fbpx

Acea Run Rome The Marathon: doppietta etiope e record uomini.

Acea Run Rome The Marathon: doppietta etiope e record uomini.

28 Marzo, 2022
Foto: Phototoday
Bekele Fikre Tefera batte il record del percorso con 2:06’48”. In nove concludono in meno di 2:10’.
Tra le donne s’impone Sechale Dalasa Adugna (2:26’09”, p.b.). Luca Parisi (2:20’40”) e Paola Salvatori (2:49’27”) i primi italiani al traguardo. Diciottesimo Calcaterra (2:38’00”). Totale dei classificati: 8.389.

Mai così veloce la maratona maschile a Roma. Per la prima volta nella storia dell’Acea Run Rome the Marathon è stata abbattuta la barriera delle 2 ore e 7 minuti. Ci è riuscito l’etiope Bekele Fikre Tefera che ha concluso in un ottimo 2:06’48” e ha trascinato altri due avversari al di sotto del precedente record della gara (2:07’17”, Benjamin Kolum Kiptoo, 2009): l’etiope Tadesse Temechachu, secondo in 2:07’04” e il marocchino Othmane El Goumri, terzo in 2:07’16”.

Livello alto anche ai piedi del podio: nove gli atleti che hanno concluso in meno di 2:10’ il nuovo tracciato disegnato da Nicola Ferrante.

Il totale dei classificati è di 8.389, cifra ricavata dai 5.484 finisher di cui è composta la classifica generale in ordine di tempo con l’aggiunta dell’elenco alfabetico degli stranieri che hanno concluso la prova (entrambi elenchi pubblicati da Endu-Mysdam), ammessi al via grazie alle nuove norme di partecipazione dall’estero introdotte a seguito della “mozione Lupi”. A questo totale vanno poi aggiunti i runner delle staffette solidali e gli oltre 3.000 partecipanti alla stracittadina di 5 km.

Tutto dopo il trentesimo chilometro

Il gruppo dei top runner è rimasto compatto in tutta la prima parte della gara transitando in 44’29” ai 15 km e 1:02’49” alla mezza maratona. Ne facevano parte: Jacob Cheshari Kirui, Ernest Ngeno Kiprono, Bekele Fikre Tefera, Mamo Tadesse Temechachu, Othmane El Goumri, Abraham Girma Bekele, Lema Mekonnen, Joshua Kogo e Samuel Naibei. 

Dopo il passaggio ai 30 km in 1:30’05” El Goumri ha lanciato il primo attacco. Soltanto Tefera, Temechachu e Bekele sono riusciti a rispondere riducendo a quattro la sfida per la vittoria. 

Al passaggio ai 35 km sono rimasti soltanto El Goumri, Tefera e Temechachu. 

La gara si è decisa al 39° chilometro quando Tefera e Temechachu hanno accelerato staccando El Goumri. Tefera ha poi attaccato ulteriormente a due chilometri dalla fine presentandosi per primo sul traguardo dei Fori Imperiali in 2:06’48”, secondo miglior tempo della sua carriera dopo il 2:06’27”, che gli permise di classificarsi quarto a Seul nel 2017. Nello stesso anno Tefera vinse la maratona di Francoforte in 2:07’08”. 

Maratona di Roma

Donne: 2:26’09” di Sechale Dalasa Adugna 

Dominio dell’Etiopia anche nella prova femminile della Acea Run Rome The Marathon. La trentenne Sechale Dalasa Adugna, al comando in solitaria per oltre metà gara, ha ottenuto il record personale con 2:26’09” (p.b. precedente: 2:26’27”, 2012) nonostante una flessione negli ultimi 7 km, quando ha dovuto combattere con problemi allo stomaco. Completano il podio la keniana Gladys Kiptoo (2:28’45”) al debutto sulla distanza dei 42,195 km, e l’altra etiope Nedi Tedelech Bekele (2:31’01”, p.b.).

Primi italiani

Due gli italiani classificati nei primi venti, entrambi romani: Luca Parisi, dodicesimo in 2:20’40” e Giorgio Calcaterra, diciottesimo in 2h38’00” alla ventesima partecipazione su ventisette edizioni. 

Romana anche la prima italiana, Paola Salvatori, ottava in 2:49’17”.

Il saluto di Papa Francesco 

Durante l’Angelus domenicale in piazza San Pietro, Papa Francesco si è rivolto anche ai corridori: «Saluto i partecipanti della maratona di Roma. Quest’anno, per iniziativa di Athletica Vaticana, numerosi atleti sono stati coinvolti in progetti di solidarietà. Congratulazioni”.

Il pontefice ha fatto così riferimento alle staffette che hanno partecipato all’Acea Run4Rome, le cui quote di iscrizione sono state totalmente donate alle otto organizzazioni no profit che hanno aderito al charity program: Fondazione AIRC, Fondazione Maratona Alzheimer, Fondazione Operation Smile Italia Onlus, Fondazione SportCity, La Stella di Lorenzo Onlus, Sport Senza Frontiere Onlus, Rotary International Distretto 2080 e Il Mondo di Matteo. 

Più di 3.000 persone hanno inoltre partecipato alla Fun Race, la stracittadina di 5 chilometri dai Fori Imperiali al Circo Massimo.

Maratona di Roma

Due edizioni di Acea Run Rome The Marathon in sei mesi

Tra le performance da segnalare va inclusa anche quella degli organizzatori della Acea Run Rome The Marathon, perché non è facile mandare in porto due edizioni della gara in 190 giorni, cioè poco più di sei mesi. Questo infatti è il totale del poco tempo trascorso dal 19 settembre, quando era andata in scena l’edizione 2021, spostata in autunno per il protrarsi delle restrizioni da pandemia.

È questa la prova di forza a cui sono state chiamate le tre realtà che compongono l’organizzazione: Infront Italy, Corriere dello Sport-Stadio e Italia Marathon Club. 

«Ci sono giornate in cui tutto si allinea e oggi è stata una di quelle. Alla voglia delle persone di correre si sono allineati un’organizzazione senza la minima sbavatura, un grande expo village, una gara incredibile che è culminata, al maschile, con il nuovo record dell’Acea Run Rome The Marathon. Sono ricominciati anche i grandi numeri: maratona, staffetta e Fun Race hanno dato il segnale concreto di quanto questo evento stia crescendo, di quanto Roma meriti una gara di respiro internazionale sempre più forte e che non abbia nulla da invidiare alle Major.»

Parola di Daniele Quinzi, direttore marketing Corriere dello Sport – Stadio e maratoneta. 

Articoli correlati

Bravo Meslek! 3’36”04 nei 1.500 metri

31 Luglio, 2022

Di Marta Zenoni sui 1.500 m e Sintayehu Vissa sugli 800 m le altre vittorie del mezzofondo azzurro al meeting “Sport e Solidarietà” di Lignano Sabbiadoro La trentatreesima edizione del Meeting Sport e Solidarietà di Lignano Sabbiadoro ha regalato tre vittorie italiane nel mezzofondo: Ossama Meslek e Marta Zenoni sui 1.500 m, e Sintayehu Vissa […]

Aouani secondo a Castelbuono

26 Luglio, 2022

L’azzurro è arrivato a Palermo carico del lavoro svolto in quota a St.Moritz in vista della maratona dei Campionati europei, ed è stato preceduto solo dal formidabile keniano Isaac Kipkemboi Too Ventesimo successo keniano nel Giro di Castelbuono, giunto martedì 26 luglio all’edizione numero 96. A tre chilometri dalla fine, sulla salita Mario Levante, una […]

News Allenamento Equipment Salute Correre