Giancarlo Colombo

Maratona – Maratona di Firenze: l’ucraino Sitkovskiy (2.09’14”) batte gli africani. Leonardi (2:21’39”) primo degli italiani

A dieci anni di distanza dalla vittoria di Angelo Carosi, un bianco torna a battere la concorrenza dei keniani ed etiopi. Il clima favorevole (vento a parte) e il grande lavoro di comunicazione svolto per lanciare il trentennale, hanno prodotto il nuovo record di arrivati alla maratona toscana: 9.289. 

Oleksander Sitkovskiy ha vinto con un distacco sorprendente: 3’ sui keniani Geoffrey Ndungu e Kiprop Limo, ottimo specialista della mezza maratona (59’56” alla Roma Ostia, primo all’ultima edizione della Stramilano). Massimo Leonardi, dodicesimo, è il primo degli italiani in 2:21’39”.

Dal punto di vista cronometrico la prestazione di Stikovskiy si colloca al secondo posto nelle liste europee dell’anno alle spalle del francese di origini keniane Abraham Kiprotich, che ha corso in 2:08’33 alla maratona di Daegu dello scorso aprile.

La gara si è sviluppata su un ritmo da 1:04’38” alla mezza maratona. Le lepri William Kororia e Emmanuel Sukuku hanno guidato il gruppo di testa formato da Kiprop Limo, Geoffrey Ndungu e dall’etiope Teferi Wodayo. Sitkovskiy era staccato di 18” a metà gara, ma al passaggio ai 25 km (1:16’47”) ha ridotto lo svantaggio a 5”.

Al 30 km Stikovskiy ha preso 15” di vantaggio su Limo e Ndungu facendo registrare un passaggio in 1:32’02”. Il divario è cresciuto progressivamente con il passare dei chilometri. Al 35° chilometro ha accumulato fino a un minuto di vantaggio e, correndo ad un ritmo di 3’04” al chilometro, nell’ultimo tratto del percorso l’atleta ucraino ha incrementato ulteriormente il suo vantaggio portandolo a 2’30” al 40° chilometro.

L’atleta ucraino, nato nel 1978, ha tagliato il traguardo in Piazza Santa Croce in 2:09’14”, secondo tempo mai realizzato a Firenze dopo il record del percorso firmato dal keniano James Kutto con 2:08’40” nel 2006. Sitkovskiy ha migliorato il suo precedente personale di 12 secondi. In carriera vanta un dodicesimo posto alle Olimpiadi di Londra. Aveva già corso in Italia, a Torino, nel 2008 quando chiuse i 42,195 km in 2:10’17”.

Abeba Gebremeskel ha conquistato il quarto successo etiope consecutivo, firmandolo con il tempo di 2:30’37”, quinta migliore prestazione mai realizzata a Firenze. L’egemonia dell’Etiopia nel capoluogo toscano è iniziata nel 2010 con Firehiwot Dado, che si impose in 2:28’58 prima di vincere nei mesi successivi a Roma e a New York.

Gebremeskel è passata alla mezza maratona insieme alla connazionale Lamelem Yachem in 1:15’30”, con cinque secondi di vantaggio sulla marocchina Hanene Janat, seconda classificata nelle ultime due edizioni della Firenze Marathon.

La ventiquattrenne Gebremeskel ha preso un vantaggio di 12” sulla Janat al passaggio del 25° chilometro in 1:29’13”. Al 35° chilometro il vantaggio dell’etiope è cresciuto fino a 2’30”. Nonostante un rallentamento (3’41”/km al 35° chilometro) Gebremeskel ha tagliato il traguardo in 2:30’37” mancando di 19” il suo record personale stabilito in occasione del secondo posto alla maratona di Varsavia, corsa appena due mesi fa. Hanane Janat ha ripetuto il secondo posto del 2011 e del 2012 tagliando il traguardo in 2:36’01”.

La trentesima edizione della Firenze Marathon ha fatto registrare oltre 11.000 iscritti che hanno preso il via dal Lungarno della Zecca Vecchia in una mattinata baciata dal sole. Ben 9.296 hanno tagliato il traguardo in Piazza Santa Croce, confermando Firenze al secondo posto per numero di arrivati dopo la maratona di Roma.

Numerose le iniziative per celebrare il trentennale della maratona di Firenze. Una delle manifestazioni celebrative di maggiore successo è stata la staffetta dei trent’anni 30x 1 km svoltasi allo Stadio Luigi Ridolfi in Campo di Marte. La Toscana Atletica si è aggiudicato questa manifestazione aperta agli amatori e ai podisti. Secondo posto per la squadra mista denominata “Corri per la Gloria” che annoverava tra le sue staffettiste la maratoneta Gloria Marconi, terza classificata alla Firenze Marathon del 2011.

La vice campionessa mondiale di maratona, Valeria Straneo, ha invece partecipato ai Maratonabili, spingendo gli atleti disabili in carrozzina.

Articoli Correlati

Maratona di Ravenna 2019: presentata ufficialmente la nuova t-shirt Joma
Venicemarathon
Venicemarathon lancia “My First Marathon”, per correre una maratona in soli 5 mesi
London Virgin Marathon
Maratona di Londra 2020, record del mondo di pre-iscrizioni
Running e ciclismo: la maratona dei professionisti del pedale
Maratona di Praga: Bertone è settima
London Marathon mai così veloce: vince Eliud Kipchoge