fbpx

Dal cross alla strada: come utilizzare il lavoro già fatto 

09 Febbraio, 2020
Foto: Jader Consolini
Possiamo considerare le corse campestri anche come un valido ciclo di potenziamento muscolare? Quanto del lavoro fatto per le gare nel fango può essere sfruttato per le tabelle successive con cui cominciamo a preparare gli appuntamenti di primavera?

“Siamo agli inizi di febbraio e molti runner sono ancora impegnati nella pratica delle campestri: qualcuno ha deciso di preparare un ciclo di finalizzazione per queste competizioni, altri, semplicemente, le affrontano per la voglia di un diversivo o hanno deciso di introdurre un paio di prove giusto per “sentire” le gambe impegnate nei tosti percorsi dei cross.”

Come proseguire quindi, per i prossimi mesi? Possiamo considerare le campestri come un valido ciclo di potenziamento muscolare? Quanto si può realmente sfruttare il beneficio dei cross per le nostre tabelle successive? Come programmare, quindi, i prossimi 3 mesi di febbraio, marzo e aprile?”

Questo il “piano dell’opera” affrontato da Lorenzo Falco su Correre di febbraio.

Potenziamento, il tesoretto del cross

Al termine del suo intervento, l’allenatore sintetizza che la risposta è “sì”, “Le campestri sono un valido mezzo di allenamento per mantenere la tensione agonistica anche durante la pausa invernale: qualche podista può sfruttare il potenziamento generato da esse per inserire qualche prova su distanze corte, nel breve periodo, entro le 5 settimane dal termine del ciclo di cross” e conclude con un suggerimento: “Fate una scelta in relazione alle vostre attitudini, tenendo conto che ciò che otterrete in primavera lo avete costruito a febbraio e a marzo.” 

Dalla campestre alla 10 km su strada

Lungo le cinque pagine del servizio, Falco ha modo di entrare nelle modalità di passaggio dal cross alle classiche distanze delle corse su strada, quelle in cui si tufferanno molti nostri lettori. 

“Avete scelto una 10 km, ad esempio, nella seconda settimana di marzo? Se dal periodo invernale avete conservato le qualità tipiche del podista che si cimenta sui10 km (velocità di base, tenuta muscolare, magari generata dalle campestri o da qualche settimana dedicata al potenziamento specifico) non vi serviranno più di 6 settimane per arrivare all’obiettivo”. 

Quali mezzi di allenamento preferire nelle singole settimane? Come inserire gli allenamenti nel corso delle settimane? Sono queste le tematiche che Falco sviluppa con dovizia di consigli prima di concludere il capitolo 10 km con questa osservazione: “Se terminate bene la gara, rifiatate un paio di settimane, mantenete con qualche breve seduta di qualità e rimettevi in gioco su un’altra competizione: la condizione vi “rimane nelle gambe” per 3 settimane, un mese al massimo. Sfruttatela.”

Verso le distanze più lunghe 

Il lungo dossier tecnico passa poi a guidare il runner verso lo sviluppo dalla 10 km alla mezza maratona mentre un capitolo a parte è dedicato a chi vuole partecipare a una maratona in primavera: “Se volete correre una maratona a maggio, la vostra preparazione dovrà essere già partita a fine gennaio, per una corretta scansione delle settimane.” 

Nota: Questo testo rappresenta una sintesi del servizio “Verso i prossimi obiettivi”, di Lorenzo Falco, pubblicato su Correre n. 424, febbraio 2020 (in edicola da inizio mese), alle pagine 38-44.

Correre Febbraio 2020

In questo numero parliamo di… Maximaratona – Come da tradizione, anche quest’anno Correre di febbraio esce con allegata Maximaratona, che in questo caso contiene tutti i nomi e i tempi dei maratoneti italiani nel 2019. Sono 36.725 i nostri connazionali che nel 2019 hanno portato a termine almeno una prova da 42,195 km e hanno […]

SEMPRE IN QUESTO NUMERO

Running Mastery: fase uno, allenarsi a cominciare a correre 

21 Febbraio, 2020

Dopo la presentazione sul numero di gennaio, il protocollo di lavoro denominato Runnig Mastery entra nel vivo: ecco la prima fase, denominata APC, ovvero allenarsi per correre. Obiettivo: arrivare ad avere un organismo che possa permettersi di praticare il running. Allenarsi per correre, predisporre le basi che permettano al nostro organismo di presentarsi idoneo a […]

Alcol e corsa: istruzioni per l’uso

20 Febbraio, 2020

Tentazioni e pericolo dipendenza, il piacere di un bicchiere ogni tanto e il rischio che un’abitudine considerata innocua (ad esempio: una birra dopo un lungo allenamento) finisca col tempo per mettere in moto meccanismi di ingrassamento. “Il corridore che beve vino o altri alcolici con una certa frequenza corre il rischio di ingrassare a causa […]

Correre al femminile: superare l’inibizione 

12 Febbraio, 2020

Esprimersi senza condizionamenti, affrancarsi dai freni e dagli auto-sabotaggi. C’è ancora molto da fare per sgombrare il campo dal disagio e vivere appieno la passione per la corsa. “Inibizione” è la parola chiave declinata su Correre di febbraio nelle pagine tutte femminili di Verbatim. Guest star: Catherine Bertone.    Da quando spopolano i social la […]

Pizzolato: ripetere le sedute permette di migliorare il ritmo gara

07 Febbraio, 2020

Il direttore di Correre spiega come programmare, occasionalmente, due o più sessioni di lavoro uguali nella stessa settimana. Con l’obiettivo di migliorare il ritmo gara e la capacità di sostenere carichi di lavoro più alti. “È una metodica molto inusuale, ma particolarmente efficace quando si deve agire per rafforzare in maniera incisiva un meccanismo fisiologico […]

C’è più di una vita sul pianeta corsa 

07 Febbraio, 2020

Visto dall’oblò di Correre di febbraio il pianeta running appare immenso: dal mito di Haile Gebrselassie alle attività preparatorie per cominciare bene a correre passa una distanza siderale, e probabilmente, sotto il profilo del target, si tratta dello sforzo più grande da noi mai prodotto per continuare a considerare l’universo di chi corre come un […]