Provate per voi: Brooks Ghost Max

Provate per voi: Brooks Ghost Max

13 Dicembre, 2023

Ideale per i runner che cercano una scarpa che non stressi i tendini, protettiva e che li possa accompagnare in tutti gli allenamenti di fondo medio e lento. Consigliata anche a chi vuol fare una gara senza ambizioni cronometriche, ma con la voglia di divertirsi e di finire una mezza maratona o maratona con una scarpa stabile che tiene lontani gli infortuni. È questa la valutazione fornita dal nostro tester per la Brooks Ghost Max.

«Se siete alla ricerca di una scarpa confortevole, ultra ammortizzata, che duri almeno 800 km e vi accompagni senza problemi nelle sedute di fondo medio e lento che vi porteranno, ad esempio, al via di una mezza maratona o di una maratona con obiettivo “finire in salute”, la Ghost Max è la calzatura idonea per voi, anche se siete “tallonatori”, cioè runner che cominciano la “rullata” impattando il piede a terra innanzitutto con l’area del tallone.»

Con questa sintetica indicazione Emilio Mori riassume il suo lungo test effettuato correndo con le Brooks Ghost Max.

Guarda la videorecensione

Provata in diversi allenamenti e condizioni

«Ho provato questa calzatura a diverse andature: 5’30”/km, poi 4’30”/km e infine anche a 3’30”/km, ogni volta su diversi terreni. La cosa che più mi ha sorpreso – precisa il nostro tester – è che, anche se si tratta di una scarpa super ammortizzata, non ho avvertito il classico effetto “pantofola”. Un esempio: anche nella fase finale di un lavoro di 18 km al mio ritmo di fondo medio (3’50”/km) sono rimasto sorpreso dalla stabilità. Verso la fine di un allenamento un po intenso tendo sempre a perdere un po’ la fluidità nella meccanica di corsa, ma grazie all’alloggiamento del tallone bello ampio, alla pianta abbastanza larga e al battistrada in Glideroll Rocker sono riuscito a mantenere una falcata stabile e costante fino alla fine dell’allenamento.» 

Foto Davide Ognibene

Sono proprio queste, del resto, le caratteristiche tecniche fondamentali della Ghost Max. Le informazioni tecniche di Brooks precisano infatti che Ghost Max è dotata della tecnologia di transizione GlideRoll Rocker, concepita per assistere attivamente nelle transizioni dal tallone alla punta e renderle più fluide. GlideRoll Rocker è una tecnologia che, offrendo una maggiore ammortizzazione, risulta efficace anche per le persone che soffrono di fascite plantare e osteoartrite. 

Le impressioni del nostro tester, Emilio Mori, runner quarantenne da meno di 1:12’ in mezza maratona, confermano così le informazioni pervenute dall’azienda, che ricorda come anche i modelli “MAX” siano frutto di “Run Signature”, l’approccio olistico che Brooks adotta per comprendere meglio le esigenze dei runner e la loro esperienza di corsa, con l’obiettivo di offrire prodotti da corsa ottimizzati in base alle esigenze biomeccaniche di ciascun individuo. 

Foto: Davide Ognibene

«Il giorno dopo questo lavoro, ho poi svolto un fondo lento rigenerante sotto la pioggia ai 4’30”/km e devo dire che, oltre ad essermele godute veramente tanto, ho potuto testare il battistrada su terreno sdrucciolevole, rilevando la necessità di un intaglio un po’ più spesso sul battistrada, che potrebbe aumentare il grip.» 

Il runner-tipo delle Ghost Max 

“La maggiore altezza dello stack e l’ammortizzazione aggiuntiva di questa scarpa – spiegano da Brooks – offrono sia un tocco moderno sia un’ottima protezione, caratteristiche che la rendono adatta a tutti i runner, indipendentemente dal loro livello e dai loro obiettivi.” 

«Mi sento di consigliarla a tutti i runner che cercano una scarpa che non stressi i tendini, protettiva e che li possa accompagnare in tutti gli allenamenti di fondo medio e lento, ma anche a chi vuol fare una gara senza ambizioni cronometriche, ma con la voglia di divertirsi e di finire una mezza maratona o maratona con una scarpa stabile che regala il sorriso sulle labbra e che tiene lontani gli infortuni. Non è invece di particolare utilità per runner con un peso sotto i 68-65 kg e che cercano la velocità anche in allenamento» conclude il nostro tester.

Foto: Davide Ognibene

La nuova Ghost Max ha la certificazione Carbon Neutral ed è ora disponibile sul sito ufficiale Brooks e presso i rivenditori selezionati al prezzo di 160 euro.

Articoli correlati

Provate per voi: Altra Timp 5

27 Febbraio, 2024

L’ultima novità da trail running di Altra è la Timp 5 che il nostro tester Paolo Capriotti ha provato in anteprima. Aderenza. Leggerezza. Carattere. Si presenta così la nuova Timp 5 ultima novità di casa Altra, una scarpa da trail running che promette di ridefinire il concetto di grip e performance. La leggerezza è uno […]

Ripetute lunghe: come quando e perché

Le ripetute lunghe sono un supporto valido per stimolare la tenuta della corsa rimanendo vicini al ritmo della soglia anaerobica. Proponiamo alcune alternative di allenamento per le varie distanze, dai 2.000 m in avanti, utili anche a comprendere quando impiegarle e quale tipologia scegliere per i propri obiettivi. Le ripetute lunghe in dettaglio Ripetute lunghe […]

Garmin, verso la performance con Forerunner 165

26 Febbraio, 2024

I nuovi Forerunner 165 sono gli alleati ideali per i runner di ogni livello grazie a piani di allenamento personalizzati, metriche di fitness e approfondimenti sul benessere. Garmin ha appena lanciato la serie Forerunner 165, una nuova linea di smartwatch GPS progettati appositamente per i runner. Il nuovo Forerunner 165 offre una combinazione di display […]

Il deserto, tesoro di emozioni e nuove amicizie

23 Febbraio, 2024

È disponibile la nuova puntata della CorrereTV: esploriamo nuove destinazioni per viaggiare e vivere esperienze intense, come la 100km del Sahara. Cento chilometri di corsa nel deserto in cinque tappe da coprire in quattro giorni di gara.Se pensate possa essere un’impresa estrema destinata a pochi temerari, vi sbagliate. Il racconto parte dalla chiacchierata del nostro […]