fbpx
Nadia Battocletti, europei di cross oro

Europei di cross: oro di Nadia Battocletti, Italia terza nel medagliere

Di: Diego Sampaolo

Straordinario bilancio della nazionale italiana nella ventiseiesima edizione dei Campionati Europei di corsa campestre disputati nel Parque de Bela Vista di Lisbona. La nazionale italiana guidata dal Direttore tecnico Antonio La Torre si è classificata al terzo posto nel medagliere con quattro medaglie (l’oro di Nadia Battocletti, due argenti per la squadra juniores femminile e per la squadra under 23 maschile e il bronzo di Yeman Crippa nella gara seniores maschile). Meglio degli azzurri hanno fatto soltanto la Gran Bretagna (cinque ori e un bronzo) e Francia (due ori e due bronzi). L’Italia ha preceduto la Norvegia e la Turchia.

Tutti i quattro vincitori delle gare juniores e under 23 dell’edizione di Tilburg 2018 (Nadia Battocletti, Emilie Moller, Jakob Ingebrigtsen e Jimmy Gressier) si sono riconfermati campioni d’Europa.

Gara juniores femminile: Battocletti oro europeo per la seconda volta di fila, Italia argento a squadre

La figlia d’arte trentina Nadia Battocletti ha trionfato per il secondo anno consecutivo in 13’58” precedendo di tre secondi la slovena Klara Lukan. Il bronzo è andato alla portoghese Mariana Machado (14’10”). Battocletti ha ripetuto il trionfo dell’anno scorso in un contesto ancora più difficile rispetto a quello della passata edizione a Tilburg. Lukan aveva battuto Battocletti agli Europei Under 20 in pista di Boras sui 5000 metri in pista lo scorso Luglio, mentre Machado veniva dalla recente vittoria nel cross del circuito World Athletics di Soria in Spagna lo scorso 17 Novembre. L’atleta di Cavareno è l’unica atleta italiana in tutte le categorie a livello femminile ad aver vinto medaglie individuali in questa manifestazione.

“Sono davvero felicissima. Rispetto al 2018 sono ancora più entusiasta del lavoro che ho fatto. E’ sempre difficile riconfermarsi. All’inizio dell’ultimo giro ho avuto un momento in cui ho pensato di non farcela più. Ero molto stanca, ma ho trovato la forza per andare avanti. Era un percorso durissimo, simile a quello di una gara di corsa in montagna. C’era molto tifo per la portoghese Machado, ma il pubblico ha dato forza anche a me. Voglio continuare con i cross gareggiando al Campaccio, alla Cinque Mulini e ai Campionati Italiani. Adesso si prova il salto tra le grandi”, ha detto Nadia Battocletti al traguardo.

A sorpresa la formazione italiana ha vinto la medaglia d’argento a squadre alle spalle della Gran Bretagna, che ha totalizzato lo stesso score di 29 punti delle azzurre. La Francia ha vinto la medaglia di bronzo a squadre con 38 punti. L’altra trentina Angela Mattevi (recente campionessa mondiale juniores di corsa in montagna in Patagonia) è stata la seconda migliore azzurra in tredicesima posizione in 14’42” davanti a Ludovica Cavalli (14’51”), ad Anna Arnaudo (trentaduesima in 15’12”), a Giada Licandro (quarantaduesima in 15’20”) e a Laura Pellicoro(quarantanovesima in 15’30”).

Gara seniores maschile: Crippa vince il bronzo, oro per la Svezia

Yeman Crippa ha conquistato la medaglia di bronzo nella gara seniores in 30’21” alle spalle dello svedese di origini eritree RobelFsiha (29’59”) e del turco Aras Kaya, campione europeo dell’edizione 2016 (30’10”).

