fbpx

La storia siamo (anche) noi (runner), nessuno escluso!

28 Agosto, 2017
(Foto: Daniele Menarini)

Incendi, uova all’insetticida, morte a calci e pugni per colpa di una spinta in discoteca. Dal punto di vista della cronaca nera, l’estate del 2017 non ci ha risparmiato nulla. E non poteva mancare la stagionale impennata degli sbarchi di immigrati sulle coste siciliane.

Di questo inarrestabile e spesso ingestibile fenomeno, nel mondo della corsa disponiamo di un testimone. In apertura del numero di Correre di settembre trovate l’intervista di Francesca Grana a un giovane atleta gambiano, Nfamara Njie, che è sopravvissuto a cinque mesi di viaggio lungo la rotta criminale dell’immigrazione.

Le sue parole rendono inutile ogni commento: «Dal Gambia alla Sicilia ci ho messo 5 mesi. Solo per il gommone 700 euro». E ancora: «Dal Gambia al Senegal viaggiamo con un pullman, poi saliamo su un camion fino in Burkina Faso e in Mali. Ci fermiamo sempre, perché ogni due giorni ci chiedono di pagare ancora. Sto in Niger cinque giorni per trovare altri soldi per attraversare il deserto. Camminiamo undici giorni sotto il sole per arrivare in Libia. Ci muoviamo dalle 4 alle 13, dalle 16 alle 20 e dalle 21 alle 2. Dobbiamo sempre stare attenti perché, se ci vedono, ci fermano, derubano o ammazzano. Banditi? Soldati? Non lo so: gente con le armi che vuole altri soldi e ci spara se non glieli diamo. Io finisco il cibo e anche l’acqua, ma continuiamo. È dura, ma andiamo avanti. Tornare indietro è impossibile. E poi servirebbero ancora più soldi.»

Nel seguito dell’intervista, Nfamara descrive il terrore dei giorni in Libia e della traversata finale verso l’Italia. La nostra, però, almeno per una volta, è una storia di cronaca che parte “nera”, ma vira decisa verso il lieto fine: Nfamara Njie a Lecce ha trovato una seconda casa, l’affetto dell’ambiente podistico locale e un runner di alto livello, l’azzurro Giammarco Buttazzo (con lui nella foto), che lo allena e lo convince che la corsa può diventare la strada per conquistare la normalità.

“In Italia dal 2014, Nfamara ha già conquistato 5 titoli di campione italiano, tra pista, strada e cross. Se li avesse vinti un italiano, sarebbe già una stellina della nazionale giovanile”, annota la nostra inviata, specializzata nei giovani emergenti, categoria a cui gioverebbe la legge sullo Ius soli, che però il Governo e il Parlamento hanno pensato bene di rinviare a dopo le ferie, quando, ancora, non si sa.

 

Correre Settembre 2017

Panorama – Ci sono vittorie che contano più di un primo posto. Sopravvivere a 5 mesi di viaggio lungo la rotta dell’immigrazione vale più di 5 titoli di campione italiano. La storia del giovane atleta gambiano Nfamara Njie e l’abbraccio del mondo podistico leccese. (Francesca Grana) Reportage – Approdiamo nell’arcipelago di Madeira, località incontaminata e […]

SEMPRE IN QUESTO NUMERO

Niente sesso, siamo atleti?

29 Agosto, 2017

  Da tempo immemorabile si discute tra atleti dell’attività sessuale e del fatto che essa possa ostacolare oppure favorire le prestazioni sportive. Ho rivolto una serie di domande informali ai partecipanti al nostro stage di sport e benessere che si è svolto in luglio in Valle d’Aosta. La simpatia delle risposte ricevute è riuscita a […]

Maratona: “Breaking2” per pochi… “Breaking qualcosa” per tutti 

28 Agosto, 2017

A inizio maggio la Nike ha tentato di rompere il muro delle due 2 in maratona all’autodromo di Monza con 3 atleti. Il più rappresentativo, Eliud Kipchoge, campione olimpico e detentore di un PB di 2:03’05”, è riuscito a chiudere in 2:00’25” migliorando di circa il 2% il record del mondo ufficiale (2:02’57”, Kimetto, Berlino […]

Pronta al decollo

28 Agosto, 2017

Un’estate abbagliante, arroventata dal sole che rimbalza sulla pietra leccese. Le vie del centro sbiancate dal caldo. Chilometri e chilometri macinati nell’illusione di un’ombra che non c’è, tra un lungomare chiuso al traffico e stradine di campagna agghindate da fan club. Siamo a Barletta, città natale e di elezione della futura maratoneta Veronica Inglese. Una […]

10 km: al via in 8 settimane 

28 Agosto, 2017

L’estate se ne sta andando e noi come ne usciamo? Riposati o affaticati? “In condizione” o fuori forma? Nel dubbio, meglio ricominciare per gradi, ponendosi come primo obiettivo una gara corta. Premesse Il tempo che otterrete sui 10 km vi sarà utile per definire con precisione i ritmi di lavoro degli obiettivi successivi. Per questo […]