Dopo Berlino Kipchoge punta alle Olimpiadi di Rio

Dopo Berlino Kipchoge punta alle Olimpiadi di Rio

29 Settembre, 2015

Con il successo alla Maratona di Berlino Eliud Kipchoge ha vinto la quinta 42km della sua carriera su sei apparizioni sulla distanza. Il fuoriclasse keniano è riuscito nella straordinaria impresa di vincere con la migliore prestazione mondiale dell’anno (2:04’00” che lo pone al sesto posto nelle liste all-time) malgrado abbia corso per oltre metà gara con il sottopiede che fuoriusciva dalle sue scarpe.

In queste condizioni non ho potuto inseguire il primato mondiale ma ho battuto il record personale. Tornerò a Berlino nel 2017 per cercare di fare ancora meglio”, ha dichiarato Kipchoge che si è confermato il miglior maratoneta dell’anno avendo vinto le due super classiche di Londra (2:04’42”) e Berlino.
Il keniano guarda fin da ora al 2016 dove proverà a vincere la prima medaglia d’oro olimpica della sua carriera nella maratona a Rio De Janeiro dopo il bronzo di Atene 2004 e l’argento di Pechino 2008 oltre al titolo mondiale di Parigi 2003 a 18 anni, l’argento a Osaka 2007 sempre sui 5000 metri e il titolo mondiale di cross nel 2003 a Losanna.

Dopo Berlino punto a preparare Rio ma ho bisogno di correre un’altra maratona la prossima primavera. Undici mesi di attesa senza correre maratone sono tanti e ho bisogno di testare il mio fisico. Se mi alleno per 11 mesi senza gareggiare rischio di stancarmi a livello mentale.”

Il trentenne keniano vive a Eldoret ma si allena a Kaptagat a una trentina di chilometri di distanza sotto la guida dell’ex campione dei 3000 siepi Patrick Sang, argento ai Mondiali di Tokyo 1991 e alle Olimpiadi di Barcellona 1992. “Patrick viveva a 1 km di distanza da me nello stesso villaggio di Kapsisiywa nel distretto di Nandi. Quando avevo otto anni lo vedevo allenarsi. Il nostro progetto è sempre stato quello di correre forte in pista prima di dedicarmi alla maratona. La fase di transizione dalla pista alla strada è avvenuta senza problemi”.

Kipchoge ha iniziato a correre su strada nel settembre 2012 dopo il settimo posto ai trials keniani e l’esclusione dalla squadra keniana per le Olimpiadi di Londra. Nel settembre 2012 ha debuttato nella mezza maratona di Lilla in un eccellente 59’25”, una prestazione che lo ha convinto che il futuro sarebbe stato sulla maratona. Ha disputato la sua prima 42 km a Amburgo nell’aprile 2013 con una vittoria in 2:05’30”. Nello stesso anno si è piazzato secondo in 2:04’05” a Berlino (miglior tempo della sua carriera prima di domenica scorsa) nella gara del record del mondo di Wilson Kipsang (2:03’23”). Nel 2014 ha vinto a Rotterdam in 2:05’00” e a Chicago in 2:04’11. Quest’anno ha trionfato a Londra in 2:04’42”.

Articoli correlati

La sfida di Roma: numero chiuso a 30.000

19 Luglio, 2024

Per la prima volta in una maratona italiana è stato fissato un numero chiuso a 30.000 iscritti. A pari periodo (luglio 2023-luglio 2024) il numero delle iscrizioni è già raddoppiato per la 30esima edizione del 16 marzo 2025, anno giubilare. Raddoppiano le giornate di sport: Fun Run 5km anticipata al sabato mattina 15 marzo L’obiettivo […]

Tamberi: “Ho pianto, ma il sogno non finisce”

10 Luglio, 2024

Il portabandiera azzurro accusa un problema al bicipite femorale e dovrà seguire una settimana di terapie e allenamenti differenziati saltando le gare di avvicinamento ai Giochi,. “Non mi vergogno a dirlo, ho pianto 3 volte nelle ultime 24 ore… probabilmente per la tensione, probabilmente per la paura e forse anche perché in parte tutto questo […]

Lucio Gigliotti compie 90 anni: auguri “Proffe”

09 Luglio, 2024

Luciano “Lucio” Gigliotti è nato ad Aurisina (TS), il 9 luglio 1934. Anche Correre festeggia i 90 anni dell’allenatore che in maratona ha costruito le carriere di Gelindo Bordin, Stefano Baldini e Maria Guida. Ecco una sintesi della lunga intervista pubblicata nel numero di luglio. Il 9 luglio sono 90 anni. Superfluo ribadire che non […]

Il recupero post maratona

Una delle problematiche tecniche che non possono avere una risposta univoca riguarda il periodo di recupero post maratona, perché il tempo necessario di recupero può dipendere da molti fattori.  Quando si parla di recupero post maratona, la prima cosa da valutare sono le condizioni fisiche di chi ha disputato la maratona: c’è chi arriva al […]