fbpx

I sogni nel cassetto fanno la muffa

02 Novembre, 2021
Foto: 123rf

La passione per la corsa è difficile da misurare, ma possiamo farcene un’idea. Quando leggo le classifiche delle gare, ad esempio, penso che dietro ogni riga con nome e tempo c’è una storia, un percorso partito da un sogno, un piccolo o grande progetto di vita. Mi piacerebbe conoscerle tutte, queste storie e queste vite. Alcune ho avuto la fortuna di intercettarle. Il mio editoriale che apre Correre di novembre fa riferimento a uno di questi casi, quello della lettrice (e oggi trail runner) Rachele Panizzi da Livorno, che fece parte del quartetto di lettori che furono scelti da Correre per vivere da debuttanti il progetto “Sarò Skyrunner”, culminato con la Montblanc Skyrace da Courmayeur alla stazione di funivia di Punta Helbronner.

L’appetito vien… correndo

Preoccupato per una preparazione che al massimo aveva potuto contare su qualche cavalcavia, Fulvio Massa fece la gara con lei, dopo aver seguito per mesi gli allenamenti suoi e degli altri tre lettori, che nel sole di quel primo fine settimana dell’agosto 2016 si “diplomarono” skyrunner: Luca Borgoni, Stefania Carboni e Stefano Giacomelli.

Avrei giurato che l’avventura di Rachele nel trail running sarebbe finita lì, in quello sfinito sguardo sul mondo conquistato poco prima dello scadere del tempo massimo. Nel 2018, invece, la incontrai alla partenza del Mugello Ultra Trail e da quel momento in poi l’ho rivista spesso in altre gare off road. Ultimo domicilio conosciuto della sua passione il Tuscany Crossing: Rachele ha concluso la “corta” (105 km!) e in quell’inizio di ottobre mi è comparsa su Whatsapp l’immagine del suo arrivo nel buio, le mani alte sopra la testa a reggere un cartello con su scritto: “I sogni nel cassetto fanno la muffa”.

La sfida di Correre

Questa storia aiuta a comprendere la sfida di Correre in questo tempo di nostra vita e sintetizza uno degli aspetti più belli della nostra attività: quando l’esperienza dei nostri coach, capaci di allenare le eccellenze, esce dalle pagine e incontra i lettori. Succede così che anche una persona compressa dalla vita, schiacciata o rifugiata nella quotidianità, trovi la strada per andare incontro a un nuovo possibile sé acceso di autostima. Quello che noi possiamo fare, in realtà, altro non è che illuminare questo possibile tragitto interiore, ma a volte basta a fare la differenza tra un sogno che rimane nel cassetto e uno che invece diventa vero.

Correre Novembre 2021

Questo mese parliamo di… Allenamento – Il “lunghissimo” è un allenamento fondamentale per la maratona: quanto dev’essere lungo? Va affrontato da riposati o da stanchi? Orlando Pizzolato propone un confronto analitico tra il metodo classico e quello alternativo così da favorire la scelta giusta per ognuno di noi. (Orlando Pizzolato) Allenamento – Possedere un elevato […]

SEMPRE IN QUESTO NUMERO

Come si gestiscono gli infortuni

Su Correre di novembre Julia Jones e Fulvio Massa affrontano il tema della gestione dell’infortunio nei rispettivi contributi. Ecco una sintesi dei loro consigli per trasformare il periodo di stop in un’occasione per diventare un runner migliore. Dobbiamo farcene una ragione: l’infortunio fa parte della vita del runner. Escludere che possa accadere è impossibile, ignorarne […]

Correre al freddo: 6 consigli per non rinunciare

Su Correre di novembre Daniele Vecchioni prende per mano i runner nel momento fatidico del cambio dell’ora, quando fa buio presto e le temperature si abbassano; due elementi che, combinati insieme, finiscono per scoraggiare molti appassionati, soprattutto i neo-runner che per la prima volta si trovano alle prese con la stagione fredda “L’uomo non va […]