fbpx

Ripetute: sofferenza “di qualità”

28 Settembre, 2017
Foto: Alberto Olivero

Sono il cruccio di tanti amatori, l’allenamento più temuto della settimana. Ammettetelo: non appena arriva la nuova tabella di lavoro, l’occhio cade subito sul giorno delle ripetute. 

Principio fisiologico

Le prove ripetute hanno una notevole importanza nell’allenamento delle qualità anaerobiche di un mezzofondista, rilevante per distanze di gara fino a 10-12 km. Per le distanze molto corte la loro importanza aumenta, perché incrementano anche la capacità di utilizzare le riserve lattacide e quelle, per le distanze brevissime, provenienti dal contributo dei creatinfosfati.

Da un punto di vista pratico, questo è il motivo per cui i maratoneti soffrono molto le ripetute brevi: sono più veloci del ritmo gara e richiedono uno sforzo mentale e respiratorio elevato. Ecco perché sono destinate alla preparazione delle distanze tipiche del mezzofondo breve e medio.

Le ripetute sui 400 metri

I 400 m sono la tipica distanza impiegata per incrementare la velocità di base sui 5 e sui 10 km. Se vi allenate in pista, corrisponde a un giro in prima corsia.

12×400 m da correre a un ritmo di 15”/km più veloce rispetto al vostro personale sui 10 km, recuperando 1’ da fermi. Se il vostro personale è di 45’, ovvero una media di 4’30”/km, provate a correre i 400 m a un passo di 4’15”/km, corrispondente a 1’42” al giro.

Le ripetute sui 1.000 metri

Anche questa tipologia di ripetute è molto indicata nella preparazione di gare sui 5 km e sui 10 km.

6×1.000 m, un paio di secondi sotto il ritmo gara sui 10 km, con recupero 1’30” da fermi. Si può ridurre il numero di ripetute e inserire il recupero di corsa: servirà a moderare gli eccessi iniziali, che rischiano di non farvi portare a termine il lavoro.

Le ripetute sui 2.000 e sui 3.000 metri

Ci avviciniamo alle reali necessità dei fondisti cui sono richieste maggiori doti aerobiche.

3×2.000 m al ritmo gara sui 10 km, con recupero 1.000 m al ritmo della corsa lenta, il che significa 40”/km più lento rispetto al ritmo gara sui 10 km.

3×3.000 m al ritmo di gara sui 10 km, con recupero 500 m in souplesse.

Le ripetute in salita

Le ripetute brevi in salita sono la forma di potenziamento specifica per il mezzofondo fino a 10-12 km.

3 km di corsa agile in pianura, 2’ di recupero da fermi e poi 10×120 m in salita, con spinta massimale. Il recupero tra le serie è camminando in discesa: appena tornate al via, ripartite. Al termine degli sprint, correte per 3 km agili in pianura, per fare girare le gambe.

Correre ottobre 2017

I contenuti del numero di ottobre: Personaggi – Il maratoneta Ruggero Pertile continua a correre, ma non più con l’obiettivo di tagliare un traguardo. La prossima fase della vita dell’azzurro sarà nelle vesti di DT dell’Assindustria Sport Padova, società con cui ha raggiunto i risultati più importanti. (Andrea Schiavon) Allenamento – L’affanno dei primi km […]

SEMPRE IN QUESTO NUMERO

Corsa e triathlon, andata e ritorno

28 Settembre, 2017

Sul numero di Correre di febbraio 2016 dedicammo la copertina e ci occupammo di Sara Dossena, curiosi di capire come avesse potuto, sul finire del 2015, passare in poche settimana da un’intensa stagione di triathlon alla corsa campestre in modo così efficace da meritare la convocazione nella nazionale che prese parte agli Europei di cross. […]

Dove la testa vince su tutto

28 Settembre, 2017

Allungando la distanza, il fattore mentale diventa determinante. La vera gara è la gestione di se stessi, possibile solo grazie all’esperienza (tanta) e a una dose di saggezza. Saggezza nel capire i propri limiti, nel conoscere le sensazioni del proprio corpo, nel reagire agli imprevisti e nel governare aspettative irrealistiche che possono portare a strafare. […]

Dal 70.3 alla maratona

28 Settembre, 2017

Negli ultimi anni sempre più sportivi hanno abbandonato la “purezza” di una singola specialità per dedicarsi a diverse discipline di endurance durante una singola stagione agonistica. Una stagione divisa in due  A livello amatoriale il connubio è più semplice da gestire e può giovare a entrambe le prestazioni, riducendo la monotonia e il rischio di […]

Come nutrirsi prima del via

28 Settembre, 2017

Molti atleti commettono di frequente l’errore di allenarsi con la digestione ancora in corso, pregiudicando potenzialmente la loro prestazione e rischiando, alla lunga, di generare sintomi fastidiosi come nausea, reflusso gastroesofageo o colon irritabile. Sempre a stomaco vuoto La regola aurea da rispettare è quella di allenarsi e in generale correre sempre a digestione completata. […]