fbpx
Foto Giancarlo Colombo

1500: Marta Zenoni a 2″ da Gabriella Dorio

Marta Zenoni è stata l’indiscussa protagonista della tre giorni dei Campionati Italiani allievi all’Arena Civica Gianni Brera di Milano, importante banco di prova in vista dei Mondiali Under 18 di Cali in Colombia dal 14 al 19 Luglio.
Nella seconda giornata la sedicenne bergamasca ha vinto gli 800 metri in 2’11”60 con un secondo giro in 61”8 dopo un avvio lento. Nell’ultima giornata ha invece vinto i 1500 metri in 4’14”50 arrivando a 2 secondi e 44 centesimi dal record italiano under 18 della grande Gabriella Dorio (4’12”06 stabilito nel 1972) con una gara tutta in solitaria.

Con questa prestazione “CarrarMarta” insidia la migliore prestazione mondiale under 18 del 2015 detenuta dalla keniana Janeth Chepngetich.

Il giovane mezzofondo italiano sta rivelando un altro talento che porta il nome di Andrea Romani che ha confermato la sua leadership in campo nazionale vincendo il doppio giro di pista in 1’54”00. In questa stagione è diventato il secondo italiano delle liste all-time allievi.
Emozionante l’arrivo dei 2000 siepi maschili dove Francesco Breusa ha battuto per due centesimi di secondo Samuele Nava in 6’10”93. Altrettanto spettacolare l’arrivo dei 1500 maschili dove Niamara Njue (ragazzo di origini gambiane affidato ad una famiglia leccese e allenato da Gianmarco Buttazzo) ha bissato il successo dei 3000 metri con quello sulla distanza più corta in 3’57”38 l’arrivo spalla-spalla con Abdelhakim Eliasmine.

La tre giorni milanese ha fatto registrare la migliore prestazione all-time del lancio del peso della milanese di origini nigeriane Sydney Giampietro che si migliora portandosi a 16.84 m poche ore dopo aver vinto anche nel lancio del disco con 45.57m.

Le altre stelle dei Tricolori giovanili sono stati il 13”62 di Desola Oki sui 100 ostacoli (a sei centesimi dalla migliore prestazione all-time di Veronica Borsi), il 48.99 di Sara Zabarino nel giavellotto (dopo un notevole 50.30 in qualificazione, terza misura di sempre italiana), il 2.10 del primatista mondiale stagionale dell’alto Stefano Sottile, il 54”47 della primatista italiana dei 400 metri Ilaria Verderio, il quinto crono all-time di Vladimir Aceti sui 400 (con 47”77 supera Claudio Licciardello nella graduatoria di tutti i tempi), il terzo tempo di sempre di Linda Olivieri nei 400 ostacoli (59”05), la doppietta 100-200 di Christian Bapou (10”70 e 21”75) e l’arrivo al photo finish dei 100 femminili vinto dall’emiliana di origini ivoriane Zaynab Dosso in 10”75 su Emma Girardello.