fbpx

Pizzolato: nelle sedute intervallate il segreto è nel recupero 

09 Marzo, 2020
Il segreto di un buon intervall training? Fare attenzione al ritmo del recupero, non solo a quello delle frazioni veloci. Su Correre di marzo tutti i consigli di Orlando Pizzolato sullo svolgimento dell’allenamento-mantra degli amatori, con le indicazioni specifiche per l’impiego delle ripetute intervallate nei programmi di ogni distanza, dalle corse brevi alla maratona.

Gli allenamenti intervallati sono efficaci per migliorare la forma. È questo uno dei mantra più diffusi tra gli amatori evoluti e gli allenatori sono concordi sull’efficacia di questo tipo di lavoro. 

Su Correre di marzo, però, Orlando Pizzolato va a fondo dei dettagli che occorre conoscere e delle dinamiche che è necessario rispettare affinché le sedute di “intervall training” siano davvero utili a farci migliorare di condizione.

Il recupero conta quanto il ritmo

“Nelle discussioni tra corridori, l’attenzione si concentra sul ritmo che si è tenuto su specifiche distanze. In una seduta intervallata hanno però uguale importanza sia il tempo di recupero sia la modalità con cui lo si esegue” premette Pizzolato.

L’età che avanza e il poco tempo a disposizione, infatti, finiscono per “mandare in stallo” la preparazione. “Quando i progressi prestazionali ristagnano – precisa l’autore – si deve agire per migliorare l’efficacia del recupero. È proprio in questo ambito che si dovrebbe lavorare quando non si può, e non si riesce, ad allenarsi di più. Ad esempio, invece di faticare per riuscire a percorrere delle prove di 1.000 m in 3’45”/km ci si dovrebbe accontentare di affrontarle ancora in 3’50”/km, riducendo però il recupero (di 10-20”) oppure mantenendone la stessa durata (ad esempio 2’30”), ma percorrendo più strada (invece di 500 m arrivare a 550 m).”

Crescere grazie alle pause

“I runner che preparano gare corte (5 e 10 km) danno più enfasi, giustamente, al ritmo di corsa piuttosto che al recupero, che spesso è passivo (attuato da fermi o camminando). In questo caso l’andatura media totale (ripetuta + recupero) del lavoro specifico tende a essere piuttosto lenta. I podisti che si allenano invece per le mezze maratone e le maratone svolgono lavori intervallati meno intensi, lasciando margine di azione nel manipolare il recupero per aumentare l’effetto allenante. In questo caso il ritmo medio della seduta è più sostenuto e può dare indicazioni sulle capacità di ripresa, aspetto rilevante a livello amatoriale per ambire a incrementi prestazionali”, precisa ancora Pizzolato, che completa il proprio contributo tecnico analizzando in dettaglio come utilizzare le sedute intervallate nella preparazione della maratona, sia come mezzo per la crescita della condizione sia come strumento di verifica dello stato di forma. 

Nota: Questo testo rappresenta una sintesi del servizio “Non solo ritmo”, di Orlando Pizzolato, pubblicato su Correre n. 425, marzo 2020 (in edicola da inizio mese), alle pagine 34-35.

Correre Marzo 2020

Questo mese parliamo di: Panorama – Intervista esclusiva a proposito delle scarpe da gara iper elastiche di Eliud Kipchoge con Ned Frederick, “l’uomo che ha portato la scienza nelle calzature da running” e che, insieme a Phil Knight, fondò il Nike Sports Research Lab nel 1981. (Filippo Pavesi) Panorama – A tu per tu con […]

SEMPRE IN QUESTO NUMERO

Reportage: Utmb Oman 

12 Marzo, 2020

Per il secondo anno l’organizzazione dell’Ultra Trail du Mont Blanc ha realizzato una gara in Oman, all’interno del suo circuito internazionale di eventi. La riviviamo insieme all’ultrarunner Oliviero Alotto, attraverso il suo diario di corsa corredato di appunti tecnici ed emotivi. “Quando le dico che partirò per l’Oman, la ragazza mi risponde che è un […]

Super calzature con il plate nell’intersuola: ecco i dubbi di Ned Frederick, che fondò il Nike Sports Research Lab

11 Marzo, 2020

Un colloquio in esclusiva a proposito delle scarpe da gara iper-elastiche con Ned Frederick, “L’uomo che ha portato la scienza nelle calzature da running” e che fondò il Nike Sports Research Lab nel 1981 insieme a Phil Knight. “Oggi ricercatore indipendentemente, accademico, docente di scienze mediche collegate allo sport e consulente di altre prestigiose aziende […]

Concurrent training: forza e corsa insieme? Si può

09 Marzo, 2020

Il nostro esperto Huber Rossi ci spiega come allenare contemporaneamente l’endurance e la forza, attraverso la spiegazione e l’illustrazione di una serie di esercitazioni consultabili interamente su Correre di marzo. “L’allenamento di endurance stimola il corpo ad aumentare la biogenesi mitocondriale e sviluppare il letto vascolare; l’allenamento di forza, invece, tramite stimoli brevi e molto […]

Scarpe&Sport: 521 nuovi modelli per il running di primavera 

26 Febbraio, 2020

Con Correre di marzo i lettori trovano in allegato il numero 49 di Scarpe&Sport, che presenta in 180 pagine le collezioni primavera-estate di 40 brand, attivi nei settori running-trail running, outdoor, calcio e calcio a cinque, ciclismo, triathlon, fitness&training, volley, tennis, pallamano e basket.  “Con Correre di marzo i lettori trovano il numero 49 di […]

Donna e corsa: l’eleganza va oltre le apparenze

26 Febbraio, 2020

Prima che una questione di abbigliamento, accessori o bellezza del corpo, la parola chiama in causa significati più profondi, che vanno a mettere in gioco i comportamenti di ognuno nella corsa e nella vita. Nelle sei pagine al femminile della rubrica “Verbatim”, la parola del mese è “Eleganza”. La parola eleganza, intorno alla quale ruotano […]

Approfondire, l’altra faccia del verbo “Correre”

26 Febbraio, 2020

Tre approfondimenti sul nuovo numero: come allenare forza e resistenza insieme, il reportage sull’Utmb Oman, l’intervista di Filippo Pavesi a Ned Frederick. Altri tre si trovano all’interno di Scarpe&Sport, che raggiunge i lettori allegato a Correre di marzo.  Correre di marzo lo possiamo considerare come una fotografia: nelle sue 160 pagine c’è l’Italia com’era prima […]