fbpx

Trail running/2 – Quando si perde l’orientamento

30 Maggio, 2018
Foto: 123rf

La maggioranza delle gare di trail running consente un approccio senza sorprese al percorso: sono disponibili tracciati e profili altimetrici, i percorsi sono ben segnalati, i concorrenti dispongono di GPS da polso e spesso di app per smartphone. Un po’ di lavoro psicologico preventivo può comunque essere d’aiuto. 

Verificate le classifiche precedenti

Se avete l’abitudine di stimare “a occhio” quanto ci metterete per arrivare a destinazione, confrontate la vostra valutazione con l’ordine di arrivo dell’anno precedente. Osservate quanto ci hanno impiegato persone che di solito chiudono le gare con tempi simili al vostro. Potreste prevenire spiacevoli sorprese. 

Sopravvalutate

Meglio sopravvalutare leggermente il percorso rispetto al sottovalutarlo. La regola dice che una persona allenata percorre circa 5 km all’ora più mezz’ora per ogni 300 m di dislivello.

Niente tempi di passaggio

Se non siete molto esperti e se non conoscete già perfettamente il percorso, evitate di partire muniti di tabella dei tempi di passaggio. La reazione tipica, quando si realizza di essere in ritardo sul tempo prefissato, è quella di un crollo motivazionale.

Dislivello e fatica

Il dislivello positivo totale non rappresenta una misura assoluta della fatica che vi aspetta. A parità di dislivello, molti atleti sono messi più in crisi da una serie di molte salite corte rispetto a un’unica lunga. 

Vi siete persi?

L’unica cosa da fare in questi casi è tornare indietro fino all’ultima balise (bandierina o boa, ndr) superata. Molti studi dimostrano che il cervello delle persone che si sono perse crea certezze illusorie per cui il soggetto si convince di aver capito dove si trova o sensazioni di déjà vù. Sono illusioni che, se assecondate, vi porteranno a perdervi ancora più profondamente. 

Nota: Questo testo rappresenta una sintesi del servizio “Quando si perde l’orientamento”, di Pietro Trabucchi, pubblicato su Correre n. 404, giugno 2018 (in edicola da sabato 2 giugno), alle pagine 60-61.

Correre Giugno 2018

Allenamento – Quanto possiamo migliorare come runner? Per saperlo, dobbiamo testare progressivamente il nostro organismo a rispondere a uno stimolo ben definito. (Orlando Pizzolato) Programmazione – Siamo quasi in estate, è vero, ma è già il momento di iniziare a programmare la nostra prossima maratona autunnale. Intanto, ripassiamo i quattro allenamenti strategici alla base della […]

SEMPRE IN QUESTO NUMERO

Trail running/1 – Lascia la strada, segui la traccia – 1ª parte

30 Maggio, 2018

Se decidete di addentrarvi nel mondo della corsa in natura, abbandonate alcune concezioni tipiche della corsa su strada. Percorrere dei tratti camminando diventerà del tutto normale: oltre a un notevole risparmio energetico, il rendimento migliorerà. Meglio in compagnia Per i primi allenamenti off road è consigliabile partire insieme a qualche amico, così da potersi aiutare […]

Chi va piano non va (sempre) lontano

30 Maggio, 2018

Chi si avvicina al running di solito va piano per un motivo preciso: riesce a correre più a lungo, uno degli obiettivi primari di chi intraprende questa attività.  Calma e problemi Ma quali sono le insidie di una corsa troppo lenta, dal punto di vista ortopedico-biomeccanico? Prolungando il tempo di contatto con il terreno, si […]

Tutto sulla postura

30 Maggio, 2018

La postura è la posizione che il nostro corpo assume nello spazio per rispondere in modo efficiente, ovvero con il minor dispendio energetico possibile, alla forza di gravità.  Per noi esseri umani sarebbe fondamentale mantenere una posizione corretta non soltanto nella corsa, ma in ogni momento della giornata… peccato però che il nostro habitat e […]

Tutta la corsa che c’è

30 Maggio, 2018

“Le nostre strade si dividono” è una frase tipica che possiamo trovare alla fine di un racconto, quando i personaggi che insieme hanno attraversato la storia tornano ognuno al proprio luogo di provenienza. Nei gruppi di allenamento spesso è proprio il mese di giugno il momento in cui, appunto, “le strade si dividono”: amici che […]