fbpx

15 consigli per un podista perfetto

30 Gennaio, 2018
Foto: 123rf

Se siete appassionati di corsa e cercate un riepilogo degli obiettivi di una preparazione specifica, eccovi le 5 sedute imprescindibili per preparare al meglio le 3 distanze più gettonate del podismo: 10 km, mezza maratona e maratona.

Trattandosi di linee guida generali, questi schemi non tengono conto della necessità di individualizzazione dell’allenamento e alcune sedute non sono indicate per i principianti o in caso di ripresa post infortunio.

Per limiti di spazio, in questa anteprima entreremo nel dettaglio di un allenamento per tipologia di gara. Per la trattazione esaustiva, vi rimandiamo alla consultazione dell’articolo completo su Correre di febbraio.

La corsa di 10 km

Prendiamo l’esempio di un podista che corre 3 o 4 volte alla settimana e ha già sperimentato qualche forma di allenamento sostenuto, tra cui qualche gara.

Gli allenamenti di qualità dovranno mirare al miglioramento della tenuta e all’innalzamento della quota anaerobica. È importante anche curare le fasi di recupero attivo, decisive per migliorare la gestione della fatica, soprattutto nelle situazioni di crisi.

• 6×1 km, recupero 1’30’’ da fermo

A quanto si devono correre i 1.000 m? Dipende dal grado di stanchezza, dal percorso di allenamento e dalla vostra sensibilità al ritmo. Come regola generale, vanno affrontati a un passo medio, non più di 5”/km più veloce rispetto al ritmo di gara sui 10 km. Il recupero permette di ripartire abbastanza riposati ma senza essere “freschi”.

La mezza maratona

Per affrontare una gara di 21 km sono indispensabili regolarità, tenuta e una buona capacità aerobica da cui attingere nei momenti di crisi. Inizialmente il ritmo di gara della mezza maratona può essere ricavato da quello sulla 10 km, cui aggiungere circa 15”/km.

• 3×3 km m, recupero 1 km m di corsa lenta

Una seduta con recupero attivo, non troppo breve. I 3 km non dovrebbero essere affrontati più di 5”/km più veloci rispetto al ritmo gara e il recupero non deve essere mai troppo blando.

La maratona

Per correre la maratona servono tempo, un’attitudine muscolare a correre molti chilometri e preparare la propria mente a sopportare una fatica che, anche se non elevata, sarà molto prolungata. Parole d’ordine: regolarità e resistenza.

• 21 km mattina e 21 km pomeriggio

Si tratta di una forma di allenamento in grado di dare uno “scossone” al metabolismo e al risparmio degli zuccheri. Ogni frazione di maratonina va corsa in progressione e i pasti tra una seduta e l’altra dovrebbero essere poveri di carboidrati. Tra un allenamento e l’altro sarebbe meglio non passassero più di 7 ore.

Questo testo rappresenta una sintesi del servizio “15 consigli per un podista perfetto”, di Lorenzo Falco, pubblicato su Correre n. 400, febbraio 2018 (in edicola da mercoledì 31 gennaio), alle pagine 44-50.

Correre Febbraio 2018

Speciale numero 400 – Cosa è cambiato in questi 37 anni di corsa e di Correre? Molto, tra cui la considerazione che gli “altri” hanno di “noi”. Ripercorriamo l’evoluzione del running attraverso le immagini, il linguaggio e gli argomenti più trattati dalla nostra rivista. (Cristina Aramini, Chiara Collivignarelli e Fabio Marri) Emergenti – Da Giuliano […]

SEMPRE IN QUESTO NUMERO

A scuola di charity: così raccogliamo fondi

30 Gennaio, 2018

Si può fare? Sì #sipuofare. Ve lo dice RunForEmma&Friends, che nel 2016 ha raccolto 48.000 euro in soli sei mesi e nel 2017 ha superato il traguardo raggiungendo quota 53.000 euro, seconda nella speciale classifica che la Milano Marathon riserva per il charity program. Le origini  Anna Archetti e Marco Motola sono l’anima di RunForEmma&Friends, […]

L’inverno del trail runner: salite e forza che fanno bene a tutti

30 Gennaio, 2018

Resta poco più di un mese di stagione fredda, un periodo prezioso in cui svolgere attività importanti, alle quali diventerà difficile dedicarsi quando la stagione agonistica riprenderà il sopravvento. Lo sviluppo della forza, ad esempio, che fa bene a tutti i runner, non solo a quelli che corrono in natura. Allenamenti di qualità L’inverno è […]

Alla scoperta dello squat naturale

30 Gennaio, 2018

Siamo appena all’inizio del 2018, ma la nuova rubrica di Daniele Vecchioni sta già raccogliendo parecchi consensi. Dopo la prima “puntata”, dedicata alla corsa naturale rigenerante, nel numero di febbraio Vecchioni ci spiega l’esercizio dell’accosciata completa, utile a migliorare la nostra mobilità. Un gesto spontaneo Lo stile di vita attuale ci costringe ad abitudini che […]

Correre compie 400 numeri 

30 Gennaio, 2018

Correre di febbraio 2018 è il numero 400 della nostra rivista: 400 numeri in 37 anni. 37 anni quasi esatti: dal 23 marzo 1981 dell’uscita in edicola del numero uno a questo febbraio 2018. Inevitabile, da parte nostra, chiedersi “cos’è cambiato?”, rispondersi “molte cose”, commentare “meno male” o “purtroppo”, a seconda degli ugualmente rispettabili punti […]

Un po’ podista e un po’ runner, il giusto mix della passione per la corsa

30 Gennaio, 2018

Mai come in questo caso, possiamo dire che la copertina di Correre racconta tutto: tutto il numero 400 che raggiunge i lettori in versione digitale da martedì 30 gennaio e in edicola da mercoledì 31. “Come eravamo, come siamo” recita lo strillo maggiore, sottolineato dalla specifica indicazione: “i primi 400 numeri della nostra vita”. L’indovinata […]