Maratona: decimo Meucci, undicesimo Chiappinelli

Maratona: decimo Meucci, undicesimo Chiappinelli

27 Agosto, 2023
Foto FIDAL/Francesca Grana

Sorprendente vittoria dell’ugandese Viktor Kiplangat (2:08’53”), in una maratona senza Kenya sul podio. Daniele Meucci è decimo (2:11’06”), personale stagionale. Yohannes Chiappinelli undicesimo (2:11’12”). Ritirato Eyob Faniel.  

Un po’ a sorpresa il giovane Viktor Kiplangat, classe 1999, con un finale veemente, vince il titolo mondiale di maratona a Budapest e consegna all’Uganda la seconda medaglia d’oro della rassegna. Dopo undici anni il Paese che diventò famoso per le gesta dell’ostacolista sui 400 John Akii-Bua può esultare anche per la seconda vittoria in una maratona significativa (nel 2012 Stephen Kiprotich conquistò l’oro all’Olimpiade di Londra). L’inizio vede la fuga estemporanea del mongolo Serod Bat-Ochir, ma al decimo chilometro (30’36”) avviene il ricongiungimento di un gruppone foltissimo, dove l’etiope Tamirat Tola appare sornione, fa qualche azione il keniano Timothy Kiplagat e si affacciano gli azzurri Eyob Faniel, Daniele Meucci e Yohanes Chiappinelli. 

Mezza maratona: 1:05’03”

Si va avanti senza troppi sussulti a circa 3’05” al chilometro, con qualche allungo per la verità non troppo insistito, attività dove si distinguono l’ugandese Stephen Kissa e il ruandese d’Italia John Hakizimana. E così si transita in 1:01’36” al chilometro numero venti e in 1:05’03” a metà gara. Avanti in compagnia (almeno 25 in testa) fino al ventinovesimo chilometro. 

L’attacco di Kiplangat

Quando tutti si aspettano un’azione da fartlek di Tamirat Tola, una maglia gialla, con azione muscolare potente, scombina le carte. È Viktor Kiplangat dell’Uganda, personale di 2:05’09”. Gli etiopi capiscono che non ci si può fidare: si accodano al giovane mezzofondista Leul Gebrselassie e Tamirat Tola, il giapponese Yamashita, l’altro ugandese Stephen Kissa. Da lì in poi la gara cambia volto: Gebrselassie parte in contropiede e prende un discreto vantaggio su Kiplangat, spariscono i keniani, clamorosamente Tamirat Tola arretra e, per la prima volta, appare a disagio. Ma non è finita, perché sul magnifico ponte sul Danubio è di nuovo Kiplangat a condurre le danze, e, innescando un mille in 2’48”, a guadagnarsi la prima posizione. Il finale è rocambolesco: Viktor Kiplangat, che addirittura colse i primi successi nella corsa in montagna in Italia, vincendo il Giir i Mont di Premana, resiste al caldo, alla sofferenza e trionfa in piazza degli Eroi in 2:08’53”. Leul Gebrselassie si ingobbisce e viene superato a cento metri dal traguardo dall’israeliano Maru Teferi, di etnìa Falasha, in 2:09’12”. Leul è terzo e si accascia all’arrivo. Commovente l’arrivo di Tebello Ramakongoana del Lesotho, quarto in 2:09’57”, che ha tentato il tutto per tutto pur di portare la prima medaglia mondiale al suo Paese dell’Africa australe. 

Bene Meucci e Chiappinelli

Gli azzurri soffrono, ma trovano energie e grinta per cogliere piazzamenti ottimi: Daniele Meucci è decimo in 2:11’06”, personale stagionale: «Ringrazio la federazione, che ha creduto in me. Chiudere così a 37 anni è stata una grande cosa.» Yohannes Chiappinelli arriva immediatamente dietro di lui in 2:11’12”, soffrendo di un forte calo nel finale dopo aver dato prova di coraggio tattico. Peccato per il ritiro di Eyob Faniel.  

Articoli correlati

Provate per voi: La Sportiva Prodigio

15 Aprile, 2024

La Sportiva Prodigio: è la nuova proposta dell’azienda di Ziano di Fiemme ed è pensata per rispondere alle specifiche esigenze dei corridori di ultra trail. L’ha collaudata per noi Giacomo Galliani “Triangolo Lariano” è il nome del territorio compreso tra i due rami del lago di Como, uno dei quali, quello che “volge a mezzogiorno” […]

Maratona di Boston: Obiri e Chebet difendono il titolo

14 Aprile, 2024

La due volte campionessa del mondo dei 5000 metri Hellen Obiri difenderà il suo titolo alla BAA Boston Marathon il 15 Aprile 2024 nel giorno dedicato alla Festa nazionale del Patriot’s Day.  Obiri é una delle quattro vincitrici passate della Maratona di Boston iscritte all’edizione di quest’anno. Le altre tre sono la keniana Edna Kiplagat, due volte vincitrice a Boston nel 2017 […]

Mario Lambrughi da record nei 300 ostacoli

13 Aprile, 2024

A Milano l’azzurro riscrive la migliore prestazione nazionale sulla distanza spuria dopo 28 anni. Lo junior Zanini al record italiano di categoria sui 1000 metri, la cadetta Doualla sui 150 metri Grande prova di Mario Lambrughi alla decima edizione dell’Athletic Elite Meeting a Milano. L’azzurro firma la migliore prestazione nazionale dei 300 ostacoli con il […]

Come restare in forma nel tempo

Restare in forma: come stabilizzare e mantenere uno stato magari faticosamente raggiunto? Orlando Pizzolato fornisce gli step da seguire per consolidare i miglioramenti nella corsa anche nei periodi di assenza dalle gare. Molto spesso, dice Pizzolato, la mancata correlazione tra possibilità e prestazione va infatti ricercata alla voce “adattamenti”. Si tratta, in sostanza, di miglioramenti […]