fbpx
Brooks Ghost 12  

Provate per voi: Brooks Ghost 12  

Di: Filippo Pavesi
No fronzoli, progetto semplice con materiali eccellenti, BioMogo DNA in particolare. Leggere e comode, elastiche e protettive, si confermano ideali per varie distanze e si adattano a un ampio ventaglio di utenti (salvo gli iper-pronatori).

Ho avuto il piacere di provare la dodicesima edizione delle Brooks Ghost, un “best seller” dell’azienda di Seattle (USA) e una delle scarpe da running di maggior successo al mondo (prezzo di listino: 140 euro).

Un modello classico

Si tratta di un modello classico, di impostazione neutra, senza troppi fronzoli, che è stato accuratamente rifinito e aggiornato nel corso delle varie edizioni. A mio avviso, le ragioni del suo successo sono la semplice efficacia del progetto e l’eccellenza dei materiali utilizzati, in particolare quelli della sua intersuola, che è in BioMogo DNA, con la zona laterale al calcagno in DNA Loft. Ritengo che, con questi polimeri, la Brooks disponga tuttora di quanto di meglio sia reperibile a livello globale. 

La suola

La suola ripropone lo schema con un tacco in gomma solida, diviso longitudinalmente, con 8 incisioni laterali che massimizzano l’adattabilità a ogni angolo di impatto. L’avanpiede, segmentato, è in morbida gomma espansa, con spessore complessivo di 19 mm (misurato sulle scarpe taglia 12 US provate), contro i 31 mm a lato del calcagno, pertanto il differenziale è di 12 mm. Il peso è di 295 g nella taglia 9 US (con 336 g rilevati nella taglia 12). 

La tomaia 

La tomaia è interamente costruita in morbida maglia tridimensionale differenziata, traforata all’avanpiede, rinforzata con segmenti in plastica co-stampati su fianchi e retropiede. Ottimamente imbottiti sia la linguetta sia il colletto, in particolare la zona sopra al tendine di Achille. Due stampe riflettenti, posteriore e anteriore, aumentano la sicurezza durante la corsa nelle ore notturne. Le Ghost 12 sono costruite su una comoda forma, ben fasciante al mesopiede e al retropiede oltre che opportunamente ampia intorno alle dita, montata con cucitura a Strobel. Il pacchetto è completato da un ottimo sottopiede estraibile, anatomico, e automodellante, stampato in BioMogo, che, a mio avviso, resta il migliore tra quelli forniti di serie.  

Comportamento su strada

Le prove sul campo hanno fornito le seguenti impressioni: correndo si percepisce un’ottima ammortizzazione e l’impatto viene perfettamente smorzato. L’intersuola è abbastanza morbida, ma l’azzeccata portanza evita l’affondamento del piede. Pertanto queste scarpe possono fornire un’ottima protezione, sia al calcagno sia alle teste dei metatarsi. La suola, morbida e con un’ampia superficie di contatto, smorza bene anche le forze orizzontali conseguenti alla frenata (che oggi sappiamo essere fondamentale per prevenire lesioni ai legamenti) regalando una corsa silenziosa e leggera. Il marcato confort è arricchito da una buona risposta elastica, che è risultata bene in fase con le mie necessità, e tale da facilitare anche la spinta.

Conclusione

Le Brooks Ghost 12 sono ottime scarpe, leggere e comode, elastiche e protettive, che consentono una corsa su strada rilassata e silenziosa, tale da far dimenticare lo scorrere dei chilometri. Sono ideali per varie distanze, e si adattano a un ampio ventaglio di utenti (salvo gli iper-pronatori). Offrono il miglior confort, insieme ad una protezione di ottimo livello, ripagando bene del congruo investimento.

Articoli Correlati

Asics vince il premio per la nuova scarpa da pista senza chiodi
Brooks Running dà il via al programma #RunHappyAtHome
Hoka OneOne TenNine
Hoka One One: ecco la TenNine, spregiudicato ritorno alle origini del brand
New Balance Tempo
New Balance: arriva la Fresh Foam Tempo
Asics Novablast Novità
La nuova Asics Novablast porta la primavera ai piedi dei runner
Under Armour MapMyRun
Under Armour presenta l’UA HOVR Machina, con Form Coaching in tempo reale