fbpx

Zona mista – L’anno che verrà

28 Dicembre, 2015

E così cari amici è finito anche il 2015. Sembra ieri che si parlava della novità degli assoluti al coperto a Padova, o dei campionati italiani allievi a Milano, oppure ancora del continuo depauperamento dei meeting italiani e delle volate di Usain Bolt, che ci troviamo già rimbalzati nell’anno olimpico.

Il 2016 è qui pronto con le sue fauci a divorarci con i suoi Giochi Olimpici, mentre nella nostra penisola ci si batte per allestire l’Olimpiade a Roma nel 2024. Su questo punto vorrei aprire una piccola parentesi. Ricordo i fasti di Roma ’60, con le volate di Livio Berruti, dunque sarei oltremodo felice di vederli nel 2024 nella Città Eterna e ci mancherebbe… ma non capisco come nel giro di tre anni o giù di lì, la situazione sia completamente cambiata.

Il grigio professor Mario Monti ricevette all’ultimo istante l’ex presidente del Coni (Petrucci), dopo ore in anticamera e gli sparò in faccia un bel niet: non se ne fa nulla di Roma 2020. Peana per il premier su tutti i quotidiani (atleti compresi, ho ancora dichiarazioni stampate su quella che era un tempo, la rivista concorrente a Correre che dirigevo). Passano i governi, in verità due: arrivano Gianni Letta e poi Matteo Renzi. La questione cambia completamente anche con l’elezione di Malagò al Coni. Le Olimpiadi si possono fare, o almeno provare a organizzarle. In tre anni è cambiato tutto? Misteri della politica, sportiva in questo caso.

Chiusa parentesi, che è stata troppo lunga. Allora si diceva, Olimpiadi a Rio de Janeiro in Brasile. Ma attenzione amici, prima si passa per Amsterdam (inizio luglio) dove ci sono i Campionati Europei, quelli senza marcia e maratona, più brevi, cinque giorni di gare, dove certamente avremo un gran bel numero di azzurri. Chi dovrà cercare il pass olimpico, chi invece inseguirà la gloria tra i tulipani. Nel frattempo la stagione si aprirà, come sempre, sui prati (pochi ma buoni appuntamenti), poi le indoor troveranno spazio ad Ancona e non a Genova, gli assoluti a Rieti, i societari a Milano e gli europei di cross in Sardegna. Altra parentesi. A Hyères (ultimo campionato europeo di cross lo scorso dicembre) nessuna presentazione ufficiale dell’avvenimento. Cosa che in passato era sempre avvenuta con filmati e addetti all’organizzazione. Altro mistero!

Adesso alziamo i calici: è tempo di brindare all’anno nuovo, chissà mai che ci porti qualche ventata di novità e di successi. Buon Anno.

Articoli correlati

Roma riabbraccia la sua maratona

19 Settembre, 2021

Sul traguardo della maratona di Roma il Kenya fa doppietta nella Acea Run Rome the Marathon vincendo sia la gara maschile con Clement Lagat Kiprono in 2h08’23”, sia la gara femminile con Peris Lagat Cherono in 2h29’29”. Roma all’alba è tornata a correre insieme all’Acea Run Rome The Marathon, la rinnovata edizione della maratona internazionale di […]

Tokyo 2020, Olimpiadi a porte chiuse

08 Luglio, 2021

I giochi olimpici di Tokyo 2020 si terranno senza spettatori. Il Covid spaventa il Giappone: contagi in aumento, stato d’emergenza che durerà fino al 22 agosto Era nell’aria ma adesso arriva la conferma. I Giochi di Tokyo 2020, in programma dal 23 luglio all’8 agosto, si svolgeranno a porte chiuse, senza spettatori. In precedenza si […]

Larissa Iapichino, Tokyo addio

29 Giugno, 2021

Fatale l’infortunio in pedana a Rovereto: l’azzurrina Larissa Iapichino costretta al forfait Larissa Iapichino, una delle atlete più attese della nazionale italiana di atletica leggera, avrebbe dovuto disputare a Tokyo la sua prima Olimpiade.A poche ore dall’ufficializzazione dell’elenco dei convocati arriva però la rinuncia, a causa dell’infortunio che la 19enne si è procurata in pedana durante […]

Niente olimpiadi per Sara Dossena

23 Giugno, 2021

La più forte delle maratonete italiane ha annunciato il forfait direttamente sul proprio profilo Instagram. Operata in dicembre al piede sinistro, aveva ripreso a correre da aprile, ma le recenti rinunce a gare in cui era stata annunciata tra le partenti hanno cominciato a far temere che qualcosa non stesse andando per il verso giusto. […]