fbpx
Italo Greci

Maratona – Lalli e Pertile: finalmente una sfida italiana

La 28^ Venicemarathon, in programma il 27 ottobre, sarà più azzurra che mai con la sfida tra Andrea Lalli e Ruggero Pertile. Manca ancora un mese, ma il duello è già cominciato in Piazza San Marco, dove i due atleti hanno assaggiato l’atmosfera della laguna.  
Il molisano Lalli, per la prima volta in visita a Venezia, e il padovano Pertile hanno scambiato le proprie opinioni riguardo il percorso. “Sarà bello tornare a correre su questo tracciato che credo essere diventato un po’ più duro rispetto al passato, con l’inserimento di Piazza Ferretto, del Parco San Giuliano e di Piazza San Marco” racconta l’esperto Pertile, mentre Lalli, forte del suo titolo di campione europeo di cross, spiega:” Non conosco il percorso ma non mi preoccupano i ponti, perché mi piacciono i tracciati variati e non monotoni”. Buon clima tra i due protagonisti: scherzi sotto il campanile di San Marco e scongiuri contro “l’acqua alta” in Piazza San Marco.

È una Venicemarathon dalla forte impronta azzurra, perchè ha deciso di puntare decisamente sull’atletica del nostro paese. Lo conferma lo stesso presidente del Venicemarathon Club Piero Rosa Salva:” E’ stato un grande sforzo per noi avere al via due nomi come Lalli e Pertile, ma siamo molto felici di essere riusciti in quest’impresa, anche perché è dal 1995 che un italiano non vince a Venezia e poi perché riteniamo sia importante puntare sul nostro movimento e sui nostri atleti”.

Non ci sarà solo Italia in gara. “Insieme a loro – ha aggiunto Adriano Pellizzon, responsabile atleti élite del Venicemarathon Club, – ci saranno anche atleti stranieri con i quali stiamo definendo la partecipazione, ma saranno tutti maratoneti che se la potranno giocare con i nostri azzurri. Non nascondo, però, la speranza di una vittoria italiana”.  
 
Ruggero Pertile, 39 anni, portacolori dell’Assindustria Padova, ha le idee chiare:”A Venezia punto a vincere. Dopo Roma, Torino, Padova e Aquileia-Cividale, manca nella mia lunga collezione, proprio una vittoria in laguna. D’altronde qui, nel 1995, feci la lepre a Goffi e Leone, e nel 1999 ci fu il mio debutto. Mi sto allenando duramente per questo e credo di poter correre attorno alle 2:09’. Il mio sponsor, Supermercati Alì, sta persino lanciando una scommessa su chi indovinerà il mio tempo”. Per quanto riguarda il futuro, spega che “Di sicuro, questo non sarà un passaggio di testimone tra me e Andrea, perché nel cassetto covo il sogno di un oro continentale agli Europei di Zurigo del prossimo anno. Sono però molto contento che Andrea voglia intraprendere la strada della maratona perché abbiamo bisogno di nuovi Baldini”
 
Andrea Lalli, 26 anni, corre per le Fiamme Gialle e, dopo i tre titoli europei di cross (Juniores nel 2006, Under 23 nel 2009 e Assoluti nel 2012), si mostra deciso nel fare il passo sulla lunga distanza:”Ci tenevo ad esordire a Venezia, mi piace questa città e sono felice che gli organizzatori abbiano puntato su di me e Ruggero. È un bel segnale per il nostro movimento. Mi sento pronto per questo debutto. I lavori duri svolti in questi mesi e il tempo ottenuto alla Mezza Maratona di Udine (1:02’30’’) mi danno molta sicurezza”. Sottolinea, comunque, che il fattore psicologico sarà fondamentale: ”Rimane solo un’incognita: capire come reagirà la mia testa alla distanza, ma questo lo scopriremo solo domenica 27 ottobre, soprattutto dopo il lunghissimo Ponte della Libertà. L’importante sarà non saltare di testa”.