fbpx
Leonard Barsoton

Barsoton batte il record del percorso di Kenenisa Bekele nella 25 km di Calcutta

Leonard Barsoton, Geoffrey Kamworor e Godfrey Koech (Foto: Colombo)
Di: Diego Sampaolo

Il keniano Leonard Barsoton e l’etiope Guteni Shone hanno vinto la 25 km Tata Steel Kolkata su strada di Calcutta in India (l’unica gara su questa distanza inserita nel circuito delle corse su strada World Athletics Silver Label Road Race). Barsoton (vice campione del mondo di corsa campestre nel 2017) ha tagliato il traguardo in 1h13’05” battendo di 43 secondi il precedente record del percorso stabilito dal grande Kenenisa Bekele nell’edizione 2017. 

Un gruppo di testa comprendente Leonard Barsoton, Betesfa Getahun, Bayelign Yegsaw, Felix Chemonges e Dagnachew Adere è transitato al 20 km in 59’05”. Barsoton ha lanciato l’attacco decisivo a 4 km dalla fine involandosi verso il successo. Il top runner keniano ha percorso gli ultimi 5 km in 14’00”. Getahun si è classificato al secondo posto in 1h13’33” davanti a Yesaugn (1h33’36”) soltanto due mesi dopo aver corso la maratona di Amsterdam in 2h05’28” al debutto sulla 42 km. Tariku Bekele (fratello di Kenenisa) ha chiuso la prova al decimo posto in 1h15’53”. 

“L’anno prossimo ho in programma di debuttare sulla maratona. Penso di poter correre questa distanza in 2h03’. Se sono riuscito a battere il primato di questa manifestazione detenuto da Kenenisa Bekele, sono in grado di correre la maratona in 2h03’”, ha detto Barsoton.

Shone ha vinto con oltre un minuto di vantaggio sulla rappresentante del Barhein Desi Jisa tagliando il traguardo in 1h22’09”. L’etiope ha tolto quattro minuti al precedente primato detenuto dalla connazionale Degitu Azimeraw. Shone ha incrementato il ritmo dopo il passaggio al 10 km in 33’37”. Soltanto Desi Jisa è riuscita a resistere all’attacco di Shone fino al 15 km. Shone (vincitrice alla Maratona di Siviglia nel 2019) ha lanciato l’attacco prendendo un vantaggio di 42 secondi nei confronti di Jisa al 20 km (passaggio in 1h06’00”) e ha continuato ad incrementare il ritmo coprendo gli ultimi 5 km in 16’09” prima di tagliare il traguardo in 1h22’09”. Jisa si è piazzata al secondo posto in 1h23’32” superando di un minuto Tejitu Daba. 

Articoli Correlati

Tokyo 2020: è ufficiale, Giochi Olimpici rinviati al 2021
La maratona di Padova slitta a settembre
Coronavirus – Si sposta anche la maratona di Londra: 4 ottobre la nuova data
Maratona: Roma cerca i pacemaker
Ufficiale: cancellata la maratona di Roma, appuntamento al 2021
Maratona di Tokyo - Salpeter
Tokyo marathon a Legese e Salpeter
Pizzolato: maratona annullata? Ecco come sfruttare la forma raggiunta