Nyonsaba quinta di sempre sui 3000 metri con 8’19”08

Nyonsaba quinta di sempre sui 3000 metri con 8’19”08

29 Agosto, 2021
Foto: Fidal/ Grana
Nella tappa di Parigi della Wanda Diamond League Francine Nyonsaba ha conquistato il successo sui 3000 metri femminili in 8’19”08, il crono più veloce dell’anno. Nadia Battocletti è tredicesima. Migliore prestazione mondiale del”anno di Benjamin Kigen nei 3000 siepi maschili.

La tappa di Parigi della Wanda Diamond League ha regalato un pomeriggio di grande atletica allo Stadio di Charlety nel tredicesimo arrondissement della capitale francese. 

La burundiana Francine Nyonsaba ha conquistato il successo sui 3000 metri femminili stabilendo la quinta migliore prestazione mondiale di sempre e il crono più veloce dell’anno con 8’19”08. L’etiope Ejgayehu Taye ha realizzato il sesto crono di sempre e il record etiope con 8’19”52. 

Le prime sette classificate hanno stabilito il record personale. Margaret Kipkemboi Chelimo ha fermato il cronometro in 8’21”53 precedendo la statunitense Elise Cranny (8’30”30), la primatista britannica dei 5000 metri Eilish McColgan (8’31”36), la norvegese Karoline Bjerkeli Grovdal (8’33”47) e la tedesca Konstanze Klosterhalfen (8’36”70). 

Il keniano Benjamin Kigen ha conquistato la vittoria sui 3000 siepi maschili stabilendo la migliore prestazione mondiale dell’anno con 8’07”12 precedendo i connazionali Abraham Kibiwott (8’09”35) e Leonard Bett (8’10”21). Kigen è stato pilotato ottimamente dal pacemaker Ala Zoghlami che è transitato ai 1000m in 5’43” e ai 2000m in 5’26”. 

Il neo campione olimpico Soufiane El Bakkali è caduto sulla prima barriera. Osama Zoghlami si è classificato al settimo posto in 8’17”24 precedendo di una posizione l’altro azzurro Ahmed Abdelwahed, ottavo in 8’19”24. 

Il keniano Wycliffe Kinyamal è tornato a grandi livelli vincendo gli 800 metri maschili in 1’43”94 precedendo Il vice campione olimpico degli 800 metri Ferguson Rotich Cheruiyot (1’44”54), il vincitore dei meeting di Eugene e Losanna Marco Arop (1’44”74) e Elliot Giles (1’44”92). 

La stella giamaicana Elaine Thompson Herah ha vinto i 100 metri femminili in 10”72 migliorando di due centesimi il primato del meeting detenuto dalla connazionale Shelly Ann Fraser Prtce. Shericka Jackson è scesa ancora sotto gli 11 secondi con 10”97 precedendo Dina Asher Smith (11”06). 

L’altro risultato clou del meeting di Parigi Charlety è stato il record del meeting di Armand Duplantis nel salto con l’asta con 6.01m al primo tentativo. Duplantis è andato vicino al primato mondiale in un tentativo a 6.19m. Da sottolineare il primato delle Filippine di 5.91m realizzato da Ernest John Obiena

La Giamaica ha fatto doppietta vincendo con il campione olimpico dei 110 ostacoli Hansle Parchment in 13”05 davanti a Devon Allen (13”05) e Danielle Williams sui 100 ostacoli in 12”50. 

Il campione olimpico della staffetta 4×100 Eseosa Fausto Desalu, partito dalla sfavorevole prima corsia, si è ben comportato classificandosi settimo in 20”41 sui 200 metri. Fred Kerley ha vinto in 19”79 battendo al photo finish Kenny Bednarek

Marileidy Paulino ha bissato il successo di Losanna vincendo il secondo 400 metri consecutivo in 50”12 davanti a Sada Williams (50”39) e a Allyson Felix (50”47). 

La vice campionessa olimpica Nicola McDermott ha superato tutte le misure al primo tentativo fino a 1.98m aggiudicandosi la vittoria nel salto in alto femminile davanti all’oro olimpico e mondiale Mariya Lasitskene, che ha avuto bisogno di tre prove per superare questa misura. Elena Vallortigara ha superato 1.92m al primo tentativo chiudendo al settimo posto. 

La due volte campionessa olimpica Sandra Perkovic ha realizzato il miglior lancio al secondo tentativo con 66.08m e si è confermata vincendo anche lo spareggio della Final 3 con 65.68m. 

Johannes Vetter ha realizzato il miglior lancio di giornata di 87.20m al terzo tentativo. Il campione del mondo Anderson Peters ha migliorato il personale stagionale con 85.98m prima di vincere la Final 3 di spareggio con 84.88m.

La panamense Gianna Woodruff ha vinto i 400 ostacoli femminili in 54”44 battendo l’ucraina Anna Ryzhikova (54”59) e la giamaicana Janieve Russell (54”75). 

Nel salto triplo maschile l’algerino Mohamed Tricki ha realizzato la miglior misura di 17.16m nei primi cinque salti ma il bronzo olimpico e mondiale Fabrice Zango si è aggiudicato il salto di spareggio con 16.97m. Settimo posto di Tobia Bocchi con 16.53m.

Articoli correlati

Super Tecuceanu avvicina Fiasconaro

24 Maggio, 2024

Al Grifone meeting di Asti Catalin Tecuceanu porta il primato personale a tre decimi dal record italiano di Marcello Fiasconaro (1’43”7). Con 15’00”90 Federica Del Buono diventa la quarta italiana di sempre. 22,91 m di Leo Fabbri nel peso. Prosegue il magico momento di Catalin Tecuceanu che nel corso del Grifone meeting di Asti ha […]

Tricolori 10.000 metri: vincono Anna Arnaudo e Pietro Riva

13 Maggio, 2024

A Potenza, sulla pista intitolata a Donato Sabia, terzo titolo consecutivo per Pietro Riva e secondo per Anna Arnaudo, dopo quello conquistato nel 2022. Tra gli Under 23 prevalgono Greta Settino e Nicolò Bedini. I campioni italiani Juniores sono Laura Ribigini e Leonardo Mazzoni. Pietro Riva per il terzo anno consecutivo e Anna Arnaudo per […]

Boston Marathon: Trionfo di Obiri e Lemma

16 Aprile, 2024

Hellen Hobiri in 2:22’37” e Sisay Lemma in 2:06’17” hanno vinto la 128ª BAA Boston Marathon, candidandosi per un posto in squadra ai Giochi olimpici. I più veloci dei circa 300 italiani sono stati Giovanni Grano (2:19’56”) e Chiara Bondi (3:15’51”). La centovettottesima edizione della Maratona di Boston, la più antica maratona del mondo, ha […]

Mondiali indoor: Tecuceanu quarto, Iapichino settima

04 Marzo, 2024

Larissa Iapichino finisce settima a nove centimetri dal podio (6,69 m al quinto salto) al termine di una gara condizionata dai crampi. Catalin Tecuceanu chiude la finale degli 800 metri al quarto posto in 1’46”39. Semifinale da dimenticare per Giada Carmassi, che in batteria aveva ottenuto il primato personale con 8”03. Bilancio: l’Italia è sedicesima […]