fbpx

Grande notte di atletica a Bruxelles con il Van Damme

12 Settembre, 2015

Habiba Ghribi, Faith Kipyegon e Yomi Kejelcha sono stati protagonisti indiscussi della grande notte di mezzofondo del Memorial Ivo Van Damme di Bruxelles allo Stadio Re Baldovino che ha concluso alla grande la IAAF Diamond League.
Sedici campioni hanno ricevuto dal Presidente della IAAF Sebastian Coe il Trofeo dei Diamanti.

Habiba Ghribi ha riscattato la delusione per l’argento ai Mondiali di Pechino vincendo i 3000 siepi in 9’05’36”, nuovo record africano e migliore prestazione al mondo dal 2008 quando Gulnara Galkina realizzò il record mondiale. Hyvin Jepkemoi ha stabilito il record personale correndo in 9’10”15.

Nei 5000 m il giovane etiope Yomif Kejelcha ha stabilito la migliore prestazione mondiale dell’anno con 12’53”98 battendo allo sprint negli ultimi 200 metri il connazionale Hagos Gebrehiwet (12’54”70) e si è aggiudicato il successo nella Diamond Race. Ottimo anche il bronzo dei mondiali sui 1500 Abdelati Iguider che è sceso sotto i 13 minuti con 12’59”25 precedendo Thomas Longosiwa (12’59”72).

In una gara progettata per battere il record del mondo del miglio femminile la vice campionessa mondiale dei 1500 Faith Kipyegon ha stabilito il primato africano con 4’16”71 (miglior tempo degli ultimi 19 anniprecedendo Sifan Hassan (4’18”20).

Il vice campione iridato Adam Kszczot ha vinto allo sprint un 800 metri tattico in 1’45”12 piegando Nijel Amos (1’45”25) e il bronzo mondiale Amel Tuka (1’45”45”). La vittoria di Bruxelles non è però bastata al polacco per superare Amos nella classifica generale della Diamond Race.

Schippers batte Felix nei 200

Il Van Damme ha regalato la sfida spettacolo dei 200 metri femminili dove Dafne Schippers si è imposta in 22”12 su Allyson Felix (22”22), anche se la statunitense si è aggiudicata la classifica finale della Diamond Race.

Sesto titolo in Diamond League per Lavillenie

Renaud Lavillenie ha riscattato la delusione di Pechino vincendo per la terza volta consecutiva a Bruxelles con 5.95 tentando poi l’assalto ai 6.00 metri nell’asta. L’astista francese è l’unico atleta capace di vincere tutte le edizioni del circuito dal 2010 al 2015.

Gatlin vince al photo finish su Ogunode

Justin Gatlin ha vinto i 100 in 9”98 al photo finish su Femi Ogunode (stesso tempo dello statunitense)e Jimmi Vicaut (9”99) ma rinuncia ai 200 per un problema al quadricipite. Ogunode si è imposto nei 200 in un eccellente 19”97 stabilendo il record asiatico. Nella lotta a tre per la vittoria finale dei 100 ostacoli ha prevalso Dawn Harper Nelson in 12”63 davanti a Sherika Nelvis (12”65) e a Jasmin Stowers (12”76).

Kuchina 2.01 nell’alto

Mariya Kuchina ha ribadito la sua superiorità vincendo il duello nell’alto femminile con Anna Chicherova con 2.01 mancando poi di poco un tentativo a 2.04. Teor Pitkamaki si è aggiudicato il diamante nel giavellotto grazie al successo nella finale con un lancio da 87.37. Il campione del mondo del triplo Christian Taylor ha vinto il quarto diamante della sua carriera superando in classifica Pedro Pablo Pichardo grazie ad un salto da 17.59m.