fbpx

Diamond League: strepitoso Cheruyot a Losanna

Diamond League: strepitoso Cheruyot a Losanna

07 Luglio, 2019

Timothy Cheruyot ha realizzato il primo meno 3’30” dell’anno sui 1500 metri maschili con uno strepitoso 3’28”77 nell’ottava tappa della IAAF Diamond League allo Stade Olympique de la Pontaisea Losanna in una calda serata di inizio Luglio. Timothy Cheruiyot ha demolito dopo 18 anni il record del meeting detenuto dall’algerino Ali Saidi Sief con 3’28”77 dal lontano 2001.

Il teenager Jakob Ingebrigtsen ha migliorato il suo record europeo under 20 con 3’30”16 diventando il terzo juniores di sempre a livello mondiale  e l’ottavo nelle liste all-time europee. Altri grandi risultati sono arrivati da Ayanleh Souleiman(3’30”79), da Filip Ingebrigtsen (3’30”82) e dall’ugandese Ronald Musagala, che ha migliorato il record nazionale con 3’31”33 precedendo il primatista mondiale indoor Samuel Tefera(3’31”39).

Tripletta etiope nei 5000 metri dove Yomif Kejelcha si è imposto con il personale stagionale di 13’00”56 davanti ai connazionali Selemon Barega (13’01”99) e Haile Telahun Bekele (13’03”09). La gara è stata un susseguirsi di emozioni e di colpi di scena. Dopo una gara lanciata su ritmi veloci con passaggi di 7’51”32 ai 3000m e di 10’34”07 ai 4000m Hagos Gebrihwet ha sferrato lo sprint a 650 metri dalla fine credendo che mancassero solo 400 metri e si è fermato al suono della campana. Kejelcha ha approfittato dell’errore del connazionale involandosi verso il successo.

Molto avvincenti anche gli 800 metri maschili dove WycliffeKyniamal è andato vicino alla migliore prestazione mondiale dell’anno con 1’43”78 (terzo crono del 2019) precedendo Ferguson Rotich (1’43”93 personale stagionale) e Emmanuel Korir (1’44”01). Buone prestazioni cronometriche anche per il canadese Brandon McBride (1’44”14), il bronzo olimpico Clayton Murphy (1’44”47) e il bosniaco Amel Tuka, che ha migliorato il personale stagionale con 1’44”87.

La keniana Nelly Jepkosgei ha conquistato il secondo successo stagionale in Diamond League in 1’59”54 superando l’ugandese Halimah Nakaayi (1’59”97). Selina Buchel si è classificata quarta in 2’01”58 vincendo il duello svizzero con la più giovane connazionale Delia Sclabas (2’03”01).

Lyles quarto duecentista più veloce della storia

 Lyles è diventato il quarto uomo più veloce della storia sui 200 metri con un formidabile 19”50, che migliora di otto centesimi di secondo il record di Athletissima detenuto dal 2012 dal grande Usain Bolt con 19”58. Meglio di Lyles hanno fatto soltanto Bolt (19”19), Yohan Blake (19”26) e Michael Johnson (19”32). Altri tre velocisti sono scesi al di sotto dei 20 secondi:

Alex Quinonez (19”87) e i canadesi André De Grasse (19”92) e Aaron Brown (19”95). Molto veloce anche il campione del mondo Ramil Gulyev, quinto con 20”01.

Shelly Ann Fraser ha vinto un fantastico 100 metri femminile in 10”74 sfiorando di un centesimo il personale stagionale realizzato ai recenti Campionati giamaicani di Kingston dove aveva perso per pochi millesimi di secondo da Elaine Thompson.

Dina Asher Smith si è classificata seconda con un progresso di tre centesimi di secondo rispetto al personale stagionale realizzato al Golden Gala con 10”91 precedendo la vincitrice del PrefontaineClassic Marie José Ta Lou (10”93). Dafne Schippers ha dimostrato di essere in progresso rispetto alle ultime gare piazzandosi al quarto posto con il personale stagionale di 11”04.

L’edizione 2019 di Athletissima verrà ricordata per la straordinaria gara del salto con l’asta maschile vinta allo spareggio da Piotr Lisek con 6.01m davanti a Sam Kendricks (5.95m). Armand Duplantis ed un ritrovato Renaud Lavillenie si sono divisi il terzo posto a pari merito con 5.81m.

Salwa Eid Naser ha battuto per due centesimi di secondo la portacolori del Niger Aminatou Seyni in uno straordinario 400 metri femminile nel quale entrambe sono scese sotto il vecchio record del meeting detenuto da Marie Josée Perec con 49”45 dal 1996.

Justin Gatlin ha vinto per la quarta volta in carriera sui 100 metri a Losanna in 9”92 davanti a Mike Rodgers (10”01).

Articoli correlati

Bravo Meslek! 3’36”04 nei 1.500 metri

31 Luglio, 2022

Di Marta Zenoni sui 1.500 m e Sintayehu Vissa sugli 800 m le altre vittorie del mezzofondo azzurro al meeting “Sport e Solidarietà” di Lignano Sabbiadoro La trentatreesima edizione del Meeting Sport e Solidarietà di Lignano Sabbiadoro ha regalato tre vittorie italiane nel mezzofondo: Ossama Meslek e Marta Zenoni sui 1.500 m, e Sintayehu Vissa […]

Aouani secondo a Castelbuono

26 Luglio, 2022

L’azzurro è arrivato a Palermo carico del lavoro svolto in quota a St.Moritz in vista della maratona dei Campionati europei, ed è stato preceduto solo dal formidabile keniano Isaac Kipkemboi Too Ventesimo successo keniano nel Giro di Castelbuono, giunto martedì 26 luglio all’edizione numero 96. A tre chilometri dalla fine, sulla salita Mario Levante, una […]

Tutti i numeri dei Mondiali di Eugene

26 Luglio, 2022

Dopo il bilancio della spedizione azzurra, ecco una sintesi in cifre del valore tecnico dei Campionati mondiali di atletica appena conclusi Nella sua più che centenaria storia (inaugurato nel 1919), il campo di atletica dell’Università dell’Oregon (poi intitolato a Bill Hayward, capo allenatore della stessa università dal 1904 al 1947) di primati e grandi atleti […]

Bilancio azzurro a Eugene 2022

25 Luglio, 2022

Settore per settore, proviamo a valutare la partecipazione italiana ai Campionati mondiali di atletica. “Facciamolo Stano”. “Stano ma vero”. “Lo Stano caso della marcia”. “Vado al Massimo”.  Titoli presi dai quotidiani di lunedì 25 luglio, che incensano ed esaltano giustamente l’impresa di Massimo Stano, che riconferma l’oro olimpico dello scorso anno. L’unico dei cinque vinti […]

News Allenamento Equipment Salute Correre