Jacobs risponde alle accuse: “Rinascerò ancora”

Jacobs risponde alle accuse: “Rinascerò ancora”

14 Giugno, 2023
Foto Grana/FIDAL

In un momento complicato Marcell Jacobs chiede sostegno e comprensione ai suoi tifosi: “Sono un essere umano e spingo il mio corpo al 110%”

Marcell Jacobs risponde agli attacchi dell’ultimo periodo e lo fa attraverso una lettera aperta pubblicata sui suoi account social chiedendo sostegno e comprensione.

Dopo il settimo deludente posto a Parigi, i due precedenti forfait ai meeting di Rabat e al Golden Gala per problemi fisici, il campione olimpico ha annunciato la rinuncia alla Coppa Europa a squadre perché purtroppo ancora alle prese con gli strascichi della sciatalgia. Ne sono scaturiti una serie di commenti, molti dei quali raccolti anche sulla pagina facebook di correre.it, con accuse poco edificanti.

Marcell Jacobs ha quindi deciso di raccogliere i suoi pensieri e raccontare a tifosi e addetti ai lavori, la situazione che sta vivendo. Ecco la lettera aperta:

È da un po’ di tempo che vorrei scrivervi qualcosa, ma non sono mai riuscito a trovare le parole giuste. Ora però sento forte l’esigenza di raccontarvi come mi sento, è corretto che lo sappiate. Ho iniziato la stagione outdoor e purtroppo non è andata come volevo.

Eppure, nonostante fossi fermo da quasi un mese per il mio problema fisico, nonostante sapessi di non essere in alcun modo pronto per raggiungere i risultati che tutti speravamo, ho scelto di scendere in campo lo stesso, sapendo bene che probabilmente in molti non avrebbero capito che non era il risultato di quella gara l’obiettivo che mi prefiggevo.

Era importante che tornassi in pista. È stato emozionante sentire la gioia scoppiarmi nel petto quando sono entrato nello stadio, percepire l’adrenalina nel corpo, sentire il calore del pubblico e vedere gli sguardi degli avversari. Quanto mi mancava! Mi sono sentito bene sui blocchi di partenza e sono partito come non facevo da tempo, ma poi le gambe non hanno sostenuto quello sforzo fino alla fine, mancava l’allenamento necessario e il risultato lo conoscete.

E immancabili sono arrivate le critiche, gli attacchi, le prese in giro di chi non sa e nemmeno immagina quanto possa essere complicata la vita di un atleta professionista. In un attimo tutti i risultati raggiunti sembrava non valessero più niente.

E mi dispiace molto, perché sarebbe bello se in momenti così complicati potessi essere sostenuto.

Ma non voglio lasciarmi condizionare da tutto questo e prendere decisioni che non sono quelle giuste per me.

Voglio ricordarvi che sono un essere umano e spingo il mio corpo a dare il 110% continuamente, e sudo, fatico e sputo sangue ogni singolo giorno della mia vita per raggiungere obiettivi davvero sfidanti.

Ho tante paure, ma sono consapevole di tutte quelle, tantissime, che ho affrontato e superato.

E rinascerò ancora, superando gli ostacoli che la vita mi sta di nuovo mettendo davanti. Ci riuscirò, perché non permetterò mai a niente e nessuno di impedirmi di sognare e di lottare per raggiungere i miei traguardi!

Ci vediamo presto e spero di trovarvi ancora una volta al mio fianco”.

Lamont Marcell Jacobs

Articoli correlati

Provate per voi: La Sportiva Prodigio

15 Aprile, 2024

La Sportiva Prodigio: è la nuova proposta dell’azienda di Ziano di Fiemme ed è pensata per rispondere alle specifiche esigenze dei corridori di ultra trail. L’ha collaudata per noi Giacomo Galliani “Triangolo Lariano” è il nome del territorio compreso tra i due rami del lago di Como, uno dei quali, quello che “volge a mezzogiorno” […]

Mario Lambrughi da record nei 300 ostacoli

13 Aprile, 2024

A Milano l’azzurro riscrive la migliore prestazione nazionale sulla distanza spuria dopo 28 anni. Lo junior Zanini al record italiano di categoria sui 1000 metri, la cadetta Doualla sui 150 metri Grande prova di Mario Lambrughi alla decima edizione dell’Athletic Elite Meeting a Milano. L’azzurro firma la migliore prestazione nazionale dei 300 ostacoli con il […]

Come restare in forma nel tempo

Restare in forma: come stabilizzare e mantenere uno stato magari faticosamente raggiunto? Orlando Pizzolato fornisce gli step da seguire per consolidare i miglioramenti nella corsa anche nei periodi di assenza dalle gare. Molto spesso, dice Pizzolato, la mancata correlazione tra possibilità e prestazione va infatti ricercata alla voce “adattamenti”. Si tratta, in sostanza, di miglioramenti […]

Milano Marathon: che festa in Duomo!

07 Aprile, 2024

L’edizione numero 22 della Milano Marathon torna nel luogo simbolo della città: al cospetto del Duomo trionfano il keniano Kipkosgei in 2:07’12” e l’etiope Gebeyahu in 2:26’31”. Oltre 8.500 maratoneti e 16.000 staffettisti oggi al cospetto del Duomo che è stato testimone delle partenze e arrivi della 22ma edizione di Wizz Air Milano Marathon. La […]