Per il primatista italiano dei 10000 metri è arrivata la quinta medaglia della sua carriera su otto partecipazioni agli Europei di Cross e la prima a livello seniores della sua carriera dopo gli ori nella categoria under 20 nel 2014 e nel 2015 e i bronzi nella categoria under 23 nel 2016 e 2017. Solo pochi atleti nella storia degli Europei di Cross sono riusciti a conquistare medaglie in tutte le tre categorie. In Italia Andrea Lalli realizzò l’en-plein vincendo la medaglia d’oro in tutte le tre categorie.

“Non mi accontento mai, ma per come si era messa la gara va benissimo il bronzo. I primi due correvano meglio di me. Verso la fine stavano rientrando da dietro lo svizzero Wanders e il britannico Butchart. Oggi ho sofferto molto negli ultimi due giri, ma ho tenuto duro perché la maglia della nazionale va rappresentata come si deve. Ho aspettato la discesa finale per consumare le ultime energie e prendermi questa medaglia. Non ho finalizzato la stagione del cross perché sono concentrato sulla preparazione in vista delle Olimpiadi di Tokyo 2020. Le quattro settimane di preparazione in Kenya sono andate molto bene. Ho percorso almeno 150 km alla settimana”, ha dichiarato Crippa.

Fsiha e Kaya hanno preso un vantaggio di 8 secondi su Crippa all’ottavo chilometro. Lo svedese ha allungato sul tratto in salita prendendo un vantaggio di una decina di secondi su Kaya. Nekagenet Crippa si è classificato al quarantaduesimo posto in 32’00” precedendo di tre secondi Michele Fontana. Completano il quadro degli azzurri Giuseppe Gerratana (quarantaseiesimo in 32’17”) e Said El Otmani (quarantanovesimo in 32’26”). La squadra azzurra si è piazzata al decimo posto con 88 punti nella classifica a squadre, che ha visto il successo della Gran Bretagna con 36 punti davanti al Belgio (38 punti) e alla Spagna (45 punti).

Gara under 23 maschile: Argento per l’Italia a squadre, bis di Gressier

Il francese Jimmy Gressier ha vinto la terza medaglia d’oro consecutiva nella gara under 23 ripetendo i successi di Samorin2017 e di Tilburg 2018. Il campione europeo under 23 dei 5000 e dei 10000 metri di Gavle 2019 ha tagliato il traguardo in 24’17” superando il serbo Elzan Bibic (24’25) e lo spagnolo AbdessamadOukhelfen (24’35”).

I due azzurri Yohanes Chiappinelli e Jacopo De Marchi sono entrati nella top ten classificandosi rispettivamente quinto in 24’51” e settimo in 24’55”. Il diciassettesimo posto di Sebastiano Parolini in 25’11” ha permesso agli azzurri di vincere la medaglia d’argento a squadre con 29 punti alle spalle della Francia (17 punti) e davanti alla Germania (45 punti).

“Quando succedono cose inaspettate come quella di oggi, non si può che essere contenti. Ieri sera il Presidente Alfio Giomi e il Direttore Tecnico Antonio La Torre ci hanno caricato e noi abbiamo risposto bene. La partenza non è stata delle migliori. Nel primo giro ero ancora intorno al quarantesimo posto e ho dovuto fare una gara tutta di rimonta”, ha dichiarato Chiappinelli.

Gara seniores femminile: Can vince il quarto oro consecutivo

La turca Yasemin Can ha trionfato per il quarto anno consecutivo agli Europei di Cross fermando il cronometro in 26’52” con 15 secondi di vantaggio sulla norvegese Karoline Bjerkeli Grovdal(27’07”). Grovdal ha vinto l’argento dopo quattro medaglie di bronzo consecutive. La svedese Samrawit Mengsteab ha completato il podio classificandosi al terzo posto in 27’43” con due secondi di vantaggio sull’irlandese Fionnuala BrittonMcCormack (27’45”). Le azzurre Valeria Roffino e Federica Sugamiele si sono comportate molto bene classificandosi rispettivamente all’undicesimo e al dodicesimo posto in 28’34” e in 28’36”. Rebecca Lonedo è la terza italiana al traguardo in trentatreesima posizione in 29’36” davanti a Martina Merlo (quarantunesima in 30’17”). La classifica a squadre ha visto il successo della Gran Bretagna con 26 punti davanti all’Irlanda (41 punti) e al Portogallo (43 punti), mentre l’Italia ha chiuso con un buon quinto posto con 56 punti davanti alla Germania e alla Francia.

