fbpx

Catherine Bertone ci riprova a Parigi

16 Ottobre, 2021

Si corre domenica la maratona di Parigi con 35.000 iscritti. Al via anche la 49enne valdostana Catherine Bertone

Diciotto mesi dopo l’ultima edizione, torna la Schneider Electric Paris Marathon, in programma nella mattinata di domenica 17 ottobre. La maratona della capitale francese fa parte del circuito delle corse su strada World Athletics Elite. L’edizione del 2020 era stata inizialmente posticipata prima di venire definitivamente cancellata. La gara del 2021 prevede anche il ritorno della mass race riservata ai podisti amatoriali con la partecipazione di 35.000 iscritti.

In gara sarà presente anche la valdostana Catherine Bertone, che ha compiuto 49 anni lo scorso 6 maggio. Catherine Bertone torna in gara quasi 11 mesi dopo il terzo posto ai Campionati Italiani di maratona di Reggio Emilia in 2h39’39”. In carriera vanta una partecipazione alle Olimpiadi di Rio de Janeiro nel 2016 a 44 anni. Catherine Bertone è nata in Turchia da padre torinese, che lavorava per la sezione estera della Fiat, e madre bretone di Saint Malò. Ha trascorso la sua infanzia a Belo Horizonte in Brasile, e a 8 anni è tornata in Italia. Nel 2011 realizzò il primato personale di 2h36’11” a Berlino. Si è migliorata tre volte nelle successive maratone correndo in 2h34’24” nel 2013 a Francoforte, 2h32’46” nel 2014 a Torino e 2h30’19” a Rotterdam nel 2016. E’ laureata in medicina con specializzazione in malattie infettive, lavora in un pronto soccorso pediatrico ed è madre di Corinne ed Emilie.

La favorita della gara femminile è Prisca Jeptoo che torna a Parigi dieci anni dopo la vittoria nella capitale francese. Jeptoo conquistò successivamente due medaglie d’argento ai Mondiali di Daegu 2011 e alle Olimpiadi di Londra 2012 e le maratone di Londra e New York nel 2013. Il suo primato personale di 2h20’14 risale al 2012 ed è il tempo più veloce tra le iscritte. Più di recente la trentasettenne keniana ha corso in 2h24’16”.

Le migliori etiopi in gara sono Waganesh Mekasha e Sifan Melaku. Mekasha è un ex specialista delle gare in pista e vanta un record personale di 2h22’45” stabilito a Dubai nel 2019. Nello stesso anno si è classificata seconda a Dongying e a Shanghai ma non ha più corso da allora. Melaku si classificò terza a Siviglia in 2h23’49” nel 2020. L’etiope Tigist Memuye ha stabilito il record personale di 2h24’23” a Ginevra cinque mesi fa.

Rotich e Kemboi Kimurer migliori iscritti nella gara maschile

La gara élite maschile vedrà al via cinque atleti con un primato personale al di sotto delle 2:06’. L’atleta con il tempo di accredito più veloce tra i partenti è il keniano Nicholas Rotich, che ha migliorato il primato personale correndo in 2h05’01” alla maratona di Milano dello scorso 16 maggio. Il connazionale Joel Kemboi Kimurer disputerà la seconda maratona stagionale dopo aver battuto il record personale con 2h05’19” nella stessa gara di Milano.

Elisha Rotich ha un record personale di un secondo più veloce rispetto a Kimurer. Il trentunenne keniano si è classificato terzo ad Amsterdam nel 2010 con il primato personale di 2h05’18” e decimo a Milano in 2h06’44”.

Stephen Chebogut vanta un personale di accredito di 2h05’52” realizzato in occasione della vittoria alla Maratona di Eindhoven del 2015 e un secondo posto a Parigi nel 2017 in 2h06’57”. Il trentaseienne keniano ha corso in 2h22’08 in altura alla Maratona di Eldoret in Kenya, ma nella sua ultima gara sul livello del mare fermò il cronometro in 2h10’35” a Shanghai nel 2019.

L’etiope Abdi Furfa è già sceso al di sotto delle 2h06’ nel corso del 2021 in occasione del secondo posto alla Maratona di Siena Ampugnano con il record personale di 2h05’57”.

Due altri atleti da seguire sono Ashenafi Moges e Munene Gachaga. Moges ha stabilito il record personale di 2h06’12” due anni fa a Valencia. Gachaga ha corso in 2h06’14” nel 2020 ad Amsterdam.

I migliori francesi in gara sono Hassan Chahdi, atleta dal personale di 2h09’11”, e l’ex specialista dei 1500 metri Florian Carvalho, che ha corso la maratona di Valencia in 2h10’24” nel 2020 e la mezza maratona in 1h00’58” ai Mondiali di specialità di Gdynia dello scorso anno. Nella sua carriera in pista Carvalho vinse la medaglia d’argento agli Europei di Helsinki 2012 sui 1500 metri.