New York: Meucci ottavo, vince Chebet

New York: Meucci ottavo, vince Chebet

07 Novembre, 2022

Il 33enne keniano che ha vinto la 51ma edizione della NYC Marathon è allenato dal bresciano Berardelli. Tra le donne successo a sorpresa della keniana Lokedi

Daniele Meucci si è piazzato ottavo nella cinquantunesima maratona di New York in 2h13’29”, miglior risultato della sua carriera a New York. Il campione europeo di Zurigo 2014 è rimasto sempre tra i primi dieci per tutta la gara. Il maratoneta pisano è stato superato per due secondi dal vincitore dell’edizione 2021 Albert Korir nei metri finali. Nelle sue precedenti partecipazioni a New York Meucci aveva ottenuto come miglior piazzamento un decimo posto nel 2013. Nelle altre maratone disputate nel 2022 Meucci è sceso per la prima volta al di sotto delle 2h10’ correndo in 2h09’25” a Siviglia e in 2h14’22” in occasione del tredicesimo posto ai Campionati Europei di Monaco di Baviera.

Questi sono i tempi di passaggio del maratoneta pisano: 15:31 al 5 km, 10 km in 30:11, 45:26 al 15 km, 1:00:40 al 20 km, 1:04:03 al 21 km, 1:16:23 al 25 km, 1:31:41 al 30 km, 1:48:02 al 35 km, 2:05:43 al 40 km. 

Evans Chebet ha trionfato al traguardo di Central Park in 2:08:41 battendo di 13 secondi il vincitore della Maratona di Londra 2020 Shura Kitata (2:08:54) e il vice campione olimpico Abdi Nageeye (2:10:31). Il Kenya ha vinto tutte le sei Maratone Majors disputate nel 2022.

Chebet è diventato il primo maratoneta in grado di vincere a New York e a Boston nello stesso anno dal 2011, anno della doppietta realizzata dal connazionale Geoffrey Mutai.

In carriera il trentatreenne keniano allenato dal bresciano Claudio Berardelli ha vinto a Valencia nel 2020 con il record personale di 2:03:00, settima migliore prestazione all-time. In carriera ha ottenuto anche un secondo posto a Milano nel 2019, un terzo posto a Berlino nel 2016 e un quarto a Londra nel 2021.

Il marocchino Mohamed El Aaraby ha tagliato il traguardo al quarto posto in 2:11:00 davanti ai due giapponesi Suguru Osako (2:11:34) e Tetsuya Yoroizaka (2:12:12).

Il brasiliano Daniel Do Nascimento (atleta dal personale di 2:04:51 realizzato a Seul lo scorso Aprile) ha preso il comando andando in fuga al quinto chilometro prima di transitare al 10 km in 28:42 e al 21 km in un sensazionale 1:01:22 con 2 minuti e 12 secondi sul gruppo degli inseguitori ma ha pagato lo sforzo e si  è fermato per andare in bagno per venti secondi prima di fermarsi al al 32 km per problemi fisici.

Al trentaduesimo chilometro Chebet ha preso il comando staccando il gruppo degli inseguitori comprendente Kitata e Nageeye di 30 secondi. Nonostante un grande finale di Kitata Chebet ha difeso il primo posto fino al traguardo.

Evans Chebet: “È stata una gara difficile per me. Ringrazio il mio team e il mio allenatore Claudio Berardelli, che mi ha dato la motivazione. Sapevo che dopo la vittoria di Boston potevo fare bene anche a New York”.

Sharon Lokedi trionfa nella gara femminile

La ventottenne keniana Shari Lokedi ha trionfato a sorpresa nella gara femminile in 2:23:30 precedendo di sette secondi la medaglia di bronzo Lonah Salpeter. Lokedi risiede a Flagstaff in Arizona dopo aver frequentato la Texas University. In carriera vanta un titolo NCAA sui 10000 metri nel 2018. Lo scorso marzo si  è classificata quarta alla mezza maratona di New York in 1:08:14.

Lokedi e Salpeter hanno dato vita ad un duello testa negli ultimi 2 km. La gara si è decisa ad un miglio dalla fine quando Lokedi ha lanciato il suo attacco.

La campionessa mondiale Gotytom Gebrseslase ha completato il podio in 2:23:39. Edna Kiplagat si   ė confermata su eccellenti livelli con un quarto posto in 2:24:18. Viola Cheptoo Lagat (seconda classificata lo scorso anno) si  è piazzata al quinto posto in 2h25:34 davanti alla due volte campionessa mondiale dei 5000 metri Hellen Obiri, che ha esordito in maratona con un quinto posto in 2:25:49. La campionessa statunitense del 2020 Aliaphine Tuliamuk è stata la prima delle atlete di casa in settima posizione in 2:26:18.

Sharon Lokedi: “Sono senza parole. Mi sento eccitata per la vittoria. Il percorso era straordinario. Ho ricevuto molto sostegno dal pubblico. Mi sto godendo il momento. E’ stata una vittoria straordinaria. Sapevo di essermi allenata bene. Mi aspettavo di fare bene ma il risultato è stato superiore alle mie aspettative”.

I PRINCIPALI RISULTATI DEL WEEKEND

Allenamento News Equipment Salute Correre