Gara juniores maschile: Poker di Jakob Ingebrigtsen

Il fuoriclasse norvegese Jakob Ingebrigtsen ha dominato come da previsione la gara juniores maschile in 18’20” precedendo di 38 secondi il turco Ayetullah Aslanhan e di 41 secondi l’irlandese Efrem Gidey. Per il campione europeo dei 1500 e dei 5000 metri si tratta del quarto successo di fila nella categoria under 20.

Il lombardo Luca Alfieri è stato il migliore degli italiani con un buon diciannovesimo posto in 19’27”. L’atleta della Polisportiva Bovisio Masciago allenato da Mario Sciré ha ripetuto lo stesso piazzamento dell’edizione di due anni fa quando era ancora allievo e fu il migliore under 20 italiano. Seguono gli altri azzurrini Marco Zoldan (trentaquattresimo in 19’40”), Marco Fontana Granotto (trentottesimo in 19’42”), Francesco Guerra (settantesimo in 20’20”) e Yasin Choury (ottantasettesimo in 20’46”).

Gara under 23 femminile: Moller bissa il trionfo di Tilburg

La danese Emilie Moller ha dominato la gara under 23 femminile in 20’30” battendo l’olandese Jasmijn Lau (21’01”) e l’irlandese Stephanie Cotter (21’15”). Moller ha ripetuto il successo della passata edizione quando si impose allo sprint. La bionda scandinava si è classificata settima ai Mondiali di Doha sui 3000 siepi e ha vinto il doppio titolo europeo under 23 sui 3000 siepi e sui 5000 metri a Gavle 2019. Ottima prova per l’azzurra Federica Zanne, quinta al traguardo in 21’24” a nove secondi dal podio. L’Italia è ottava nella classifica a squadre grazie al trentasettesimo posto di Gaia Colli (trentasettesima in 22’47”) e al quarantatreesimo posto di Micol Majori (23’10”). Il successo nella classifica a squadre è andato all’Olanda con 17 punti davanti all’Irlanda (29) e alla Gran Bretagna (40).

Staffetta mista: Successo britannico

Il quartetto britannico composto da Sarah McDonald, James McMurray, Alexandra Bell e Jonny Davies ha conquistato la vittoria nella staffetta mista 4×1,5 chilometri in 17’55” precedendo la Bielorussia (18’01”) e la Francia (18’05”). Il team italiano composto da Elisa Bortoli, Mohamed Zerrad, Joyce Mattagliano e Soufiane El Kabbouri ha tagliato il traguardo al decimo posto in 18’54”.

 

LEGGI ANCHE: Europei di cross: due chiacchiere con Antonio La Torre

Articoli Correlati

I migliori italiani contro la “Generazione Z” dell’Africa alla Cinque Mulini
Cesare Maestri
Cross della Vallagarina: Cesare Maestri riporta l’Italia al successo
Hellen Obiri cross di Elgoibar
Obiri vince il cross di Elgoibar per il secondo anno consecutivo
Traguardo Cross del Campaccio
Doppietta etiope al cross del Campaccio
Campaccio Crippa, Battocletti e Dossena
Crippa, Battocletti e Dossena al via del 63° Campaccio
Europei di cross, Yeman Crippa, fratelli Ingebrigtsen, Can e Battocletti stelle a Lisbona
Europei di cross: Crippa, fratelli Ingebrigtsen, Can e Battocletti stelle a Lisbona