fbpx

Maratona: “Breaking2” per pochi… “Breaking qualcosa” per tutti 

28 Agosto, 2017
(Foto: Pierluigi Benini)

A inizio maggio la Nike ha tentato di rompere il muro delle due 2 in maratona all’autodromo di Monza con 3 atleti. Il più rappresentativo, Eliud Kipchoge, campione olimpico e detentore di un PB di 2:03’05”, è riuscito a chiudere in 2:00’25” migliorando di circa il 2% il record del mondo ufficiale (2:02’57”, Kimetto, Berlino 2014).

Il record studiato “a tavolino”

Per migliorare il record di Kimetto del 2,5 %, allenatori e scienziati dovevano trovare un atleta di pari valore e lavorare su alcuni fattori. Analizziamoli per capire come anche i corridori “normali” possano sfruttarli per migliorare.

1. Percorso veloce

La maratona in cui Kimetto ha stabilito il record del mondo ufficiale presenta già un tracciato molto veloce, il “biliardo d’asfalto” dell’autodromo di Monza, quindi, ha contribuito poco. La velocità di un percorso non è data soltanto dall’altimetria: contano anche il fondo e la linearità.

2. Clima

Se la temperatura corporea cresce oltre un determinato set point la prestazione di endurance subisce un peggioramento significativo. Se l’obiettivo è il cronometro, la scelta deve cadere su date e/o luoghi con un clima fresco e un’umidità bassa. Attenzione alle date vicino ai cambi di stagione e al vento.

3. Drafting strategy

La perdita di massa grassa è utile, ma attenzione alla disidratazione.

Per migliorare l’economia di corsa è fondamentale possedere tempi di contatto del piede a terra brevi e un gesto economico e corretto.

Vari studi hanno mostrato che correre “in scia” di un altro runner può portare a una riduzione della spesa energetica del 6-7 %, soprattutto in caso di vento contrario.

4. Integrazione – idratazione

Nel tentativo di rompere il muro delle 2 ore, i 3 runner avevano un addetto al rifornimento che li seguiva durante tutta la prova, evitando sperpero di secondi ed energie.

Sotto questo aspetto non si può agire in una gara regolamentare, provate a pensare cosa accadrebbe se, in gare con 40.000 partenti, venissero autorizzati a entrare sul percorso anche 40.000 ciclisti!

5. Race pace strategy

Diversi studi indicano nell’even pace (passo costante) o nel negative split (seconda parte di gara più veloce rispetto alla prima) le condizioni migliori per spendere meno energia in gara.

Rispetto all’atleta professionista, il runner amatore corre contro il tempo e non contro l’avversario. Risulta importante scegliere il ritmo corretto e valutare se la velocità personale collima con quella dei gruppetti che si formano, per provare a inserirsi in scia.

6. Materiale tecnico

Il peso della scarpa e la sua tecnologia possono incidere sul costo energetico e sulla prestazione, ma nel panorama amatoriale esistono troppe differenze fisiche, tecniche e anagrafiche per assecondare le caratteristiche di ciascuno. Continuate a sperimentare su voi stessi, cercando la scarpa che meglio si adatta alle vostre caratteristiche fisiche e tecniche.

Nota: Questo testo rappresenta una sintesi del servizio “Breaking2 per pochi… Breaking qualcosa per tutti” di Huber Rossi, pubblicato su Correre n. 395, settembre 2017 (in edicola da venerdì 1 settembre), alle pagine 40-43.

Correre Settembre 2017

Panorama – Ci sono vittorie che contano più di un primo posto. Sopravvivere a 5 mesi di viaggio lungo la rotta dell’immigrazione vale più di 5 titoli di campione italiano. La storia del giovane atleta gambiano Nfamara Njie e l’abbraccio del mondo podistico leccese. (Francesca Grana) Reportage – Approdiamo nell’arcipelago di Madeira, località incontaminata e […]

SEMPRE IN QUESTO NUMERO

Niente sesso, siamo atleti?

29 Agosto, 2017

  Da tempo immemorabile si discute tra atleti dell’attività sessuale e del fatto che essa possa ostacolare oppure favorire le prestazioni sportive. Ho rivolto una serie di domande informali ai partecipanti al nostro stage di sport e benessere che si è svolto in luglio in Valle d’Aosta. La simpatia delle risposte ricevute è riuscita a […]

Pronta al decollo

28 Agosto, 2017

Un’estate abbagliante, arroventata dal sole che rimbalza sulla pietra leccese. Le vie del centro sbiancate dal caldo. Chilometri e chilometri macinati nell’illusione di un’ombra che non c’è, tra un lungomare chiuso al traffico e stradine di campagna agghindate da fan club. Siamo a Barletta, città natale e di elezione della futura maratoneta Veronica Inglese. Una […]

La storia siamo (anche) noi (runner), nessuno escluso!

28 Agosto, 2017

Incendi, uova all’insetticida, morte a calci e pugni per colpa di una spinta in discoteca. Dal punto di vista della cronaca nera, l’estate del 2017 non ci ha risparmiato nulla. E non poteva mancare la stagionale impennata degli sbarchi di immigrati sulle coste siciliane. Di questo inarrestabile e spesso ingestibile fenomeno, nel mondo della corsa […]

10 km: al via in 8 settimane 

28 Agosto, 2017

L’estate se ne sta andando e noi come ne usciamo? Riposati o affaticati? “In condizione” o fuori forma? Nel dubbio, meglio ricominciare per gradi, ponendosi come primo obiettivo una gara corta. Premesse Il tempo che otterrete sui 10 km vi sarà utile per definire con precisione i ritmi di lavoro degli obiettivi successivi. Per questo […]