, a Vado Ligure. Infine, a votazione ormai compiuta, è arrivato pure il record mondiale M85 della mezza maratona, il 6 dicembre a Sanremo con 1:58’32”; a suggello di quanto sia stato fondato il voto della giuria che lo ha eletto Master del 2015 in Italia.

Un atleta con un passato straordinario e un presente ancora tutto da raccontare.

Articoli correlati

Lucio Gigliotti compie 90 anni: auguri “Proffe”

09 Luglio, 2024

Luciano “Lucio” Gigliotti è nato ad Aurisina (TS), il 9 luglio 1934. Anche Correre festeggia i 90 anni dell’allenatore che in maratona ha costruito le carriere di Gelindo Bordin, Stefano Baldini e Maria Guida. Ecco una sintesi della lunga intervista pubblicata nel numero di luglio. Il 9 luglio sono 90 anni. Superfluo ribadire che non […]

Il recupero post maratona

Una delle problematiche tecniche che non possono avere una risposta univoca riguarda il periodo di recupero post maratona, perché il tempo necessario di recupero può dipendere da molti fattori.  Quando si parla di recupero post maratona, la prima cosa da valutare sono le condizioni fisiche di chi ha disputato la maratona: c’è chi arriva al […]

Crippa: “A Parigi tutto può succedere”

27 Maggio, 2024

Yeman Crippa ai microfoni della CorrereTV racconta il suo avvicinamento a Europei e Olimpiadi. Ma non solo… Tra poco gli Europei di Roma, prima tappa e subito dopo testa alle Olimpiadi di Parigi.Prosegue il percorso di avvicinamento di Yeman Crippa verso gli obiettivi di questa stagione ricca di appuntamenti importanti.L’azzurro ha da poco testato il […]

London Marathon: sfida stellare tra le donne

19 Aprile, 2024

La London Marathon propone il confronto diretto tra l’etiope Tigist Assefa, primatista del mondo, e le keniane Brigid Kosgei (ex primatista del mondo) e Peres Jepchirchir (campionessa olimpica). Al via anche Joyciline Jepkosgei (KEN) e Yalemzerf Yehualaw (ETH), che hanno vinto a Londra rispettivamente nel 2021 e nel 2022. Nel mirino il “vero” primato del […]