fbpx

Tsegay corre il secondo miglior crono di sempre sui 3000 metri a Madrid

Tsegay corre il secondo miglior crono di sempre sui 3000 metri a Madrid

25 Febbraio, 2021

Gudaf Tsegay ha stabilito la seconda migliore prestazione mondiale di sempre sui 3000 metri correndo in un eccellente 8’22”65 sulla pista del Centro Deportivo Municipal in occasione del meeting Villa de Madrid, ultima tappa del World Indoor Tour Gold. Nella storia soltanto Genzebe Dibaba ha corso più velocemente con il record del mondo di 8’16”60 realizzato nel 2014. 

In questa stagione Tsegay (quarta ai Mondiali di Doha 2019 sui 1500m) ha stabilito il primato del mondo sui 1500 metri a Liévin con 3’53”09 e il record etiope sugli 800 metri con 1’57”52 a Val de Reuil. 

La diciannovenne Lemlem Hailu si è classificata al secondo posto con 8’29”28 davanti alla keniana Beatrice Chebet (8’37”06). Hailu, vincitrice delle precedenti tappe di Liévin e Torun, si è aggiudicata la vittoria nella classifica finale del World Indoor Tour di specialità. 

La vittoria di Tsegay è stata una dei quattro successi etiopi della serata. 

Selemon Barega ha vinto la classifica finale del World Indoor Tour sui 1500 metri grazie al netto successo in 3’35”42, che gli ha permesso di battere dopo tre anni il record del meeting detenuto da Ayanleh Souleiman. Una settimana fa Barega ha vinto la tappa di Torun stabilendo il quinto miglior crono di sempre con 3’32”97. Lo spagnolo Jesus Gomes si è classificato secondo in 3’36”32. 

Habitam Alemu ha bissato il successo di Torun sugli 800 metri femminili scendendo ancora sotto gli 1’59” con 1’58”94 e si è aggiudicata il primo posto nella classifica del World Indoor Tour. La spagnola Esther Guerrero si è piazzata al secondo posto con 2’01”13 precedendo l’irlandese Nadia Power (2’01”55). 

Hirut Meshesha (campionessa degli African Games 2019 sugli 800 metri) ha vinto la più importante gara della sua carriera sui 1500 metri in 4’09”42 davanti alla spagnola Marta Perez (4’10”34) e alla tedesca Gesa Felicitas Krause (4’12”02). Federica del Buono è tornata a gareggiare all’estero per la prima volta dal bronzo vinto agli Europei di Praga 2015 classificandosi al quarto posto in 4’13”44. 

Lo spagnolo Mariano Garcia si candida come uno dei possibili favoriti per il podio agli Europei di Torun dopo la vittoria sugli 800 metri in 1’45”66 davanti ad Amel Tuka e Pierre Ambroise Bosse, secondo e terzo con lo stesso tempo di 1’45”95. 

Il meeting di Madrid 2021 verrà ricordato soprattutto per il primato mondiale di Grant Holloway sui 60 ostacoli con lo straordinario tempo di 7”29. Holloway ha cancellato dopo 27 anni il primato del mondo realizzato da Colin Jackson a Sindelfingen con 7”30. Paolo Dal Molin ha ripetuto il terzo posto di Liévin con 7”57 alle spalle di Andrew Pozzi (7”51 terzo miglior crono mondiale dell’anno). 

Edoardo Scotti ha migliorato di 17 centesimi di secondo il record personale indoor sui 400 metri con 46”61 classificandosi quarto alle spalle di Pavel Maslak (46”12), di Tyrell Richard (46”14) e di Oscar Husillos (46”37). 

Gli altri successi sono andati ad Artur Cissé sui 60 metri maschili in 6”59, a Juan Miguel Echevarria nel salto in lungo maschile con 8.14m, a Iryna Zhuk nel salto con l’asta con 4.67m, a Tori Franklin nel salto triplo con 14.22m nella gara che ha visto il settimo posto di Ottavia Cestonaro con 13.58m. 

Articoli correlati

L’Italia della maratona agli Europei

05 Agosto, 2022

Oltre al campionato europeo individuale si gareggia anche per la Coppa Europa. Dopo il forfait di Faniel, Aouani e Meucci potranno essere gli uomini-squadra per difendere la grande storia della maratona italiana agli Europei.  Ferragosto di lavoro per gli azzurri della maratona. Alle ore 11:30 di lunedì 15 agosto, infatti, i maratoneti convocati dal direttore […]

Bravo Meslek! 3’36”04 nei 1.500 metri

31 Luglio, 2022

Di Marta Zenoni sui 1.500 m e Sintayehu Vissa sugli 800 m le altre vittorie del mezzofondo azzurro al meeting “Sport e Solidarietà” di Lignano Sabbiadoro La trentatreesima edizione del Meeting Sport e Solidarietà di Lignano Sabbiadoro ha regalato tre vittorie italiane nel mezzofondo: Ossama Meslek e Marta Zenoni sui 1.500 m, e Sintayehu Vissa […]

Eugene 2022: che “master” ai Mondiali

27 Luglio, 2022

Dai 36 anni in dicembre del fenomeno Shelly-Ann Fraser-Pryce ai 49 anni della marciatrice australiana Kelly Riddicknon sono mancati atleti “in età da Master (35 anni e oltre)” tra i protagonisti dei Campionati mondiali di atletica 2022 La rivista Correre si occupa anche dell’attività atletica del settore Master. Per questo conserviamo la tradizione di analizzare […]

News Allenamento Equipment Salute Correre