fbpx

Baldini ha corso di nuovo ad Atene 

27 Novembre, 2019
Foto: Born To Run
Le emozioni della maratona olimpica, rivissute a 15 anni di distanza. Con gli amici top runner di allora e la famiglia al completo dei due figli che all’epoca ancora non erano nati. Stefano Baldini ha affrontato di nuovo il tracciato della vittoria di Atene 2004 e ci ha raccontato com’è andata.

Quest’anno c’era anche Stefano Baldini al via della maratona di Atene, che utilizza lo stesso tracciato della gara dei Giochi olimpici 2004, con partenza da Maratona e arrivo nell’antico stadio Panathinaikos, che ospitò la prima edizione dei Giochi olimpici moderni.

Un’idea di Igor Cassina

«A rifare quella maratona non ci avevo mai pensato» racconta il campione olimpico del 2004 nell’intervista curata da Francesca Grana. «Un po’ perché non mi piacciono gli anniversari; un po’ perché oggi non partecipo più alle gare, se non per iniziative di beneficenza, occasioni particolari come l’addio all’agonismo di qualche amico o progetti lavorativi. L’idea di correrla è stata di Igor Cassina, oro nella ginnastica artistica ad Atene 2004, che ha provato a convincere un gruppetto di campioni olimpici a tornare nella “nostra” città con la scusa della maratona. All’inizio erano tutti entusiasti… ma, quando poi si sono resi conto di cosa voglia dire preparare una 42 km e incastrare gli allenamenti nei vari impegni lavorativi, siamo rimasti solo noi due!».

La preparazione di Baldini, con quindici anni in più

Baldini parla poi di «Una preparazione piuttosto tortuosa per via di un’infiammazione al tendine d’Achille».

«Nell’ultimo mese, però, sono riuscito ad allenarmi discretamente, correndo una ventina di volte su 30 giorni disponibili e inserendo anche un paio di uscite lunghe: 25 km il 21 ottobre e 30 una settimana dopo».

«In quel periodo sarò arrivato a un totale di 300 km, che di per sé sarebbe un eccesso da evitare e che, in effetti, se non si fosse trattato proprio della maratona di Atene mi sarei risparmiato».

Nell’intervista trovano poi spazio le emozioni (più potenti del previsto: «Per fortuna, al traguardo c’era un po’ di pioggia a mischiarsi con la commozione»), le giornate passate con gli amici top runner di un tempo (Giacomo Leone, Giovanni Ruggiero e Ottavio Andriani),  la cronaca dettagliata della sua corsa e i consigli per i podisti che, come lui, «Inevitabilmente stanno invecchiando».

Nota: Questo testo rappresenta una sintesi dell’intervista intitolata “Sono venuto a vedere l’effetto che fa”, di Francesca Grana, pubblicato su Correre n. 422, dicembre 2019 (in edicola a inizio mese), alle pagine 75-77.

Correre Dicembre 2019

Questo mese parliamo di… Anniversari – Al via della maratona di New York sembra sempre di più volerci essere chi… c’è già stato! Ne abbiamo parlato con Antonio Baldisserotto, primo “traghettatore” di tanti italiani alla 42 km della Grande Mela con Terramia. (Daniele Menarini) Allenamento – Le proposte di Orlando Pizzolato per aumentare la potenza […]

SEMPRE IN QUESTO NUMERO

Più potenza per il trail

21 Dicembre, 2019

Fulvio Massa ci illustra alcune proposte e metodiche per sviluppare la nostra forza, la principale qualità condizionale che distingue la corsa in natura dal podismo tradizionale. “Per praticare il trail è naturalmente necessario sviluppare la forza soprattutto degli arti inferiori, per essere in grado di affrontare dislivelli positivi e negativi, ostacoli e terreni tecnici e […]

Correre senza legamento

16 Dicembre, 2019

Luca De Ponti ci presenta una panoramica sull’attività podistica in presenza di una lesione del crociato anteriore. Quando è importante ricostruirlo e quando, invece, è possibile proseguire nell’attività, con le dovute attenzioni e compensazioni?  “La solidità del ginocchio è garantita dall’insieme che comprende i legamenti crociati e collaterali e dalla muscolatura, in particolare quella della […]

Oregon Project: il J’accuse di Mary Cain

27 Novembre, 2019

A qualche settimana dalla squalifica di 4 anni inflitta all’allenatore Alberto Salazar, l’enfant prodige del mezzofondo statunitense confessa i retroscena della sua esperienza col famoso coach, sulle pagine del New York Times. A sviluppo della traduzione subito pubblicata dalla nostra giornalista Francesca Grana su Correre.it, affrontiamo alcune delle tematiche sollevate dall’inquietante caso, con i contributi […]

Una mezza maratona per tutti

27 Novembre, 2019

Appunti e programmi per i vostri obiettivi 2020: su Correre di dicembre vi riproponiamo una sintesi sulla più utilizzata e apprezzata programmazione per i 21,097 km, in cui confluiscono le competenze di Giorgio Rondelli (per amatori evoluti e top runner) e Huber Rossi (amatori e master). “Rispetto alle gare brevi (5-12 km), la mezza maratona […]

Autentici: così ci vogliono i lettori

27 Novembre, 2019

Ci sono elementi di comunicazione che a prima vista sembrano vecchi e che invece, alla prova dei fatti, risultano ancora efficaci, perché graditi ai corridori: edizioni-anniversario, ad esempio, ma anche maglie e medaglie. E le tabelle di Correre. Simboli di autenticità in un mare troppo agitato di novità che disorientano. “Simboli, si chiamano, e sembrano […]