fbpx

Chi va piano non va (sempre) lontano

30 Maggio, 2018
Foto: 123rf

Chi si avvicina al running di solito va piano per un motivo preciso: riesce a correre più a lungo, uno degli obiettivi primari di chi intraprende questa attività. 

Calma e problemi

Ma quali sono le insidie di una corsa troppo lenta, dal punto di vista ortopedico-biomeccanico?

Prolungando il tempo di contatto con il terreno, si esaspera il movimento di pronazione del piede, con inconvenienti a carico delle strutture fasciali e tendinee delle estremità inferiori, ma anche di alcune componenti del ginocchio, per l’eccessiva intrarotazione della tibia. 

Mai troppo veloci

Anche la corsa veloce, però, arreca degli elementi di traumatismo. Una maggiore rapidità implica più energia cinetica e quindi le forze che deve sopportare il corpo nella fase di decelerazione sono maggiori, rendendo necessaria di una preparazione muscolare specifica.

A incrementare è anche la lunghezza del passo e, di conseguenza, la parabola disegnata dal baricentro del corpo, che tende ad avere oscillazioni altimetriche più significative, con aumento del trauma da impatto. 

Inoltre, anche la capacità di stiramento di muscoli e tendini aumenta al progredire della velocità e, nei soggetti poco predisposti, l’infortunio può essere in agguato.

Le variazioni di ritmo

Questa tipologia di allenamento, rompendo schemi di eccessiva ripetitività del gesto atletico, è da ritenersi la più indicata ai fini di un’attivazione muscolare per il controllo del movimento. La muscolatura, infatti, viene impiegata in modo più completo e alcuni distretti, impegnati ad alto ritmo, possono godere di pause di ristoro al calare dello sforzo. 

Nota: Questo testo rappresenta una sintesi del servizio “Chi va piano non va (sempre) lontano”, di Luca De Ponti, pubblicato su Correre n. 404, giugno 2018 (in edicola da sabato 2 giugno), alle pagine 66-67.

Correre Giugno 2018

Allenamento – Quanto possiamo migliorare come runner? Per saperlo, dobbiamo testare progressivamente il nostro organismo a rispondere a uno stimolo ben definito. (Orlando Pizzolato) Programmazione – Siamo quasi in estate, è vero, ma è già il momento di iniziare a programmare la nostra prossima maratona autunnale. Intanto, ripassiamo i quattro allenamenti strategici alla base della […]

SEMPRE IN QUESTO NUMERO

Trail running/2 – Quando si perde l’orientamento

30 Maggio, 2018

La maggioranza delle gare di trail running consente un approccio senza sorprese al percorso: sono disponibili tracciati e profili altimetrici, i percorsi sono ben segnalati, i concorrenti dispongono di GPS da polso e spesso di app per smartphone. Un po’ di lavoro psicologico preventivo può comunque essere d’aiuto.  Verificate le classifiche precedenti Se avete l’abitudine […]

Trail running/1 – Lascia la strada, segui la traccia – 1ª parte

30 Maggio, 2018

Se decidete di addentrarvi nel mondo della corsa in natura, abbandonate alcune concezioni tipiche della corsa su strada. Percorrere dei tratti camminando diventerà del tutto normale: oltre a un notevole risparmio energetico, il rendimento migliorerà. Meglio in compagnia Per i primi allenamenti off road è consigliabile partire insieme a qualche amico, così da potersi aiutare […]

Tutto sulla postura

30 Maggio, 2018

La postura è la posizione che il nostro corpo assume nello spazio per rispondere in modo efficiente, ovvero con il minor dispendio energetico possibile, alla forza di gravità.  Per noi esseri umani sarebbe fondamentale mantenere una posizione corretta non soltanto nella corsa, ma in ogni momento della giornata… peccato però che il nostro habitat e […]

Tutta la corsa che c’è

30 Maggio, 2018

“Le nostre strade si dividono” è una frase tipica che possiamo trovare alla fine di un racconto, quando i personaggi che insieme hanno attraversato la storia tornano ognuno al proprio luogo di provenienza. Nei gruppi di allenamento spesso è proprio il mese di giugno il momento in cui, appunto, “le strade si dividono”: amici che […]