fbpx
immagine Vigili del Fuoco

Amatrice non c'è più

Alle 3:36 del mattino le scosse di sesto grado della scala Mercalli hanno iniziato a propagare il loro distruttivo sciame sismico avvertito nel Lazio, in Abruzzo, in Umbria e nelle Marche. Epicentro ad Amatrice, dove domenica si è corsa la famosa Amatrice-Configno.

“Sto bene, ma Amatrice non c’e’ piu”. Lo dice Bruno D’Alessio, da noi raggiunto al telefono alle 14.16. Lo storico organizzatore della Amatrice-Configno teme che la dimensione della tragedia sia decisamente superiore alle comunicazioni ufficiali: “I due collegi, il maschile e il femminile, in cui il parroco come sempre ha ospitato tutti gli atleti, sono collassati. Sotto temiamo ci siano i corpi di alcuni anziani in vacanza. Purtroppo le persone che mancano all’appello sono alcune centinaia“.