Aouani a CorrereTV il giorno dopo Barcellona

Aouani a CorrereTV il giorno dopo Barcellona

12 Marzo, 2024

A caldo, il giorno dopo la maratona di Barcellona dove ha mancato il tempo sotto le 2 ore e otto minuti necessario per candidarsi alla convocazione per Parigi 2024, Iliass Aouani non si sottrae alle domande di Giorgio Rondelli e Daniele Menarini. 

Un Iliass Aouani comprensibilmente stanco e un po’ deluso ha affrontato senza nascondersi il collegamento in diretta per “Il punto di Menarini”, la rubrica che ogni lunedì alle 12:30, su CorrereTV, si concentra sui personaggi e i fatti più importanti del fine settimana del running. 

Incorso in una caduta al 15° chilometro della maratona di Osaka del 25 febbraio, Aouani si era poi ritirato al trentesimo conservando così la condizione per riprovare a correre una maratona e aveva scelto last minute Barcellona, teatro lo scorso anno del suo 2:07’16”, all’epoca record italiano. Si è classificato quarto con 2:08’05”, cioè il secondo miglior tempo della carriera, ma non sufficiente a scalfire il “triplete di Siviglia”, dove Crippa, Faniel e Meucci sono scesi sotto le 2:08’. 

Rispondendo con grande calma e onestà alle domande di Giorgio Rondelli e Daniele Menarini, ha permesso a chi seguiva di conoscere il disagio che è seguito al ritiro di Osaka: «Sono riuscito a ricominciare a correre solo domenica scorsa (3 marzo, ndr)– ha precisato – ma la cosa più difficile è stata rimanere concentrati su un obiettivo sfuggito di mano per un imprevisto.» 

«Fino al trentesimo sei stato più veloce di Crippa a Siviglia» ha fatto notare Rondelli elencando i parziali di Aouani a Barcellona: 15’00” /5 km, 29’51”/10 km, 44’52”/ 15 km, 59’42”/20 km, fino all’eccellente 1:02’54” alla mezza maratona, l’1:14’33” ai 25 km e l’1:29’53” ai 30 km.

«Questo mi dà fiducia per una maratona da correre forte nella seconda metà dell’anno. A Barcellona ho dovuto correre per metà maratona da solo, con una lepre ingaggiata da me nella prima parte, per poi andare avanti in una rincorsa solitaria. È un risultato buono, considerando il contesto, ma in un anno con tanta concorrenza. Non mi posso incolpare di nulla, ho fatto il possibile e ne esco a cuor sereno. Ora il mio obiettivo è scaricare la testa e ritrovare serenità.»

Articoli correlati

Boston Marathon: Trionfo di Obiri e Lemma

16 Aprile, 2024

Hellen Hobiri in 2:22’37” e Sisay Lemma in 2:06’17” hanno vinto la 128ª BAA Boston Marathon, candidandosi per un posto in squadra ai Giochi olimpici. I più veloci dei circa 300 italiani sono stati Giovanni Grano (2:19’56”) e Chiara Bondi (3:15’51”). La centovettottesima edizione della Maratona di Boston, la più antica maratona del mondo, ha […]

Provate per voi: La Sportiva Prodigio

15 Aprile, 2024

La Sportiva Prodigio: è la nuova proposta dell’azienda di Ziano di Fiemme ed è pensata per rispondere alle specifiche esigenze dei corridori di ultra trail. L’ha collaudata per noi Giacomo Galliani “Triangolo Lariano” è il nome del territorio compreso tra i due rami del lago di Como, uno dei quali, quello che “volge a mezzogiorno” […]

Maratona di Boston: Obiri e Chebet difendono il titolo

14 Aprile, 2024

La due volte campionessa del mondo dei 5000 metri Hellen Obiri difenderà il suo titolo alla BAA Boston Marathon il 15 Aprile 2024 nel giorno dedicato alla Festa nazionale del Patriot’s Day.  Obiri é una delle quattro vincitrici passate della Maratona di Boston iscritte all’edizione di quest’anno. Le altre tre sono la keniana Edna Kiplagat, due volte vincitrice a Boston nel 2017 […]

Mario Lambrughi da record nei 300 ostacoli

13 Aprile, 2024

A Milano l’azzurro riscrive la migliore prestazione nazionale sulla distanza spuria dopo 28 anni. Lo junior Zanini al record italiano di categoria sui 1000 metri, la cadetta Doualla sui 150 metri Grande prova di Mario Lambrughi alla decima edizione dell’Athletic Elite Meeting a Milano. L’azzurro firma la migliore prestazione nazionale dei 300 ostacoli con il […]