fbpx

Correre al freddo: 6 consigli per non rinunciare

Foto: 123rf
Su Correre di novembre Daniele Vecchioni prende per mano i runner nel momento fatidico del cambio dell’ora, quando fa buio presto e le temperature si abbassano; due elementi che, combinati insieme, finiscono per scoraggiare molti appassionati, soprattutto i neo-runner che per la prima volta si trovano alle prese con la stagione fredda

“L’uomo non va in letargo come alcuni animali, dunque vuol dire che è in grado di affrontare anche le temperature più rigide, sfruttando la propria capacità di adattamento, la propria resilienza e adottando semplici accorgimenti come quelli suggeriti in questo articolo.”

Con questa premessa, su Correre di novembre Daniele Vecchioni prende per mano i runner nel momento fatidico del cambio dell’ora, quando fa buio presto e le temperature si abbassano, due elementi che, combinati insieme, finiscono per scoraggiare molti appassionati, soprattutto i neo-runner che per la prima volta si trovano alle prese con la stagione fredda.

Sei “accorgimenti” per la corsa d’autunno

Anche la stagione fredda è, in realtà, un tesoro da scoprire. Saperla affrontare procura innanzitutto la forte crescita dell’autostima. Sono 6 i consigli dell’autore per attraversare questo periodo in cui diminuiscono sia le ore di luce sia la temperatura:

1 – effettuare un buon riscaldamento, da cominciare magari in casa, con i circuiti di training descritti nell’articolo; con il riscaldamento migliora l’ossigenazione del sangue e calano sia lo stress sia il rischio infortuni;

2 – Preferire la corsa aerobica o rigenerante, per costruire una base aerobica da sfruttare più avanti, nella preparazione alle gare che diventeranno i nostri obiettivi in primavera ed estate;

3 – Respirare con il naso, perché l’aria, passando dalla cavità nasale, viene filtrata dalle impurità e si riscalda, evitando così di giungere fredda nei nostri polmoni;

4 – Vestirsi in modo adeguato, cioè “a strati”, senza coprirsi troppo; coprire sempre, soprattutto, testa, mani e piedi;

5 – Preferire le ore di luce, per disporre delle ore più calde, recuperare il tono dell’umore e immagazzinare un po’ di vitamina D;

6 – Godersi la corsa, perché ogni stagione ha la sua bellezza, di colori e di suoni, ad esempio, ma anche, nel caso dell’inverno, di silenzio.

Nota: Questo testo rappresenta una sintesi del servizio “Freddo non ti temo”, di Daniele Vecchioni, pubblicato su Correre n. 445, novembre 2021 (in edicola da inizio mese), alle pagine 66-67.

Correre Novembre 2021

Questo mese parliamo di… Allenamento – Il “lunghissimo” è un allenamento fondamentale per la maratona: quanto dev’essere lungo? Va affrontato da riposati o da stanchi? Orlando Pizzolato propone un confronto analitico tra il metodo classico e quello alternativo così da favorire la scelta giusta per ognuno di noi. (Orlando Pizzolato) Allenamento – Possedere un elevato […]

SEMPRE IN QUESTO NUMERO

Come si gestiscono gli infortuni

Su Correre di novembre Julia Jones e Fulvio Massa affrontano il tema della gestione dell’infortunio nei rispettivi contributi. Ecco una sintesi dei loro consigli per trasformare il periodo di stop in un’occasione per diventare un runner migliore. Dobbiamo farcene una ragione: l’infortunio fa parte della vita del runner. Escludere che possa accadere è impossibile, ignorarne […]

I sogni nel cassetto fanno la muffa

02 Novembre, 2021

La passione per la corsa è difficile da misurare, ma possiamo farcene un’idea. Quando leggo le classifiche delle gare, ad esempio, penso che dietro ogni riga con nome e tempo c’è una storia, un percorso partito da un sogno, un piccolo o grande progetto di vita. Mi piacerebbe conoscerle tutte, queste storie e queste vite. […]