Applausi a Luciano Acquarone, Master dell’anno

Applausi a Luciano Acquarone, Master dell’anno

03 Gennaio, 2016

Il Premio “Master dell’anno”, assegnato dalla rivista Correre e dal sito Atleticanet, raggiunge la decima edizione, traguardo parallelo all’evoluzione dell’atletica master italiana. Quest’anno ad attribuire il premio è stata una giuria cresciuta a 75 membri (qualificati e rappresentativi di questo mondo) e che per la prima volta comprende anche il Presidente e il Segretario della Fidal. Con un meccanismo ormai consolidato è stata proposta una rosa selezionata di dieci atleti uomini e altrettante donne tra cui esprimere il voto. La premiazione con la consegna del trofeo avverrà, come di consueto, durante i Campionati italiani Indoor ad Ancona, a fine febbraio.

Tra gli uomini si è imposto, per la terza volta, il fondista Luciano Acquarone. L’imperiese già s’era aggiudicato il riconoscimento nel 2006 (la prima edizione) e nel 2010 ma quest’ultima affermazione è stata netta: 106 voti contro gli 81 di Gianni Becatti, il saltatore in lungo vincitore della passata edizione. A completare il podio ecco il pluricampione mondiale del salto in alto, Marco Segatel, con 70 punti, seguito con 66 punti dal velocista Alfonso De Feo.

Per Luciano Acquarone determinante è risultato il ritorno all’agonismo a un’età assolutamente proibitiva per un corridore di lunghe distanze: dopo alcuni anni di convalescenza (tromboflebite), è riuscito a raggiungere traguardi cronometrici che hanno conquistato l’ammirazione dei votanti. Ha esordito ai Campionati italiani Indoor vincendo i titoli SM85 di 800, 1.500 e 3.000 m con altrettanti record di categoria. La settimana successiva è stata la volta del titolo italiano di cross. Il 12 aprile ha poi inanellato i 25 giri dei 10.000 m su pista in 51’38”58, “quasi record mondiale”, perché gli 85 anni li avrebbe compiuti il 4 ottobre.

Il 18 maggio è venuta poi la volta dei 10 km su strada, terminati in 52’56”. Ancora in pista il 9 giugno, per un 3.000 m in 14’51”82. Poi ha dovuto rinunciare ai Campionati italiani di Cassino, perché, mentre si allenava, è stato aggredito da un cane ed è caduto rimediando una pesante tumefazione al gluteo. L’indomito imperiese è però tornato in pista il 30 luglio con un 800 m in 3’31”00, ennesimo record italiano SM85. Il 7 settembre ha gareggiato sui 5.000 m, in cui ha ottenuto 24’51”66, altro “quasi record mondiale”.

Il 20 settembre era a Bastia Umbra per i Societari Master, dove ha vinto i 5.000 m (punteggio più alto inter-categorie) con 24’56”30. Finalmente è arrivato il 4 ottobre, il giorno del suo 85esimo compleanno, e Luciano s’è fatto il regalo a Mondovì correndo il suo primo record mondiale M85 sui i 5.000 m, conclusi in 24’51”33. Due settimane dopo ha conquistato anche quello dei 10 km su strada con 52’53”, a Vado Ligure. Infine, a votazione ormai compiuta, è arrivato pure il record mondiale M85 della mezza maratona, il 6 dicembre a Sanremo con 1:58’32”; a suggello di quanto sia stato fondato il voto della giuria che lo ha eletto Master del 2015 in Italia.

Un atleta con un passato straordinario e un presente ancora tutto da raccontare.

Articoli correlati

Sofiia Yaremchuck da record

25 Febbraio, 2024

Alla Napoli City Half Marathon l’azzurra vince in 1:08’27”, lo stesso tempo ottenuto da Nadia Ejjafini a Cremona nel 2011 e tuttora record italiano. Dopo due anni e mezzo di stop rientra alle gare Yassine Rachik, decimo in 1:05’14” nella gara vinta da Brian Kewmboi in 59’26”, il tempo con cui Yeman Crippa, nel 2022, stabilì in questa gara il record italiano.

Iliass Aouani verso Osaka, trampolino olimpico

21 Febbraio, 2024

Domenica in Giappone si corre la maratona di Osaka banco di prova in chiave olimpica per Iliass Aouani, ex primatista italiano della 42 km. Ecco l’intervista che ci ha rilasciato mentre era in partenza. Abbiamo raggiunto Iliass Aouani poco prima della sua partenza per Osaka dove domenica correrà la maratona che potrebbe valere il pass […]

Rondelli: «Meucci alle Olimpiadi? Io lo porterei!»

20 Febbraio, 2024

Durante la diretta su CorrereTV dedicata al commento della maratona di Siviglia, Giorgio Rondelli ha avuto parole di grande ammirazione sia per Eyob Faniel sia per Daniele Meucci: «Fossi il CT della Nazionale, uno così affidabile nei grandi appuntamenti lo porterei comunque ai Giochi olimpici». Lunedì 19 febbraio Giorgio Rondelli è stato ospite su CorrereTV, […]

Joma veste la Maratona di Venezia

19 Febbraio, 2024

L’azienda spagnola diventa il nuovo sponsor tecnico della Wizz Air Venicemarathon 42K-21K-10K, delle Alì Family Run e del Venicemarathon Running Team Venicemarathon e Joma hanno stretto una partnership pluriennale, che vedrà l’azienda spagnola vestire le prossime edizioni della Wizz Air Venicemarathon 42K-21K10K (la cui 38esima edizione è in programma domenica 27 ottobre), le cinque Alì Family Run, ovvero le gare di […]