fbpx

Atletica: Scarpette in fuga, i talenti italiani nelle università USA

20 Aprile, 2017
(Foto: 123rf)

Giovani emigranti degli sport minori, che l’atletica italiana non ha saputo lusingare. Giovani studenti immatricolati nei college a stelle e strisce, per meglio abbinare la carriera accademica a quella sportiva. A distanza di 2 anni dal nostro primo dossier intitolato “Sedotti e… tesserati”, aggiorniamo il censimento dei talenti volati negli Stati Uniti.

Ma quanto incidono gli studenti stranieri nel sistema accademico statunitense? Secondo il rapporto Open Doors dell’Institute of International Education, nell’anno accademico 2015/2016 gli stranieri immatricolati nei college e nelle università americane sono stati 1.043.839, +7,1% rispetto all’annata precedente e il decimo anno consecutivo di trend positivo. Gli studenti stranieri rappresentano oggi il 5,2% degli oltre 20 milioni di iscritti al ciclo di formazione superiore, percentuale che sale al 37% se si considerano tutti i livelli di istruzione.
Lo Stato con la concentrazione più alta è la California, che nel 2015/16 ne ha ospitati quasi 150.000 (+10,5% rispetto al biennio precedente), mentre l’ateneo più gettonato si riconferma la New York University (15.543 stranieri).

La crescita costante del numero di studenti stranieri nel ciclo dell’istruzione superiore ha un impatto positivo sull’economia statunitense: 32,8 miliardi di dollari per l’anno accademico 2015/2016, riporta il Department of Commerce. Nel 2015 i posti di lavoro creati o supportati dall’inserimento degli studenti stranieri sono stati oltre 400.000. Il tutto a fronte di costi decisamente contenuti: solo il 17% è a carico dei college o delle università americane.

Il sistema delle borse di studio premia quegli atleti che si contraddistinguono per i loro risultati sportivi, permettendo loro di frequentare college altrimenti decisamente proibitivi.
«Senza borsa di studio le università americane avrebbero un costo inaccessibile per la maggior parte di noi italiani: La Salle University mi costerebbe più di 50.000 dollari all’anno» commenta il mezzofondista Dylan Titon, da La Salle University di Philadelphia.

«Il sistema dei college mi convince di più rispetto a quello dei gruppi sportivi militari, che si concentrano sui singoli invece che pensare al movimento. Le borse di studio non sono solo per top runner, ma anche per atleti di medio livello a cui viene concessa una chance magnifica. Non c’è da stupirsi se in tanti in Italia mollano l’atletica» si sfoga l’ottocentista Stefano Migliorati, alla East Carolina University di Greenville.

La risposta italiana a questa fuga di talenti? A fine marzo è stato presentato il programma AllenaMente, un sostegno per studenti-atleti della categoria Under 23 non appartenenti a gruppi sportivi militari e parallelamente iscritti a un’università pubblica, che nel 2017 abbiano vestito la maglia azzurra. Entità dell’assegno? Addirittura 500 euro…

Nota: Questo testo rappresenta una sintesi dello speciale “Notizie dalla famiglia”, di Francesca Grana, pubblicato su Correre n. 391, maggio 2017 (in edicola da sabato 22 aprile), alle pagine 90-99.

Correre Maggio 2017

Ecco i contenuti di questo numero: Panorama – Un personaggio in bilico tra le ore di corsa e le ore di lavoro in fabbrica. La storia del ventottenne valdostano René Cuneaz, terzo nella graduatoria italiana dei maratoneti dello scorso anno. (Saverio Fattori) Metodologia di allenamento – Esiste una relazione tra il carico di lavoro e […]

SEMPRE IN QUESTO NUMERO

Psicologia: quando il dolore diventa un alibi

20 Aprile, 2017

Non tutte le sofferenze fisiche di chi corre hanno delle basi oggettive. Chiunque corre finisce, infatti, per confrontarsi con due tipi di male fisico: quello causato dalla pratica sportiva e quello, ben più misterioso, che a volte compare durante la preparazione o nell’imminenza di una gara. Pur venendo percepiti nello stesso modo, questi tipi di […]

Rondelli: come diventare più forti in volata 

20 Aprile, 2017

“Rassegnamoci: i finali in volata non sono più una prerogativa soltanto di 800 e 1.500 m: anche nel mezzofondo prolungato, infatti, le gare si risolvono sempre più spesso in volata. Qualche volta addirittura in maratona”. Parte da questa premessa Giorgio Rondelli e su Correre di maggio affronta il problema della volata finale, croce e delizia […]

Dopo-maratona: di nuovo brillanti sulle distanze corte 

20 Aprile, 2017

Nei 3-5 mesi occupati dalla preparazione di una maratona è fisiologico perdere brillantezza e rallentare nelle gare più brevi e negli allenamenti di “qualità”. La ripresa è generalmente divisa in 3 fasi: rigenerazione post maratona (2 settimane); ripresa progressiva della forza e dell’elasticità muscolare (4 settimane); “velocizzazione” vera e propria. 1. Fase di rigenerazione post […]

Pizzolato: allenarsi “più svelti” è il segreto per migliorare 

19 Aprile, 2017

Alcuni podisti sembrano refrattari agli stimoli dell’allenamento. Ma prima di farci demoralizzare dallo spauracchio di ridotti progressi fisiologici e prestativi, proviamo a capirne di più Nell’ambito dell’allenamento aerobico i sistemi dell’organismo si adattano alle sollecitazioni degli allenamenti con tempi piuttosto lunghi. L’evoluzione fisiologica e tecnica è direttamente proporzionale al carico di allenamento svolto, alla durata […]