Maratona – A Reggio Emilia vittoria di Palamini e della Patelli (allo sprint) sulla Giordano

Maratona – A Reggio Emilia vittoria di Palamini e della Patelli (allo sprint) sulla Giordano

08 Dicembre, 2013

Sono stati ben 2.387 i maratoneti classificati nella 18a Maratona di Reggio Emilia Città del Tricolore, dato che colloca la 42 km reggiana alle spalle di metropoli maggiori quali: Roma, Firenze, Venezia, Milano, Torino e Treviso. Una manifestazione, quella organizzata da paolo Manelli, che ancora una volta riscuote totali consensi dal popolo della corsa e che in questo suo compleanno di maggiorenne si è vestita nel finale tutta in chiave azzurra, grazie ai successi di atleti italiani. Tra gli uomini positivo esordio per Michele Palamini del Gruppo Alpinistico Vertovese, che vince per distacco e con grande autorità.

Lo fa quasi da esperto: dopo una prima parte molto prudente e passaggio alla mezza in 1.09’02”, stacca tutti i possibili avversari con una gara di testa e attacca attorno al 29° km, andando a chiudere in 2.17’03”, settima prestazione italiana stagionale subito alle spalle di Pertile. Tra le donne, spettacolare testa a testa fino all’ultimo metro tra Eliana Patelli e Laura Giordano: provano entrambe più volte di staccarsi, ma nessuna delle due riesce nel tentativo, cosi dopo aver corso ben 42 km sempre in testa e affiancate l’un l’altra, si giocano il successo a 200 m dal traguardo, una lunga volata che vede prevalere per un solo secondo la Patelli in 2.39’41” contro il  2.39’42“ della Giordano, tempi che collocano le due atlete al 5° e 6° posto stagionale. Da notare come sia raro che in una maratona italiana tutte le prime dieci in calssifica chiudano al di sotto delle tre ore.

Ordine d’arrivo maschile: 1° Palamini 2.17’03”, 2° Laalami (Mar) 2.18’03”, 3° Tyar (Mar) 2.18’12”, 4° Biwott (Ken) 2.20’11”, 5° Buccilli 2.20’13”, 6° Hajjy (Mar) 2.20’27”, 7° El Kasmi (Mar) 2.22’18”, 8° Nshimirimana 2.22’34”, 9° Canaglia 2.29’40”, 10° Giardiello 2.30’28”.

Ordine d’arrivo femminile: 1^ Patelli 2.39’41”, 2^ Giordano 2.39’42”, 3^ Dardini 2.47’14”, 4^ Wangoi 2.47’46”, 5^ Ricci 2.50’44”, 6^ Vrajic (Cro) 2.50’59”, 7^ Dal Mas 2.52’01”, 8^ Morano 2.54’08”, 9^ Kovacs (Hun) 2.54’56”, 10^ Rossi 2.56’40”.

Articoli correlati

New York: vincono Hellen Obiri e Tamirat Tola

05 Novembre, 2023

Record della gara per l’etiope Tamirat Tola (2:04’56”) e spettacolare finale per la keniana Hellen Obiri (2:27’20”), che solo in ultimo riesce a staccare l’etiope Letensebet Gidey. Iliass Aouani: settimo in 2:10’54”. La New York City Marathon incorona l’etiope Tamirat Tola, già campione del mondo di maratona a Eugene 2022, primo in Central Park in […]

Cosa mangiare prima della gara

Ecco qualche consiglio sugli alimenti da preferire a colazione. Una scelta che dovrà dipendere soprattutto dal tempo a disposizione in modo da sapere come e cosa mangiare prima della gara. C’è chi sostiene con forza la necessità di mangiare molto, prima della partenza di una maratona, per non rischiare di esaurire le scorte in gara. Le […]

Programmazione: impariamo a gestire il calendario gare

Per chi ha appena iniziato a correre e per l’amatore evoluto: ecco come e perché programmare il calendario gare Avete iniziato a correre da poco e i vostri amici più esperti non fanno che raccontarvi le gare cui partecipano ogni santa domenica? Siete iscritti a un gruppo sportivo e avete un calendario gare che inizia […]

Rondelli e i falsi miti della maratona

Ma chi l’ha detto? Che la maratona comincia al trentesimo chilometro, che i lunghissimi li devono fare tutti, che fartlek e ripetute corte non servono a chi prepara i 42,195 km. Lista di falsi miti della maratona, luoghi comuni duri a morire e di aggiornati e buoni consigli per chi prepara la distanza regina   Il […]