fbpx

Vince a Carpi, ma era squalificato per doping

Domenica 9 ottobre ha corso e vinto la Maratona d’Italia (da Maranello a Carpi) e lunedì è stato sospeso per doping. È questa la vicenda di Jaouad Zain, il maratoneta marocchino che gareggia con i colori della LBM Sport Roma e che quando ha tagliato per primo il traguardo di piazza dei Martiri, a Carpi (2:23’57”) era già stato oggetto di provvedimento di squalifica per 4 anni dal Tribunale Nazionale antidoping del Coni, ma la notizia è stata poi diramata dall’Organo competente lunedì 10 ottobre.
Dal comunicato del Tribunale Nazionale antidoping del Coni, infatti, risulta che la squalifica decorre dal 10 ottobre (data del comunicato), ma devono ritenersi “invalidati” tutti i risultati ottenuti dall’atleta a far data dal 23 novembre 2015.

Zain (nella foto è sul gradino più alto del podio, casacca arancione) risulta quindi “indebitamente” vincitore anche della Maratona di Reggio edizione 2015 e della Maratona di San Valentino 2016 oltre che della prova emiliana di domenica scorsa. In un comunicato l’organizzazione della Maratona d ‘Italia “condanna il gesto dell’atleta procedendo alla sua esclusione immediata dalla classifica generale come disposto dalle Autorità competenti e insieme ai comuni che hanno patrocinato l’evento, Maranello, Formigine, Modena, Soliera, Carpi e la Regione Emilia Romagna, valuterà se avviare azioni legali finalizzare a tutelare l’immagine dell’Organizzazione, degli Enti e di tutti gli Sponsor che hanno negli anni contribuito alla crescita della manifestazione”.

Articoli Correlati

Shura Kitata sulle orme di Gebrselassie, Kipchoge e Bekele
Firenze marathon
Firenze marathon: domenica 29 novembre si correrà la Conad Green Half Marathon
Shura Kitata
Kitata e Kosgei vincono la maratona di Londra, Kipchoge solo ottavo
London marathon – Sfida stellare anche tra le donne: Brigid Kosgei contro Ruth Chepngetich
Eliud Kipchoge
Sfide stellari con Kipchoge, Bekele, Kosgei, Chepngetich e Cheruiyot alla Maratona di Londra
Maratona, nuova sfida per Kilian Jornet