fbpx

Tendine di Achille: non facciamo confusione

Gentili amici,
ci siamo permessi di far pervenire le vostre osservazioni all’autore dell’articolo, Luca De Ponti, che ha ritenuto di rivolgervi queste puntualizzazioni.
Grazie per la vostra partecipazione al nostro lavoro.
Un caro saluto.
Daniele Menarini

La precisazione del dott. Luca De Ponti, specialista in ortopedia, sull’articolo pubblicato sul numero di Correre di gennaio Se si usura il tendine di Achille:

Nell’articolo si parla delle lesioni preiserzionali del tendine di Achille dove l’etiologia prima risiede nell’alterato profilo postero superiore del calcagno che crea la lesione, quindi, fin tanto che non si regolarizza il profilo il problema rimane.
In questi casi, quando c’e’ la lesione tendinea, piccola o grande che sia, la terapia chirurgica è quella elettiva.
Nulla a che fare con le patologie a carattere tendinosico del terzo medio dove l’etiopatogenesi è su base biomeccanica.
In questi casi sono stato il primo in Italia ad utilizzare i fattori di crescita di cui ho parlato più volte nelle pagine di Correre. In alcuni casi selezionati è questa la terapia elettiva abbinata alla correzione biomeccanica a mezzo di adeguate ortesi plantari. Quindi è importante non confondere le due diverse patologie.