Europei, inizio amaro per l’Italia

Europei, inizio amaro per l’Italia

16 Agosto, 2022
Foto: Francesca Grana

Delusione per la maratona maschile: Meucci 13° (2:14’22”), Aouani, in crisi, 19° (2:15’34”). Quinta Giovanna Epis (2:29’06”). Fuori dal podio i pesisti Nick Ponzio (quarto) e Leonardo Fabbri (settimo). Segnali di recupero di condizione di Roberta Bruni (asta) e Davide Re (400 m). Tutti e tre i triplisti in finale.

Le buone notizie vengono dalle qualificazioni: 

• tutti e tre in finale gli azzurri del salto triplo: Emmanuel Ihemeje (17,20 / +0,9), Andrea Dallavalle (16,83 / -1,3) e Tobia Bocchi (16.55 m / – 2,6 m);

• in crescita di condizione Davide Re nei 400 m piani (45”26)

• bene Zaynab Dosso nei 100 m piani (prima in batteria con 11”38 / +0,2 m/sec) ed Edoardo Scotti (400 m in 45”83).

• Verso il recupero della piena forma l’astista Roberta Bruni, che ottiene la finale con il richiesto 4,50 m;

• altro recupero: il 20,72 m ottenuto nella finale del getto del peso è per Leonardo Fabbri la miglior prestazione stagionale, ma vale solo il settimo posto. Nick Ponzio è quarto con 20,98 nella gara vinta dal croato Filip Mihaljevic con 21,88 m.

• da ammirare il decatleta Dario Dester, 2° con 4.327 punti al termine della prima giornata, nonostante la prova di salto in alto (2,02 m) affrontata cambiando gamba di stacco per non aggravare un problema alla gamba destra.

Foto: Grana

Maratona amara per gli azzurri

Giornata no per i nostri maratoneti. Ci si aspettava di più sia da Daniele Meucci (13° in 2:14’22”) sia, soprattutto, da Iliass Aouani (19° in 2:15’34”, anche a causa di crampi). 

Si salva (a pieni voti) René Cunéaz, magnifico dilettante, operaio nella vita, convocato in extremis una volta ufficializzato il forfait di Eyob Faniel. Il suo 2:15’55” è un capolavoro anche di coach Giorgio Rondelli e una lezione per i nostri atleti a tempo pieno, anche per Stefano La Rosa (33° in 2:17’57”) e per Daniele D’Onofrio, costretto al ritiro.

Nulla di più si poteva chiedere a Giovanna Epis, a sua volta allenata da Rondelli, quinta stringendo i denti (2:29’06”) in una maratona in cui erano in tante a vantare un primato personale sotto le 2:30’.

Maratoneti italiani “evergreen” 

• Anna Incerti, a 42 anni (nata il 19 gennaio 1980), arrivando 42ª in 2:44’11” nella maratona dei Campionati europei a Monaco di Baviera, ha concluso la sua lunghissima carriera azzurra. Era alla sua quinta partecipazione alla manifestazione continentale, nella quale debuttò giusto 20 anni fa, nel 2002, proprio a Monaco di Baviera, nella maratona che consegnò all’Italia il titolo europeo di Maria Guida. Ai microfoni delle tv è stato ricordato il suo titolo europeo conquistato (postumo dopo varie squalifiche) nel 2010 a Barcellona. Il suo primato personale sulla distanza resta il 2:25’32” ottenuto giungendo sesta alla maratona di Berlino 2011. Altri suoi primati personali: 3.000 mt 9’09”42 (3.000 m/2003); 15’15”5 (5.000 m/2011); 33’19’01 (10.000 m/2012); 32’08” (10 km strada/2008); 1:10’10” (mezza maratona/2014).

In ottica “master” (atleti/e over 35) non va dimenticato che nel 2021, a 41 anni, Anna Incerti ha corso la maratona di Milano in 2:31’17”, un ottimo tempo per una atleta W 40, anche se in questa categoria master il record è stellare: 2:22’27”, Mariya Konovalova (RUS), a 40 anni, a Nagoya (JPN), l’8 marzo 2015. (Werter Corbelli)

Daniele Meucci – Migliore dei nostri azzurri è stato un altro “over”, Daniele Meucci (nato il 7 ottobre 1985), che a 37 anni è giunto 13° in 2:14’22” e che è stato campione continentale della maratona nel 2014 a Zurigo.   

Nella gara di Monaco, però, l’over che si è distinto di più è il marocchino naturalizzato spagnolo Ayad Lamdassem, che a quasi 41 anni (nato l’11 ottobre 1981) ha chiuso brillantemente al sesto posto in 2:10’52”. Comunque stiamo parlando di uno specialista che proprio quest’anno a Siviglia è stato capace di stabilire il primato spagnolo sulla distanza in 2:06’25”. (W.C.)

• Stefano La Rosa – Un primato statistico nella storia degli Europei lo ha ottenuto Stefano La Rosa. Questa di Monaco di Baviera è stata la sesta edizione di un campionato europeo a cui ha partecipato, dal 2010 a oggi. Un totale di 6 edizioni è il massimo raggiunto dagli azzurri. Oltre al maratoneta grossetano, in cima a questa classifica si trovano altri tre: Abdon Pamich (edizioni dal 1954-1971), Nicola Vizzoni (1998-2014) e Sandro Donato (2002-2018). (D.M.)

Indietro
Pagina 1 di 2
Avanti

Articoli correlati

800 metri indoor: è record italiano per Tecuceanu

23 Febbraio, 2024

A Madrid Catalin Tecuceanu vince gli 800 metri in 1’45”00 migliorando lo storico record di Giuseppe D’Urso (1’45’44 / 1993), che resisteva da 31 anni. Buone anche la parallela prova di Eloisa Coiro, che chiude gli 800 in seconda posizione in 2’01”50 (primato personale indoor), e di Ludovica Cavalli, terza italiana di sempre nei 1.500 […]

Meslek colpisce ancora: altro record sui 1.500 metri

07 Febbraio, 2024

Con 3’35”63 Ossama Meslek migliora il già suo record italiano dei 1.500 metri nel meeting di Torun, caratterizzato anche dall’ulteriore primato italiano di Zaynab Dosso (7”02 nei 60 metri piani) e dal miglioramento di Andy Diaz (17,65 m nel salto triplo), sempre più capolista stagionale. Bravi anche Lorenzo Simonelli e Catalin Tecuceanu. La sfida prosegue […]

Super indoor per l’Italia: quanti record in un weekend!

04 Febbraio, 2024

Dopo i 4 record del fine settimana precedente, ecco il primato europeo indoor under 20 di Mattia Furlani nel salto in lungo (8,08 m) e i primati italiani indoor di Pietro Arese (3.000 m/7’38”42), Ossama Meslek (1.500 m/3’36”04) ed Elisa Molinarolo (Asta / 4,63 m), oltre alla miglior prestazione mondiale stagionale saltata due volte nella […]

New York: vincono Hellen Obiri e Tamirat Tola

05 Novembre, 2023

Record della gara per l’etiope Tamirat Tola (2:04’56”) e spettacolare finale per la keniana Hellen Obiri (2:27’20”), che solo in ultimo riesce a staccare l’etiope Letensebet Gidey. Iliass Aouani: settimo in 2:10’54”. La New York City Marathon incorona l’etiope Tamirat Tola, già campione del mondo di maratona a Eugene 2022, primo in Central Park in […]