Aggressione a Daisy Osakue: “Atto codardo, ora spiegatemi il perché”

Foto Giancarlo Colombo

Colpita in pieno volto da un uovo lanciato da un’auto in corsa. È successo a Daisy Osakue, 22 anni, primatista italiana under23 di lancio del disco. L’incidente, su cui stanno indagando gli inquirenti, è avvenuto ieri sera a Moncalieri mentre Daisy stava rincasando.

“Una persona dovrebbe essere tranquilla e libera di camminare per strada senza rischiare di essere aggredita così all’improvviso – racconta l’azzurra – E’ stato un atto da codardi. Non voglio usare la carta del sessimo e nemmeno quella del razzismo, ma ora desidero capire il perché di tutto questo”.

Stavo attraversando la strada sulle strisce, ho visto un mezzo, forse un furgoncino, con due ragazzi a bordo che accelerava e poi ho sentito un colpo fortissimo all’occhio sinistro – ricostruisce Daisy Osakue – Mi sono messa ad urlare perché ho visto del liquido sulle mani e ho avuto paura che fosse acido, poi mi sono resa conto che era un uovo”.

Trasportata all’ospedale Oftalmico di Torino, ha riportato una abrasione alla cornea  ma sulla sua partecipazione ai prossimi Europei, Daisy Osakue ci scommette “Cascasse il mondo, io andrò a Berlino! Ora due giorni senza allenamento, poi mercoledì mattina un altro controllo a Torino all’ospedale oftalmico e potrò ricominciare ad allenarmi giovedì. La qualificazione della mia gara è il 9 agosto”.