fbpx

A Rovereto il Palio della Quercia

30 Agosto, 2021
Foto Giancarlo Colombo
Gli instancabili uomini della Quercia Rovereto, dopo aver allestito a fine giugno, il campionato italiano assoluto, non demordono e nella serata di martedì 31 agosto mettono in scena la 57ª edizione del Palio della Quercia, il meeting più antico d’Italia. Un lavoro, come sempre improbo, con il quale doversi confrontare a fine agosto, con la concomitanza delle ultime gare della Diamond League e qualche meeting estero, vedi il Memorial Skolimsowska a Chorzow in Polonia, nazione dove pare attecchisca l’atletica in pista specie in Europa e alla grande. Pertanto riuscire a continuare una tradizione che dura da quasi sessanta anni, è motivo di orgoglio della comunità trentina.

Fra l’altro, particolare non indifferente, la Regione è in grado di ospitare manifestazioni sportive che oltre all’atletica toccano diverse discipline, è assai significativa a questo punto l’assenza di una squadra di calcio professionistica che militi in serie A o B.

Esaurita la premessa, entriamo molto brevemente nell’enunciare i nomi dei protagonisti del 57° Palio della Quercia. Su tutti, Gianmarco Tamberi, oro olimpico nell’alto a pari merito con Mutaz Essa Barshim. L’azzurro si è riproposto in piazza a Losanna in una gara- esibizione nel centro storico la scorsa settimana e dopo aver fatto la sua più che onesta presenza elevandosi sino a 2,24 ha trascorso la serata in un campetto giocando a basket con gli italiani che vivono in Svizzera e mangiando un trancio di pizza con loro. Cose che solo un personaggio come Gimbo (si fa apprezzare anche per le sue doti umane) può fare! Sarà l’oro di Tokyo la stella del meeting trentino, gli organizzatori hanno fatto benissimo a puntare su di lui: è un istrione, sa fare spettacolo, ama il rapporto con il pubblico in maniera smisurata, in altre parole, la star della serata.

E poiché vogliamo rimanere tra le fila degli azzurri, torna in gara nei 3000m Yeman Crippa. Dopo una stagione, non esaltante, specie ai Giochi, potrebbe essere l’ultimo appuntamento per il poliziotto, anche se si parla di un nuovo attacco al record di Genny Di Napoli nel miglio il 4 settembre a S. Donato Milanese (fallito di un nulla lo scorso anno). In gara al Palio della Quercia anche gli azzurri della 4×400 finalista olimpica Scotti e Aceti contro l’uomo forte del Botswana Makwala, i pesisti Fabbri e Weir, quest’ultimo quinto a Tokyo, gli ostacolisti Fofana e Dal Molin, quest’ultimo a giugno sulla stessa pista si è impossessato del nuovo primato italiano dei 110hs.

Poi spazio alla velocità pura Bracy (Usa) e Prescod (Gran Bretagna). Due ore abbondanti di spettacolo, diretta tv Raisport dalle 20,20 e pubblico pagante sino a 1000 spettatori con green pass.