fbpx

Psicologia: quando il dolore diventa un alibi

20 Aprile, 2017
(Foto: 123rf)

Non tutte le sofferenze fisiche di chi corre hanno delle basi oggettive. Chiunque corre finisce, infatti, per confrontarsi con due tipi di male fisico: quello causato dalla pratica sportiva e quello, ben più misterioso, che a volte compare durante la preparazione o nell’imminenza di una gara. Pur venendo percepiti nello stesso modo, questi tipi di dolore hanno cause diverse. A volte sono semplicemente il prodotto dell’ansia e servono a fornirci una scusa o a tenerci lontano da eventi agonistici che percepiamo come minacciosi per la nostra autostima.

È questo il ragionamento di base da cui parte Pietro Trabucchi per la sua analisi delle diverse cause di dolore che possono colpire il runner.

Il dolore del corpo del runner

Il primo tipo viene definito dolore atletico, dove la dicitura “atletico” fa riferimento alle cause che producono il male, ovvero alla pratica sportiva. Le maggiori responsabili della comparsa di dolore atletico nei runner sono le infiammazioni. Chi corre prova dolore a causa della distruzione delle fibre muscolari operata dalle sollecitazioni di migliaia di passi sull’asfalto, nella maratona e nell’ultramaratona, o perché ci si trova a praticare molta discesa, come nei trail.

Questo primo tipo di dolore non presenta grandi misteri. Le sue origini sono evidenti e in più presenta il vantaggio di poter essere controllato: ci si può cioè allenare a sentirlo di meno, oppure abituarsi a sopportarlo meglio innalzando così la soglia percettiva. Esistono infatti tecniche per il controllo del dolore all’interno di molti programmi di allenamento mentale.

Il dolore della mente del runner

L’altro tipo di dolore possiede invece una natura più subdola. Gli stati di angoscia modificano la percezione del dolore, portando a focalizzare l’attenzione in modo spasmodico su sensazioni normali del corpo che ne risultano ingigantite. Del resto è nota da decenni l’esistenza di un forte legame tra ansia e intensità della sofferenza: i soggetti ansiosi, in altre parole, possiedono una soglia del dolore più bassa della media.

La sensazione è inoltre legata alla percezione di controllabilità degli eventi: la stessa ferita fa molto meno male se io so esattamente cosa mi è successo, quali sono le conseguenze e se esistono soluzioni.

In queste circostanze l’ansia utilizza la sensazione di dolore per tenere lontano il soggetto da qualcosa che fa paura, come un impegno agonistico. Il dolore fornisce al soggetto una sorta di via d’uscita onorevole: un alibi in caso di performance inferiore alle aspettative o addirittura una scusa per evitare il mettersi in gioco.

Il male fornisce una scappatoia a troppa pressione agonistica, specialmente nei ragazzini: quando le pretese prestative dell’allenatore dei genitori sono esagerate può succedere che il bambino sviluppi dei dolori che gli impediscono di allenarsi o di gareggiare. Ciò non significa che siano inventati: il dolore esiste realmente, solo che si sviluppa in maniera in gran parte indipendente da quelle che sono le reali condizioni fisiche.

Di fronte a dolori non immediatamente riconducibili a una patologia evidente, il tecnico o lo stesso atleta dovrebbero utilizzare il buon senso: possono essere il segno di un disagio mentale, ma anche il frutto di accertamenti superficiali o errati.

Nota: Questo testo rappresenta una sintesi del servizio “Quando il male diventa un alibi”, di Pietro Trabucchi, pubblicato su Correre n. 391, maggio 2017 (in edicola da sabato 22 aprile), alle pagine 59 e 60.

Correre Maggio 2017

Ecco i contenuti di questo numero: Panorama – Un personaggio in bilico tra le ore di corsa e le ore di lavoro in fabbrica. La storia del ventottenne valdostano René Cuneaz, terzo nella graduatoria italiana dei maratoneti dello scorso anno. (Saverio Fattori) Metodologia di allenamento – Esiste una relazione tra il carico di lavoro e […]

SEMPRE IN QUESTO NUMERO

Atletica: Scarpette in fuga, i talenti italiani nelle università USA

20 Aprile, 2017

Giovani emigranti degli sport minori, che l’atletica italiana non ha saputo lusingare. Giovani studenti immatricolati nei college a stelle e strisce, per meglio abbinare la carriera accademica a quella sportiva. A distanza di 2 anni dal nostro primo dossier intitolato “Sedotti e… tesserati”, aggiorniamo il censimento dei talenti volati negli Stati Uniti. Ma quanto incidono […]

Rondelli: come diventare più forti in volata 

20 Aprile, 2017

“Rassegnamoci: i finali in volata non sono più una prerogativa soltanto di 800 e 1.500 m: anche nel mezzofondo prolungato, infatti, le gare si risolvono sempre più spesso in volata. Qualche volta addirittura in maratona”. Parte da questa premessa Giorgio Rondelli e su Correre di maggio affronta il problema della volata finale, croce e delizia […]

Dopo-maratona: di nuovo brillanti sulle distanze corte 

20 Aprile, 2017

Nei 3-5 mesi occupati dalla preparazione di una maratona è fisiologico perdere brillantezza e rallentare nelle gare più brevi e negli allenamenti di “qualità”. La ripresa è generalmente divisa in 3 fasi: rigenerazione post maratona (2 settimane); ripresa progressiva della forza e dell’elasticità muscolare (4 settimane); “velocizzazione” vera e propria. 1. Fase di rigenerazione post […]

Pizzolato: allenarsi “più svelti” è il segreto per migliorare 

19 Aprile, 2017

Alcuni podisti sembrano refrattari agli stimoli dell’allenamento. Ma prima di farci demoralizzare dallo spauracchio di ridotti progressi fisiologici e prestativi, proviamo a capirne di più Nell’ambito dell’allenamento aerobico i sistemi dell’organismo si adattano alle sollecitazioni degli allenamenti con tempi piuttosto lunghi. L’evoluzione fisiologica e tecnica è direttamente proporzionale al carico di allenamento svolto, alla durata […]