Aouani a CorrereTV il giorno dopo Barcellona

Aouani a CorrereTV il giorno dopo Barcellona

12 Marzo, 2024

A caldo, il giorno dopo la maratona di Barcellona dove ha mancato il tempo sotto le 2 ore e otto minuti necessario per candidarsi alla convocazione per Parigi 2024, Iliass Aouani non si sottrae alle domande di Giorgio Rondelli e Daniele Menarini. 

Un Iliass Aouani comprensibilmente stanco e un po’ deluso ha affrontato senza nascondersi il collegamento in diretta per “Il punto di Menarini”, la rubrica che ogni lunedì alle 12:30, su CorrereTV, si concentra sui personaggi e i fatti più importanti del fine settimana del running. 

Incorso in una caduta al 15° chilometro della maratona di Osaka del 25 febbraio, Aouani si era poi ritirato al trentesimo conservando così la condizione per riprovare a correre una maratona e aveva scelto last minute Barcellona, teatro lo scorso anno del suo 2:07’16”, all’epoca record italiano. Si è classificato quarto con 2:08’05”, cioè il secondo miglior tempo della carriera, ma non sufficiente a scalfire il “triplete di Siviglia”, dove Crippa, Faniel e Meucci sono scesi sotto le 2:08’. 

Rispondendo con grande calma e onestà alle domande di Giorgio Rondelli e Daniele Menarini, ha permesso a chi seguiva di conoscere il disagio che è seguito al ritiro di Osaka: «Sono riuscito a ricominciare a correre solo domenica scorsa (3 marzo, ndr)– ha precisato – ma la cosa più difficile è stata rimanere concentrati su un obiettivo sfuggito di mano per un imprevisto.» 

«Fino al trentesimo sei stato più veloce di Crippa a Siviglia» ha fatto notare Rondelli elencando i parziali di Aouani a Barcellona: 15’00” /5 km, 29’51”/10 km, 44’52”/ 15 km, 59’42”/20 km, fino all’eccellente 1:02’54” alla mezza maratona, l’1:14’33” ai 25 km e l’1:29’53” ai 30 km.

«Questo mi dà fiducia per una maratona da correre forte nella seconda metà dell’anno. A Barcellona ho dovuto correre per metà maratona da solo, con una lepre ingaggiata da me nella prima parte, per poi andare avanti in una rincorsa solitaria. È un risultato buono, considerando il contesto, ma in un anno con tanta concorrenza. Non mi posso incolpare di nulla, ho fatto il possibile e ne esco a cuor sereno. Ora il mio obiettivo è scaricare la testa e ritrovare serenità.»

Articoli correlati

Verso Venicemarathon: le tabelle della seconda settimana

Benvenuto al programma in 15 settimane, gratuito e rivolto a tutti, ideato dagli organizzatori della Maratona di Venezia in collaborazione con la nostra rivista. Qui di settimana in settimana, troverai le tabelle in preparazione dell’appuntamento di domenica 27 ottobre. Training to Wizz Air Venicemarathon è il programma che ti accompagna passo dopo passo verso il […]

La sfida di Roma: numero chiuso a 30.000

19 Luglio, 2024

Per la prima volta in una maratona italiana è stato fissato un numero chiuso a 30.000 iscritti. A pari periodo (luglio 2023-luglio 2024) il numero delle iscrizioni è già raddoppiato per la 30esima edizione del 16 marzo 2025, anno giubilare. Raddoppiano le giornate di sport: Fun Run 5km anticipata al sabato mattina 15 marzo L’obiettivo […]

Il ritorno di Alex Schwazer

18 Luglio, 2024

Un ritorno-addio, quello del marciatore altoatesino che domenica 7 luglio ha concluso gli 8 anni di squalifica. Ad Arco (TN), in una gara omologata Fidal sui 20 km di marcia. Gli 8 anni di squalifica sono finiti domenica 7 luglio. Troppo tardi per provare a ottenere lo standard di partecipazione per i Giochi olimpici di […]

Tamberi: “Ho pianto, ma il sogno non finisce”

10 Luglio, 2024

Il portabandiera azzurro accusa un problema al bicipite femorale e dovrà seguire una settimana di terapie e allenamenti differenziati saltando le gare di avvicinamento ai Giochi,. “Non mi vergogno a dirlo, ho pianto 3 volte nelle ultime 24 ore… probabilmente per la tensione, probabilmente per la paura e forse anche perché in parte tutto questo […]