fbpx
Giancarlo Colombo / Fidal

Pista – Ai campionati italiani Allievi record dei 2.000 siepi della Reina

Lo Stadio Raul Guidobaldi ha ospitato una splendida edizione dei Campionati Italiani allievi, che hanno fatto registrare due record italiani di categoria firmati da Nicole Svetlana Reina sui 2000 siepi (6’37”85) e da Ilaria Casarotto nel lancio del giavellotto (57,68 m) oltre a una serie di risultati da incorniciare, come il 2’06”42 di Elena Bellò negli 800 m, il 58”53 sui 400 a ostacoli di Ilaria Verderio, il 21”42 di Filippo Tortu sui 200 m e il 16,04 m di Tobia Bocchi nel salto triplo

Nicole Svetlana Reina, recente vincitrice dei Trials Europei di Baku valevoli come qualificazione  per le Olimpiadi Giovanili di Nanchino del prossimo Agosto, ha finalmente migliorato il record italiano detenuto dai Mondiali allievi di Ostrava del 2007 da Valeria Roffino correndo la distanza in 6’37”85. Alle sue spalle si è messa in luce la bergamasca Federica Zenoni che è diventata la terza allieva italiana in grado di abbattere la barriera dei 7 minuti con 6’59”64.

Sabato l’allieva di Giorgio Rondelli è andata all’inseguimento del record italiano allieve dei 3000 metri detenuto dal lontano 1978 da Cristina Tomasini che percorse la distanza in 9’22”8. La lombarda non è riuscita nell’impresa ma è riuscita a vincere il suo ennesimo titolo nazionale giovanile in 9’45”01 precedendo ancora Federica  Zenoni

Il senese di origini etiopi Yohannes Chiappinelli ha migliorato il suo record personale sui 2000 siepi con 5’46”20 sfiorando di 5 secondi il primato italiano detenuto da Luciano Introini con 5’41”2 nel 1978.

La semifinalista dei Mondiali allievi di Donetsk Elena Bellò ha vinto un bel duello con Chiara Ferdani in un ottimo 2’06”74 andando vicina al suo record personale con il tempo di 2’06”74. Lo scorso anno corse in 2’06”42 agli Assoluti di Milano. Ottima anche Chiara Ferdani che ha fatto registrare il suo record personale con 2’07”88, sesto tempo italiano di tutti i tempi Ferdani, terza ai Trials di Baku, ha vinto i 1500 metri in 4’36”14

La giavellottista vicentina Ilaria Casarotto ha migliorato il record italiano allieve con l’eccellente misura di 57.68m.

Ilaria Verderio, qualificata di recente per le Olimpiadi di Nanchino grazie alla vittoria di Baku sui 400 metri con record italiano, è diventata la seconda di sempre sui 400 ostacoli a livello allievi con 58”53, secondo miglior tempo al mondo quest’anno in questa categoria. Nella storia soltanto Virna De Angeli ha saputo fare meglio con 58”04.

Nell’ultima giornata si è messo in luce Tobia Bocchi che vincendo con la misura di 16.04m è diventato il secondo allievo italiano in grado di superare i 16 metri nel salto triplo dopo il grande Andrew Howe. La prestazione di Bocchi si piazza al secondo posto in Europa ed è quarto al mondo nella sua categoria.

Filippo Tortu, figlio d’arte di Salvino Tortu, campione master e fratello minore dell’azzurro della velocità Giacomo, ha continuato la grande tradizione di famiglia vincendo i 200 metri in un ottimo 21”42 che migliora di dodici centesimi di secondo il suo record personale stabilito in occasione della recente vittoria ai Trials Europei di Baku.

Nei 100 metri non è stato da meno Diego Pettorossi che ha migliorato il suo record personale due volte correndo la batteria in 10”74 e poi la finale in 10”70 entrando nella top ten di sempre in Italia.

La bolzanina Julia Calliari ha vinto al photofinish sulla bergamasca della Bracco Atletica Daniela Tassani abbattendo per la prima volta  il muro dei 12 secondicon il tempo di 11”96.

La ragazza lombarda ha trascinato la 4×100 della Pro Sesto alla vittoria in 47”17, quarta prestazione itallana all-time a 23 centesimi di secondo dalla migliore prestazione italiana di tutti i tempi di società, Oltre a Verderio le altre componenti della staffetta lombarda sono Sofia Bonicalza, Elisa Talini e Caerina Dell’Orto

Il figlio e fratello d’arte Filippo Tortu, vincitrore ai Trials Olimpici Europei di Baku, ha realizzato con un clamoroso 21”42 la seconda migliore prestazione italiana all-time sui 200 metri per un atleta al primo anno nella categoria allievi alle spalle di un certo Andrew Howe.

La siciliana Angela Mangione, allenata da Gaspare Polizzi, ha realizzato la settima migliore prestazione di sempre in Italia sui 400 metri con 54”80.