fbpx

Quando i soliti lavori non funzionano 

27 Novembre, 2018
foto: 123rf
Cosa significa allenare un podista?

Significa proporre un livello adeguato d’intensità da sostenere per uno specifico periodo, in modo da determinare un’evoluzione fisica. Soggetti che si allenano alla stessa intensità, però, non sempre ottengono gli stessi miglioramenti. 

A tu per tu con i “no responder”

Questa situazione è comune anche ad atleti di alto livello. Basta pensare al gruppo di keniani che si allena col primatista mondiale di maratona, Eliud Kipchoge: tutti svolgono la stessa preparazione, ma i risultati espressi in gara sono differenti, anche di molto.

È quindi fondamentale che ci sia sviluppata una conoscenza diretta del soggetto a cui viene proposto il carico di allenamento. 

Un allenamento “fisiologico”

Inoltre, una recente ricerca canadese apparsa su Journal Applied Physiology, Nutrition and Metabolism ha dimostrato che è più efficace e produttivo allenare un podista utilizzando un parametro fisiologico diretto e molto semplice, com’è l’impegno respiratorio, piuttosto che correre a intensità prefissate.

Un allenatore quindi, per agire con maggior efficacia sull’evoluzione del proprio atleta, non dovrebbe proporre di rispettare un determinato ritmo di corsa, ma di farlo correre sostenendo un livello specifico di respirazione. 

I soliti punti di riferimento

“Nulla di nuovo” verrebbe da pensare subito, se non fosse che la stragrande maggioranza dei tecnici continua ad allenare secondo parametri tradizionali. Prendiamo la corsa media, per esempio: c’è chi la fa sostenere al proprio atleta al 90% della soglia anaerobica, oppure al 80% del massimo consumo di ossigeno, o al 85% della frequenza cardiaca massima o ancora, come facciamo spesso su Correre, prendendo a riferimento il ritmo di una specifica distanza di gara: 10”/km (10 secondi al chilometro) più lentamente del ritmo gara tenuto in una recente prova di 10 km (indicato in sintesi come +10”/km RG 10 km), oppure 5”/km più velocemente del ritmo gara di mezza maratona ( -5”/km RG 21km).

Avere dei punti di riferimento per determinare l’intensità dello stimolo serve per cercare di definire, a priori, l’entità della sollecitazione, ma non è detto che si arrivi al risultato programmato.

Nota: Questo testo rappresenta la parte iniziale del servizio “Quando i soliti lavori non funzionano”, di Orlando Pizzolato pubblicato su Correre n. 410, dicembre 2018 (in edicola a inizio dicembre), alle pagine 20-22.

Correre Dicembre 2018

Questo mese parliamo di… Panorama – Ripercorriamo la storia di Federica Boifava, una delle ultratrailer più forti d’Italia che ha detto “stop” all’agonismo, ma non all’entusiasmo per la dimensione più autentica della corsa. (Leonardo Soresi) Allenamento – “Quando i soliti allenamenti non funzionano”. È questo il tema affrontato da Orlando Pizzolato che, in caso di […]

SEMPRE IN QUESTO NUMERO

Quando il gioco si fa duro… i veri runner cominciano a giocare

28 Novembre, 2018

C’è vita sul pianeta corsa. La cronaca ce lo ha ricordato. Correre di dicembre è percorso dalle immagini della Venicemarathon e dalle parole che ha ispirato. Ne è talmente pieno, di quelle parole e di quelle immagini, che se ne sollevi una copia dal tavolo potresti veder sgocciolare ancora l’acqua alta dalle pagine. Da tempo, […]

Giovani leoni crescono

28 Novembre, 2018

La rubrica “Giovani Leoni” fece il suo ingresso su Correre nel numero di novembre 2013. In un periodo di particolare crisi della corsa agonistica italiana, sia nel mezzofondo sia nella maratona, decidemmo di ricominciare a mettere in contatto i nostri lettori con i nuovi talenti della corsa e di dar loro visibilità e sostegno seguendone […]

Anteprima scarpe: 21 modelli per un 2019 tutto da correre

28 Novembre, 2018

995 modelli di scarpe in rappresentanza di 37 brand: questi i primi numeri di Scarpe&Sport, in edicola a inizio gennaio con le riviste Correre, Il Nuovo Calcio e Triathlete. Calzature per gli appassionati di running su strada e off road, ma anche per altri 9 diffusissimi sport, fra cui tennis, ciclismo, calcio e attività outdoor, […]

Quel dolore all’avampiede

27 Novembre, 2018

  La metatarsalgia è una patologia statisticamente molto frequente, soprattutto in relazione ad attività sportive condotte con intensità, come la corsa su lunghe distanze. È importante non sottovalutarla nella sua fase iniziale, quando il disagio è confinato a banali callosità confinate a livello dell’avampiede. I sintomi Nel caso di una reazione infiammatoria è presente localmente […]

Tutti i rischi della frenata

27 Novembre, 2018

  Un recente studio nel campo della biomeccanica, svolto in Canada all’Università della British Columbia, presentato all’American College of Sports Medicine conference e pubblicato dallo Scandinavian Journal of Medicine & Science in Sports, ha dimostrato come la forza con quale si arresta la propria corsa sia una causa importante di infortuni.  Scoperta sorprendente Per effettuare […]

Il bello dell’inverno

27 Novembre, 2018

In genere l’inverno non viene vissuto come la stagione migliore per la corsa e non è difficile comprenderne il motivo. Le giornate sono corte e fredde e questo ci porta, naturalmente, a preferire il calore e la comodità di casa nostra rispetto a un’uscita di corsa dopo il lavoro. Anche molti runner in questo periodo […]